La Logica Cestistica Ap perde a Fabriano a testa alta

Bruno Allevi

18 Gennaio 2016

Il gruppo under 20 della Logica Cestistica AP ha colto l'occasione domenicale per misurare le proprie potenzialità cestistiche e la gara col Fabriano, prima della classe, ha portato tante indicazioni per crescere. Un solo dato, a fine gara, potrebbe essere fondamentale al processo formativo, ossia la necessità di dare esclusiva precedenza all'azione di gruppo, limitando il " fai da te". L'eccessivo individualismo del play Fornetti, che era risultato il migliore in campo la settimana prima, ha favorito il gap finale dei + 25 per il Fabriano. In ben 11 occasioni ha perso palla, favorendo l'azione del contropiede avversario, che ha realizzato 2 triple (6 punti) e 9 canestri (18 punti) con le azioni conseguenziali. Ecco: 11 palle perse, ovvero regalate per l'eccessivo palleggio, ben 24 punti posti sul piatto, oltre alle 5 PP degli altri. Nessuna critica ad un giovane che sta crescendo e che sembra pronto per la categoria superiore, ma certi difetti vanno subito corretti e servono da monito anche agli altri. Nella rimanente parte della gara, la squadra ha sicuramente migliorato in difesa ed anche nella velocità del passaggio palla, ma contro la capolista Fabriano occorrono altre doti e motivazioni.
I giovani ascolani giocano bene alcuni minuti e poi si disorientano con frettolosi tiri : ben  1 / 13 da tre con Fornetti (1/4), Cavoli (0/3), Alamo (0/3), Albertazzi (0/3)  o 22/45 da due. Gli errori nella frettolosità del tiro, dimenticando la disponibilità dei 24 secondi, accentuano l'inesperienza di questi giovani che, sicuramente, nel futuro potranno offrire più garanzia, anche in categorie più alte.
Macedo (97) ha giocato con diligenza e rispetto del ruolo, bene Cavoli (97), ma ancor timido nel tiro, Alamo (96) ha migliorato in difesa, ma ha ecceduto nel tiro da 2 (2/11), Gazineo (97) è risultato più positivo, lottando sotto canestro
(7 rimbalzi) e con alta media da due sotto plance (8/11). Buono il contributo in difesa di Albertazzi (8 rimbalzi) e Cataldi con 3 rimbalzi ed 1/2 da due. Il Fabriano, ovviamente, ha fatto la sua gara, facendo girare l'intero organico e guardando alla differenza canestri col Tolentino, capolista dell'altro girone. Una bella gara, con forte pubblico presente ad incentivare i locali in una piacevole e leale partita. Sabato prossimo nuovo derby col Pedaso, altra valida verifica per la crescita della giovane squadra ascolana. Al termine, per risollevarsi anche dal pessimo tempo metereologico del piceno, il Presidente, su invito dello sponsor Logica-Spazi logistici, ha condotto i suoi al Rustichello, per riscaldarsi con bauletti e gesuiti e con un buon contorno di olive all'ascolana.

TABELLINO                          

Janus Fabriano - Cestistica Ascoli 82 - 57  (18-11, 25-16, 16-16, 22-14)

Janus Fabriano: Taylor 21, Carnevali 4, Bugionovo 9, Nizi 6, Braccini, Carsetti, Paoletti 5, Franklin 11, Patrizi 5, Usberti 8, Quercia 13. All. Bolzonetti - Ass. All. Rapanotti

Logica-Cestistica AP: Fornetti 17, Gazineo 17, Cataldi 2, Macedo, Cavoli 6, Albertazzi 6, Alamo 9. All. Martinelli

ARBITRI: Siliquini e Notarangelo

 

© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni