Ascoli, nuova era: via Lovato e Marroccu, soci restano, Cardinaletti plenipotenziario

Redazione Picenotime

13 Giugno 2016

E' durata un'ora l'attesissima conferenza stampa del numero uno dell'Ascoli Picchio Francesco Bellini che ha delineato le nuove strategie del club bianconero in vista del prossimo campionato di Serie B. Al fianco all'imprenditore italo-canadese hanno seduto Andrea Cardinaletti, Battista Faraotti, Gianluca Ciccoianni e Maria Cristina Celani (assente Giuliano Tosti per impegno di lavoro, presente comunque all'assemblea dei soci che si è svolta prima della conferenza stampa con l'arrivo nel finale del sindaco Guido Castelli e dell'assessore allo sport Massimiliano Brugni).

Tante le novità emerse: Bellini non è più presidente (per lui un ruolo da patron alla Pozzo) e non esiste più un Cda. Nominato Cardinaletti amministratore unico, plenipotenziario, con il sostegno di tutti i soci ascolani che vigileranno sul suo operato. "Tagliati" sia il ds Marroccu che il dg Lovato (presente in sede ma non alla conferenza stampa), per entrambi rescissione consensuale dei contratti in essere. Tra domani e dopodomani sarà firmata la convenzione con il Comune per la proroga di un anno della convenzione per l'utilizzo dello stadio "Del Duca", con la proposta economica dell'Arengo che sarà rivista al ribasso. Per il Centro Sportivo è ormai certa la scelta del Città di Ascoli per un costo di circa un milione di euro, il ritiro estivo è confermato a Cascia nonostante la vicinanza della Sambenedettese. Allenatore e nuovo direttore sportivo sono stati già scelti, i loro nomi verrano comunicati a breve (tra domani e dopodomani). Per l'Ascoli inizia una nuova era.

CLICCA QUI PER VIDEO CONFERENZA STAMPA

DIRETTA TESTUALE DELLA CONFERENZA STAMPA 

BELLINI: "La relazione con i soci è stata sempre buona. Non leggo più i giornali, tra noi ci sono state normali discussioni. Se volete vendere più giornali, scrivendo notizie non vere, a questo punto ve li compro io... Non capisco dove prendete queste notizie. Riparto per il Canada giovedì, prima di quella data avrete il nome di allenatore e ds. Avevamo Longo, pronto a firmare, poi è intervenuto il presidente del Torino, che ha iniziato una sinergia con la Pro Vercelli. C'è molta concorrenza nel calciomercato, non si possono fare uscire notizie. Ci sono stati cambiamenti societari, il ds Marroccu, con accordo mutuale, se ne è andato. Per ragioni familiari non è stato capace di onorare a pieno tempo il suo incarico. In partenza anche Gianni Lovato, a mio avviso ogni 2/3 anni deve esserci una rotazione. Se non fosse stato per Lovato, io non sarei mai arrivato ad Ascoli, dovrete sempre ringraziare per quello che ha fatto per questa città, sarà risoluzione del contratto. Non prenderemo un dg, prenderemo invece un ds. Non sono più il presidente dell'Ascoli, abbiamo nominato un amministratore unico che svolgerà tutte le funzioni, ovvero Andrea Cardinaletti. Il Cda si è dovuto dimettere e poi ha nominato un amministratore unico. Ho parlato poco fa con il sindaco per lo stadio, stiamo cercando di trovare una soluzione al problema dell'affitto. Per il Centro Sportivo compreremo il Città di Ascoli per un milione di euro. Compriamo solo i campi di calcio, per la parte superiore abbiamo un comodato d'uso per cinque anni".

Arrivato anche Ciccoianni in conferenza stampa.

FARAOTTI: "Io e il presidente non abbiamo litigato, abbiamo solo discusso, non nego quello che ho fatto due anni e mezzo, mi piace stare vicino alla società ed ai tifosi. Lovato ha contribuito a portare il presidente ad Ascoli. Non rifacciamo gli stessi errori, fissiamo un budget preciso, troviamo una sola persona responsabile che sia l'unico referente. Cardinaletti è stato scelto all'unanimità, può far bene e risponde al profilo che il presidente voleva. Questa è un'impresa dove si perdono solo soldi e non ci si guadagna, il più bravo è quello che perde meno. Cardinaletti ha una grande responsabilità, merito suo che ha accettato questo compito, penso che possa fare molto bene. Ci faremo noi carico dei lavori per lo stadio, troveremo un accordo per rinnovare la convenzione, ogni tanto vanno ricordate agli amministratori le loro responsabilità, domani si valuteranno i dettagli per la concessione del Del Duca. Anche il Sole 24 Ore ha stabilito che siamo l'unica società non indebitata, mettiamo dentro soldi nostri, le altre squadre vanno avanti con l'appoggio delle banche e poi nelle difficoltà spesso saltano. Il presidente deve mettere i soldi stabiliti, tornare qui a godersi le partite senza doversi occupare di tutto. Lasciando la Società avrei tradito me stesso, partecipo con una Società meglio organizzata, si fanno dei sacrifici, abbiamo piena fiducia la figura di Cardinaletti, da amministratore delegato ad amministratore unico. Si occuperà di tutto, dai rapporti con le banche, istituzioni, stampa. E' marchigiano ed ha un buon curriculum. Con Lovato avevo ed ho tuttora un ottimo rapporto, ha fatto bene, se avesse ascoltato di più però forse si sarebbe trovato meglio... Tosti non c'è per un impegno, veniamo fuori da un'assemblea in piena armonia, andiamo avanti tutti insieme, non lasciamo solo il presidente".

BELLINI: "Serve una struttura snella che riesca a muoversi in fretta. Non ci sarà più un Cda bensì un'assemblea dei soci. Giorgi? Non è vero che qualcuno lo voleva vendere al Vicenza. Nessuno ha contattato il club biancorosso".

CICCOIANNI: "Si è messa una riga su, c'è un foglio bianco, si ricomincia con tanta voglia di lavorare, tralasciando tutto quello che è stato fatto in questi due anni. Era fondamentae andare in Serie B e rimanerci, parte un nuovo percoso verso un traguardo che tutti noi ci auguriamo. Voglio ricordare il ds Marroccu, il dg Lovato e gli allenatori che ci sono stati. Prepariamo una stagione che ci darà grandi soddisfazioni, a partire dal Centro Sportivo che sarà fondamentale per il settore giovanile, che deve essere un nostro vanto ed una nostra cassaforte, facendo lavorare al meglio i ragazzi."

AVVOCATO CELANI: "Preso atto di quanto fatto in bene e meno bene di chi ha operato, con la necessità di un cambiamento sia a livello sportivo che non sportivo. Abbiamo rinunciato alla figura del dg, il Cda è stato sostituito da un amministratore unico con i soci che vigileranno sul suo operato. La gestione è concentrata in una
persona che riferirà ai soci stessi. Lo stadio? Il mio incontro con il dirigente comunale è figlio di uno scambio di mail con il Comune, ci siamo visti venerdì e ci hanno proposto il nuovo profilo della convenzione che ho girato subito ai soci per prendere una decisione. In quella sede io non potevo decidere, ho solo trasmesso la proposta del Comune a chi di dovere. Tra un po' rinnoveremo la convenzione
".

FARAOTTI: "Il presidente non vuole litigare con il sindaco. L'unica maniera è parlarsi, l'abbiamo fatto poco fa anche alla presenza dell'assessore, domani o dopodomani la convenzione sarà firmata, il muro contro muro non porta da nessuna parte".

BELLINI: "La lettera mandata al sindaco l'altra sera esiste, ma il contenuto rimane tra me e il sindaco".

CARDINALETTI: "Sento la responsabilità di questo atto di fiducia ma non ho paura. Ho rispetto dei soci e delle aspettative di una piazza e di una tifoseria molto passionale. Abbiamo lavorato molto in questo mese, un lavoro che in qualche azienda forse impegnerebbe qualche anno. E' stato scritto un progetto, avete parlato di confusione quando all'interno della Società c'era solamente tanta progettualità, le stesse linee che mi sono state comunicate da presidente e soci la prima volta che ci siamo conosciuti. Una società deve scrivere la sua identità nel rispetto del territorio, deve scegliere uomini in base al progetto, con strutture idonee. Nessuno deve lavorare per se stesso, ma per un progetto totale che vada avanti per 50 anni. Abbiamo lavorato molto bene e tutto ciò mi dà grande fiducia, so di non essere solo, so di avere un presidente unico, che non ha eguali, vicino ci sono dei soci appassionati, qualificati e professionalmente importanti. Ho un gruppo di collaboratori all'interno della Società di grandissimo valore, il compito di chi assumere o meno è mio, vivo con fastidio quando la stampa entra nel merito delle mie scelte. Tutte le persone che vedrete sono scelte da me e sarà l'unico responsabile. Voi giornalisti dovete aiutarmi e aiutarci, sono certo che avete a cuore il futuro di questa squadra, potete essere determinanti. Sappiamo che possiamo migliorare e fare di più, confido molto nel vostro sostegno, all'esterno devono vedere una roccia che non si può scalfire, altrimenti avremo vita difficile ovunque. Chi viene da noi deve vedere l'Ascoli come al Real Madrid, devono avere gli occhi infiammati e vedere questa occasione come quella della vita. Noi vogliamo armonia e stiamo scegliendo la squadra, ci è bastato quello che è successo nel bene e nel male. Nelle prossime ore comunicheremo nomi ds e allenatore. Abbiate pazienza se ci siamo chiusi un po' nel nostro silenzio ma stavamo lavorando sodo. La sede dell'Ascoli  è questa e questa rimane. Giaretta? Parleremo nelle prossime ore delle scelte che abbiamo fatto. Abbiamo preso una decisione definitiva sia per ds che per il nuovo allenatore ma dobbiamo aspettare a comunicarle. Ritiro a Cascia? Non ci sposteremo, siamo fiduciosi che vada tutto per il meglio nonostante la vicinanza della Sambenedettese, contiamo nella civiltà e nella maturità delle due tifoserie".


© Riproduzione riservata

Commenti (31)

Algoritmo 13 Giugno 2016 20:10

Evviva l'Ascoli Picchio è sempre più forte!


Paolo 13 Giugno 2016 20:43

Con sincerità non mi sembra tutto così chiaro come invece viene annunciato. Dunque Bellini non è più presidente e quindi non eravano proprio in errore e malafede quelli di noi che continuavano a sostenere che il Presidente, ora ex, non avesse come principale obiettivo la presidenza della squadra. Pieni poteri a Cardinaletti ? Non sono in grado di entrare nel merito, ma da vecchio tifoso e ascolano di nascita la cosa non mi fa fare salti di gioia......Mi chiedo anche, se è vero che l'allenatore abbia già firmato, perché non sia stato fatto il suo nome. Penso in definitiva che la passione e il cuore del glorioso Ascoli molto radicato nel cuore di tanti tifosi andrà inevitabilmente raffreddandosi. W l'Ascoli !


francesco 13 Giugno 2016 20:46

tutti sti poteri non mi entusiasmano, mi consola il fatto che siano garanti i soci ascolani


luca 13 Giugno 2016 21:01

Premesso che si guarda al bene del'Ascoli
MA SE QUALCUNO VUOL FAR CREDERE CHE ESISTE BABBO NATALE LA BEFANA E PINOCCHIO ALLORA LASCIAMO STARE.
Conferenza stampa farsa dove gli interpreti di uno scontro durato mesi (bellini che prende in giro faraotti e dice che non caccia soldi lui che fa un comunicato dove dichiara non faccio la comparsa al cda) che hanno portato all'allontanamento di lovato tutto viene fatto passare come uno scherzo, giuliano tosti era in sede, ma non era in conferenza stampa perchè ha una dignità non è un pupazzo, ha lasciato la sede senza dire nulla scuro in volto.
Accettiamo tutto per il bene dell'Ascoli, passare da deficenti no, ma aver messo in mano la società ad un manager che di calcio non sa nulla.
Aspettiamo prima di giudicare.


ruphus 13 Giugno 2016 21:04

Paolo, ti definisci tifoso dell'Ascoli na sei sempre pronto a criticare l'operato di tutto e tutti, dai tifosi, ai dirigenti al Presidente. Non so quali titoli tu abbia per giudicare tutto con grande supponenza. Ora bisogna stringersi intorno a squadra e società e fare i tifosi. Il resto non conta. Forza Picchio a prescindere!!!


Mario 13 Giugno 2016 21:05

Pienamente soddisfatto. Meglio di così non poteva andare. A continuare a non vederci chiaro saranno quelli che ora non sanno più come giustificare le loro triste uscite nei social in questi ultimi giorni in cui speravano fosse tutto negativo. Ora godiamoci il calcio mercato


Gigi 13 Giugno 2016 21:06

Incredibile! Avete da ridire anche su decisioni che ci hanno consegnato una società più forte più unita e con progetti seri.
Una maschera che e ' ora!!!!


francesco 13 Giugno 2016 21:08

mi consola il fatto che Battista Faraotti si è esposto in prima persona sul resto stendiamo un velo pietoso


andrea 13 Giugno 2016 21:25

Con i soci tutto apposto.
Lovato va via perché sono abituato a ruotare i collaboratori ogni 2/3 anni.
Marroccu lascia perché non riesce a mantenere gli impegni.
Giuliano Tosti non è presente perché ha impegni di lavoro.
Col sindaco tutto apposto la mail era una provocazione.
Coccoianni è arrivato tardi era al bagno.
Bellini a come si possono dire certe cose?
Dopo tutte queste dichiarazioni di circostanza al limite della fantascienza, non sappiamo se ridere o piangere.



iei Vuoi far passare tutti da


decumano alieno 2 + 1 13 Giugno 2016 21:27

... dopo una giornata intensa, posso finalmente dedicarmi al calcio. Ho la televisione accesa, con la partita dell' Italia. Ma io mi informo, sulla conferenza stampa. Sono contento che alla conferenza stampia, abbiano partecipato i soci. Finalmente è stato dato, l' assetto societario che speravamo. Avanti Bellini, avanti Faraotto, avanti Ciccoianni, avanti Tosti. Il più e fatto, ora al confronto l' allenatore è un dettaglio.


picchio78 13 Giugno 2016 21:51

Ma ancora tutte ste polemiche,non mi sembra che ci sia confusione,anzi, la chiarezza c'è, lui è il patron alla pozzo e caccia i soldi i Soci ascolani ci sono e Cardinaletti amministra e decide, si fa il centro sportivo, abbiamo i conti in regola, ma che volete di più!! Sono convinto che queste sono decisioni molto importanti, l'unico dispiacere è per marruocco!!!


asnkvola 13 Giugno 2016 21:54

Ancora non avete capito che qua la musica la suona uno solo,FRANCESCO BELLINI.


nico 13 Giugno 2016 22:02

de zerbi.............evviva


M@&$TRO 13 Giugno 2016 22:03

Cari tifosi ascolani, va bene così. Adesso le società debbono essere gestite da una sola figura. Che si deve prendere tutte le responsabilità, se è in grado OK. altrimenti si cambia, i soci debbono controllare. Se non arrivano risultati fuori e si cambia. Sono d'accordo, ci vuole la meritocrazia. Comunque sempre e solo FORZA PICCHIO ...........................


bruno 13 Giugno 2016 22:09

Soddisfatto al 70%, sempre forza Pikkio


nostradamus 13 Giugno 2016 22:10

Cardinaletti è il traghettatore verso la presidenza Faraotti... l'era è finita il momento in cui ha capito che senza battista non è nessuno, ed è andato a parlare nella sua azienda


Ascoli ieri oggi domani 13 Giugno 2016 22:13

Bravo Presidente ! Epurazione giustissima e Conferma dei soci altrettanto giusta!!!! Io ho fiducissima!!!!! Pikkio ale ale ale


angelo 13 Giugno 2016 22:29

Ma quale bellini il vero presidente è faraotti o non lo avete ancora capito?


sarò sempre del settembre 13 Giugno 2016 22:39

SODDISFATTO AL 100%. L'ASCOLI È L'UNICA SOCIETÀ SENZA DEBITI IN ITALIA (IL SOLE 24ORE) CARDINALETTI SCELTO ALL'UNANIMITÀ, E DI CALCIO CI CAPISCE, VISTO CHE È STATO AL PALERMO. SOCIETÀ PIÙ SNELLA E CON UN GRANDE FUTURO. PERÒ A QUALCUNO NON VA BENE, VERO LUCA PAOLO ETC ETC. ANDATE A TIFARE IL BRESCIA A RISCHIO ISCRIZIONE O IL GRANDE BARI, CHE STA CON LA MEXXXA FINO AL COLLO. E VOI PORTATE ALL'ASCOLI? NON MERITATE NULLA


ripano 13 Giugno 2016 23:00

Come sempre c'è chi vuol fare il capiscione.....

Avanti Picchio!


mario bianconero 13 Giugno 2016 23:01

buon lavoro cardinaletti, buon lavoro Ascoli, ora fateci uno squadrone, siamo stanchi di soffrire


onore a Giuliano è marroccu 13 Giugno 2016 23:09

Sarò orgoglioso della mia società quando vedo Giuliano Tosti al fianco di faraotti. L'unico di tutti i soggetti in bella mostra ad aver dato l'anima per l'Ascoli. Bellini faraotti cardinaletti... chi si era defilato.. chi accusava l'altro è lo trattava da poveretto.. chi pensava solo a farsi nominare. Se siamo ancora in serie B è solo per Giuliano Tosti e Francesco Marroccu... STAMPATEVELO IN TESTA! Entrambi assenti oggi alla conferenza stampa. GENTE CON DIGNITÀ SA VENDERE NON PUPAZZI.
Lo sanno benissimo tutti. Null'altro da aggiungere.
IL TEMPO SARÀ GALANTUOMO.
Forza Picchio


ascoli il resto è noia 13 Giugno 2016 23:20

luca chiudi il post dicendo aspettiamo a giudicare mentre tu lo hai gia' fatto,ruphus su paolo mi sono gia' espresso in passato, sulla sua carta d'identita' c'è scritto seguo l'ascoli dai tempi di persico so tutto io,quello che penso di lui l' ho gia' detto piu' volte inutile ripeterlo,tanto ci sono persone che non aspettano altro di sapere dt e staff tecnico, poi partiranno le solite critiche a un presidente che ha la sola colpa d'avere preso una societa' allo sbando a un passo dal dilettantismo e ottenere in 2 stagioni una promozione e una salvezza tra tante difficolta',saluti


Gigi 13 Giugno 2016 23:29

Lo ripeterò all'infinitoUNA MASCHERA!!!!!
Non vi va bene mai niente e soprattutto qui si scrive solo per mettere zizzania e fomentare polemiche.
Tifosi dell'Ascoli??? Qua i veri tifosi si contano sulle dita di una mano, mamma mia come siamo ridotti!!


TOSCANO DOC 13 Giugno 2016 23:40

A mio modestissimo parere dobbiamo essere orgogliosi di questa società, e in quanto alla confusione... venite qui dalle mie parti a vedere cosa sta succedendo a Pisa, dove il giorno dopo la promozione già sono in subbuglio per il licenziamento dell'allenatore.


uno qualunque 13 Giugno 2016 23:48

x GIGI:
stai sereno Gigi perche quei post possono scriverli soltanto certi rosiconiiiiii.... a buon intenditore poche parole.
Impossibile criticare una società cosi!!!
FIERO DI ESSERE ASCOLANO!!
Sbava pesciaro Sbava


tonino 13 Giugno 2016 23:51

anche se possono essere dichiarazioni di comodo come in tutte le società, finalmente un po di sereno all'orizzonte per noi, la società è affidata in toto a cardinaletti non esiste più la figura del presidente, aspettiamo il direttore sportivo e allenatore per giudicare, speriamo i soci siano uniti non mi è piaciuta l'assenza di tosti abbiamo bisogno di loro come l'ossigeno faraotti ciccoianni tosti non mollate dovete essere sempre vigili


Marco 14 Giugno 2016 10:23

Ho aspettato di vedere la conferenza stampa prima di esprimere la mia opinione.
Sinceramente non mi interessa il perchè si cambi idea e posizione, a distanza di poco tempo come ha fatto Battista Faraotti (le sue esternazioni contro Bellini e viceversa sono note a tutti noi) avrà sicuramente valutato prima di sedersi al fianco di Bellini e appoggiare la nomina di Cardinaletti, non penso sia uno sprovveduto.
A molti forse è sfuggita la cosa più importnte, ovvero che Francesco Bellini non è più il presidente dell'Ascoli e questo non è un dettaglio, una volta azzerato il CDA i poteri sono nelle mani solo ed esclusivamente di Cardinaletti, lo stesso Bellini valuterà l'operato periodicamente come i soci.
Ecco spiegato il ritorno in sella di Faraotti, che in sostanza esce da tutta la contesa con Bellini durata almeno 12 mesi da vincitore, Bellini ad un certo punto non ha potuto fare a meno di lui ed è dovuto inchinarsi, andare a chiedere di essere ricevuto, accettare di silurare il suo uomo di fiducia Lovato, l'unica cosa che è riuscito ad ottenere è l'allontanamento di Marroccu, uomo forte dei soci che con Lovato ha avuto tanti contrasti.
Ecco spiegata la corsa di Bellini e Cardinaletti pur non essendo uomini di calcio alla ricerca di appoggi, di allenatori, di un direttore sportivo.
Bellini in pratica, vede fallito completamente il suo proggetto sportivo in poco più di dieci mesi, è stato costretto a mandare via le persone a cui aveva affidato le chiavi della società e della squadra, ovvero Mario Petrone e Gianni Lovato, per un'uomo di successo al di la delle dichiarazioni alla stampa, è una grande sconfitta.
Tosti dopo l'assemblea ha preferito tornare in silenzio nella sua azienda piuttosto che partecipare alla conferenza stampa, dove è stato negato anche che Bellini e Faraotti abbiano avuto degli attriti e non si siano parlati per mesi.
Attendiamo la conferenza stampa dove verranno presentati allenatore e direttore sportivo, perchè per Cardinaletti parleranno i risultati.
Per tutto il resto il tempo ci dirà se Faraotti sarà il futuro Presidente dell'Ascoli e Bellini presidente onorario che tornerà periodicamente senza dover mettere le paci tra i suoi collaboratori.


sarò sempre del settembre 14 Giugno 2016 14:31

Si è detto che Tosti non c'era per motivi di lavoro, allora perché pensare sempre al contrario. Abbiamo una società che ci invidiano in mezza Italia, ma a molti di voi non sta bene. CORRETE A VEDERE IL CIABBINO. È CIÒ CHE VI MERITATE! IL MONTICELLI È PURE TROPPO PER VOI...


francesco 14 Giugno 2016 21:05

A settembre l'uva è fatta e li fivura repenn. Cambia disco.
Il Monticelli sarà la tua squadra.


sarò sempre del settembre 14 Giugno 2016 22:11

Il disco siete voi che lo dovete cambiare. Lu sete rotto. E prima Petrone e poi Marroccu Lovato e Bellini, mo' ci manca che critichete pure la Nike.....l'uva ce l'ho....li fichi magnateli te.


Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni