Virtus Lanciano, deferimento per irregolarità nei pagamenti. I Maio non lasciano

Redazione Picenotime

15 Febbraio 2016

Guglielmo e Valentina Maio

Come ampiamente previsto la Virtus Lanciano dovrà incorrere in altri punti di penalizzazione nel campionato in corso per inadempienze amministrative. Il club rossonero, arrivato a quota 24 dopo l'importante vittoria interna contro il Modena nell'ultimo turno, è stato deferito oggi dal  Tribunale Federale Nazionale Sezione Disciplinare.


Ecco il comunicato ufficiale pubblicato sul sito della Figc che riguarda anche il Savona Calcio: 


"A seguito di segnalazione della CO.VI.SO.C., il Procuratore federale ha deferito al Tribunale Federale Nazionale Sezione Disciplinare una società di serie B, la Virtus Lanciano, e una di Lega Pro (Girone B), il Savona.

La Virtus Lanciano è stata deferita a titolo di responsabilità diretta per le violazioni disciplinari ascritte all’amministratore unico e legale rappresentante pro-tempore Claude Alain Di Menno Di Bucchianico (“per aver violato i doveri di lealtà probità e correttezza, omettendo di depositare presso la Co.Vi.So.C., entro il termine del 16 dicembre 2015, la dichiarazione attestante l’avvenuto pagamento delle ritenute Irpef e dei contributi Inps relativi agli emolumenti dovuti ai propri tesserati, lavoratori dipendenti e collaboratori addetti al settore sportivo per le mensilità di luglio, agosto, settembre e ottobre 2015”).

Il Savona è stato deferito a titolo di responsabilità diretta per le violazioni disciplinari ascritte ai propri legali rappresentanti pro-tempore Aldo Delle Piane, Enrico Santucci e Stefano Giordano (“per aver violato i doveri di lealtà probità e correttezza, omettendo di depositare presso la Co.Vi.So.C., entro il termine del 16 dicembre 2015, la dichiarazione attestante l’avvenuto pagamento delle ritenute Irpef e dei contributi Inps relativi agli emolumenti dovuti ai propri tesserati, lavoratori dipendenti e collaboratori addetti al settore sportivo per le mensilità di maggio e giugno 2015”)".


Nel frattempo la famiglia Maio ha confermato do voler proseguire la sua avventura alla guida del club con un comunicato ufficiale attraverso il proprio sito:


Quando diventa impossibile lasciare...


Alla vigilia di questa decisione importante per la Virtus, per la città intera e per la nostra famiglia, ci siamo riuniti come avevamo fatto la prima volta, ormai molti anni fa, quando avremmo dovuto decidere se entrare in questo meraviglioso mondo di emozioni che è il calcio; e come quel giorno, anche ieri ci siamo guardati negli occhi, abbiamo chiarito quali  fossero i nostri punti di vista, abbiamo discusso e abbiamo capito che è impossibile tenere a bada un sentimento, quello che continua a ricondurci sempre su questa strada da quasi dieci anni.

E abbiamo preso atto che questo patrimonio di emozioni e di affetto è davvero difficile da mettere da parte e, soprattutto, che in questo momento è impossibile per noi... e che la nostra avventura con il Lanciano non è finita.

Abbiamo vissuto dei momenti difficili, ma siamo stati inondati dall’affetto di molti e dalla solidarietà di moltissimi che hanno manifestato  il loro supporto con la presenza e con le parole. Abbiamo sentito vicine le istituzioni come non mai.

Abbiamo messo sulla bilancia solo quello che c’è stato di buono in questi anni e abbiamo sorvolato su quello che ci ha ferito. Abbiamo lasciato che il cuore prendesse il sopravvento sulla testa quando abbiamo ritrovato negli sguardi dei tifosi lancianesi l’entusiasmo che, forse, si era assopito, l’emozione che abbiamo provato tutti per qualcosa che sembrava impossibile e che, invece, era solo da afferrare, con tutta la forza disponibile. Sì, abbiamo fatto una scelta di cuore. Un cuore che vuole continuare a battere, perché non si può scappare da una passione così grande. Un amore così speciale può solo essere vissuto e condiviso con tutti coloro che credono ancora in questa squadra, in questa avventura.

Franco, Gugliemo e Valentina


© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni