Controlli glicemia nelle farmacie marchigiane per scongiurare rischio diabete

Redazione Picenotime

12 Novembre 2016

La popolazione marchigiana è a rischio diabete? Fondandosi su questo interrogativo Federfarma Marche ha annunciato iniziative per affrontare un autentico problema sociale, visto che la malattia, anche nella nostra regione, comporta costi crescenti per la sanità.

L’esperienza affrontata, da anni, in Umbria con lo screening su più di 6.000 individui, ha espresso un rischio elevato di diabete nella popolazione, dimostrando come sia fondamentali le azioni di sensibilizzazione, informazione ed educazione.

Così da lunedì 14 a mercoledì 16 novembre in tutte le farmacie aderenti sarà possibile, gratuitamente, la prova della glicemia, grazie al progetto di screning lanciato da Federfarma e Associazione italiana Lions per il diabete (Aild). 

Pasquale D’Avella, presidente regionale di Federfarma, ha dato voce alla preoccupazione dei farmacisti, segnalando “il diabete rappresenta una delle maggior minacce per la salute pubblica e per la stessa tenuta dei conti della sanità regionale, è per questo che bisogna trovare nuove vie per ridurre il costo economico del diabete tramite la prevenzione e il trattamento”.

Il prof. Paolo Brunetti, dell’Università di Perugia, è stato l’ideatore della campagna nazionale di sensibilizzazione al diabete : intervistato dalla dottoressa Patrizia Righetti, consigliere provinciale di Federfarma, per la trasmissione radiofonica “La parola al farmacista” in onda sull’emittente “Latte&Miele” ogni lunedì dalle ore 10.20, ha precisato “rilevare il rischio di diabete è importante su  tutta la popolazione adulta ma, in maniera particolare su quella anziana poiché la prevalenza del Diabete cresce con il crescere dell’età” . 

Ha approfondito sostenendo che “il maggior rischio di sviluppare il diabete è proprio dei soggetti portatori di una glicemia a digiuno compresa fra 100 e 125”. Per Brunetti le soluzioni sono chiare “far seguire alla individuazione dei soggetti a rischio un corretto stile di vita sotto il profilo alimentare e dell’attività fisica”.


© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni