Moto3, a Valencia Fenati buttato giù da Antonelli all'ultima curva

Redazione Picenotime

08 Novembre 2015

Si chiude in maniera molto sfortunata la quarta avventura nel Motomondiale di Romano Fenati. Sul circuito di Valencia, ultima tappa del Campionato Mondiale Moto3, il portacolori dello Sky Racing Team scatta dalla seconda posizione in griglia e lotta per tutta la gara nel gruppo di testa. 

All'ultima curva, quando era in quarta posizione in piena lotta per il podio, il talento ascolano viene letteralmente buttato giù da Niccolò Antonelli, che rischia troppo e fa fuori anche lo spagnolo Efren Vazquez. La vittoria va al portoghese Miguel Oliveira davanti allo spagnolo Jorge Navarro ed al ceco Jakub Kornfeil, con il britannico Danny Kent che termina in nona posizione e conquista il suo primo titolo mondiale con 259 punti, a seguire a Miguel Oliveira con 254 ed Enea Bastianini con 207. 

Il 19enne pilota ascolano, che l'anno prossimo correrà ancora in Moto3 con il chiaro obiettivo di puntare al titolo mondiale, eguaglia il suo record di punti nel circuito iridato (176) e termina una buona stagione al quarto posto in classifica, con una vittoria in Francia, due terzi posto a Mugello ed Aragon ed una pole-position in Giappone. Nel 2014, infatti, chiuse al quinto posto assoluto con 176 punti, nel 2013 decima piazza con 73 punti e nel 2012 sesta posizione con 136 punti. 

COMMENTI DEI PROTAGONISTI

Pablo Nieto: "Chiudiamo un anno intenso con soddisfazione, anche se oggi lottavamo per il podio e l’esito della gara naturalmente lascia un po’ di amaro in bocca. Abbiamo comunque portato a termine il Mondiale nei primi quattro e con tanta voglia di lavorare per il prossimo anno, che è la cosa più importante. Voglio ringraziare tutto il team, Romano, Migno che ha fatto una bellissima gara terminando tra i primi 15 e Bulega, perfetto e a punti al suo esordio".      

Romano Fenati: "Naturalmente dispiace finire questo campionato con l’amaro in bocca, ma la quarta posizione in Moto3 è il miglior risultato della mia carriera e mi rende orgoglioso. La gara di oggi è stata una bella battaglia, lottavo per il terzo posto, ma il crash ha mandato tutto in fumo. Guardiamo al 2016 con grande fiducia grazie a un team unito e ben collaudato". 

Andrea Migno: "E’ stata una buona gara, ci siamo divertiti, abbiamo avuto un bel passo costante e siamo andati forte sin dall’inizio. C’è stata poi una bella bagarre e non sono riuscito a completare la rimonta fino al primo gruppo. Ma contiamo di raggiungere questo obiettivo già dall’anno prossimo. Non vedo l’ora di ricominciare". 

Nicolò Bulega: "E’ stata una prima gara molto bella, l’abbiamo portata a termine nonostante le difficoltà e l’aver preso dei punti mi rende orgoglioso. Sono contento e ringrazio lo Sky Racing Team VR46. Adesso siamo già concentrati e proiettati sulla prossima settimana: mi giocherò il campionato e la gara di oggi mi ha dato una grande opportunità di immagazzinare subito un'esperienza importante. Sarà un bel vantaggio in gara e cercherò di sfruttarlo al massimo".          


© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni