Ascoli Calcio, Benigni non molla ma Nicoletti porta i libri in tribunale

Redazione Picenotime

16 Dicembre 2013

Non mancano i colpi di scena nelle ultime ore dell'ultracentenaria storia dell'Ascoli Calcio. Ieri Costantino Nicoletti, dopo l'assemblea dei soci in cui non era presente nessun componente della famiglia Benigni, aveva annunciato ufficialmente a tifosi e cronisti il fallimento del club bianconero.

Ma stamattina, dopo essersi recato alla Procura della Repubblica come annunciato nella conferenza stampa al Del Duca dopo la gara col Gubbio, Nicoletti ha dovuto far fronte all'ennesima strenua resistenza della famiglia proprietaria del club.

Emblematico un messaggio pubblicato mezzora fa dal 42enne manager fiorentino sul suo profilo Twitter: "Stanno preparando un'altra tarantella". Contattato telefonicamente dalla nostra redazione, il dimissionario amministratore unico dell'Ascoli ha risposto con un sorriso amaro: "Ci stanno ancora provando, sono davvero incredibili - ha dichiarato Nicoletti a Picenotime.it -. Ho una forte emicrania, questi giorni ad Ascoli mi hanno prosciugato. Stamattina presto sono stato in tribunale come avevo anticipato ieri, ma è stato più che altro un pour-parler. E' andata deserta la seconda assemblea dei soci convocata per la mattinata di oggi, ma so bene che stanno provando ad organizzarsi per evitare il tracollo. Tecnicamente i Benigni hanno tempo fino a domani, quando saranno presentate le tre istanze di fallimento, credo ci sia un vertice in corso in un'altra sede e stanno tentando a tutti i costi di salvare il salvabile. Si tratta di convincere tutti coloro che hanno presentato le istanze di fallimento a tornare sui propri passi. Io sono costretto a rimanere ad Ascoli almeno fino a domani, vedremo che succederà, sono veramente stanco".

Non desiste però il 42enne manager fiorentino e con coraggio si dirige in tribunale per depositare i libri contabili, formalizzando virtualmente il fallimento dell'Ascoli Calcio 1898. Il tutto corollato dal solito "cinguettio" sul suo social network preferito alle ore 13:30: "Libri depositati! 25 giorni potrei scriverlo un libro, non solo depositarli...".

Per le ore 16 è stata convocata una nuova assemblea, il finale di questa estenuante telenovela è ancora tutto da scrivere...

Clicca qui per il video integrale della conferenza stampa di Nicoletti dopo Ascoli-Gubbio

© riproduzione riservata

Commenti (3)

Patrick 16 Dicembre 2013 10:55

Nicoletti chiama la finanza ,anzi portagli direttamente i libri ,poi ci facciamo due risate.Che dio li fulmini,possibilmente subito.


Patrick 16 Dicembre 2013 13:00

Nicoletti porta i libri al giudice e presentala tu stesso l'istanza di fallimento con la motivazione che i debiti pregressi da tale società sono insanabili e per motivi seri e reali di ordine pubblico,qua se ci fanno andare in eccellenza è meglio che si trasferiscono a Vladivostok ,basta teatrini la piazza è stanca,qui si deve riportare a parlare la gente di calcio giocato e non di calcio bollato,se ci rovinate il Natale..........Uomini avvertiti,mezzi salvati.


Simone 16 Dicembre 2013 23:17

Non posso credere che ancora stanno facendo il possibile per allungarci l'agonia.
Vorrei far capire alla famiglia una cosa che dovrebbe placare la loro ira.
Ci avete ridotto a pregare il fallimento della nostra squadra del cuore.....la squadra che ha caretterizzato la nostra giovinezza...... Colei che per 115 anni ci ha fatto battere il cuore.
Ora basta, rispettate i vostri concittadini e andatevene da questa citta.


PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni