Ascoli-Perugia, si giocherà allo stadio ''Del Duca'' a porte chiuse

Redazione Picenotime

18 Novembre 2016

Il match tra Ascoli Picchio e Perugia, valido per la 15esima giornata di andata del campionato di Serie B, verrà  giocato al 99% a porte chiuse allo stadio "Del Duca" nel pomeriggio di Domenica 20 Novembre (calcio d'inizio alle ore 15). 

La riunione della Commissione Provinciale di Vigilanza dei Locali di Pubblico Spettacolo, alla quale ha partecipato anche l'amministratore unico del club bianconero Andrea Cardinaletti, ha partorito la decisione di orientarsi in tal senso per ragioni di sicurezza. Si attende la comunicazione ufficiale, sempre in attesa dei riscontri definitivi sulle prove di collaudo post sisma su Curva Nord e Tribuna Centrale (la piena agibilità di quest'ultima è ovviamente conditio sine qua non per la regolare disputa della partita).


© Riproduzione riservata

Commenti (17)

Angel Nieto 18 Novembre 2016 19:20

Come sempre ch see la prende incon quel posto sono i tifosi.


MARIO78 18 Novembre 2016 19:26

Bene Bravi 7 più ,la frittata è fatta, ma quale sicurezza fate ridere, almeno i soldi della quota abbonati vengano dati in beneficenza ai poveri.


asnkvola 18 Novembre 2016 19:51

Casca li caggenacce?


mas 18 Novembre 2016 19:52

Non si è stato in grado di gestire una partita di serie B, figuriamoci x problemi più seri cosa può accadere. Che vergogna...


MIRKO 18 Novembre 2016 20:12

Vi voglio rassicurare. Non si giocherà neanche a porte chiuse perché non essendo state completate le prove statiche della tribuna la commissione non ha dato parere favorevole all'uso dell'impianto. Solo se il sindaco firmerà in deroga si potrà giocare a porte chiuse...a lui la palla...il tempo delle cazzate è finito!


ruphus 18 Novembre 2016 20:18

Dilettanti allo sbaraglio.....


giuseppe da cagliari 18 Novembre 2016 20:35

non serve fare commenti ironici tra di noi le figure di m.... lasciamoli ai pesciari e pescares,i siamo esseri superiori, se giochiamo a porte chiuse per la sicurezza va bene. per la società la quota abbonati della partita venga data SOSAAA.


sarò sempre del settembre 18 Novembre 2016 20:36

Almeno gli abbonati potevano entrare. Oppure era meglio giocare a campi invertiti, così ognuna delle squadre avrebbe il supporto dei tifosi, e soprattutto al ritorno giocheremo con tutta la tifoseria a supporto. Invece così chi ci rimette siamo noi bianconeri.


jack cdl 18 Novembre 2016 21:00

L'Ascoli è capace di grandi cose. Rende intimi amici persone che, senza l'Ascoli, normalmente si sarebbero magari solo conosciute, dei fratelli persone che eppure, senza l'Ascoli, le cui strade si sarebbero magari solo sfiorate. Dei consanguinei bianconeri, potremmo chiamarli, persone apparentemente che sono di estrazione sociale e culturale diversa, di dialetti diversi. Che, senza l'Ascoli, si sarebbero potuti incrociare probabilmente solo in un autogrill o in un supermercato, tutti invece animati da una delle grandi passioni della loro vita, se non la più grande, l'Ascoli calcio" (Costantino Rozzi, 12 Maggio 1989).
Una cosa ve la garantisco: non dimentichero' mai i fatti accaduti in questi giorni!!! Pietosiiiii!


Ale0897 18 Novembre 2016 21:04

BIL PROSSIMO CHE DICE BELLINI DEI CACCIARE I SOLDI...
BELLINI I SOLDI NON LI CACCIA PER FAR RIDERE STI ....E FA BENE
PIÙ RISPETTO X NOI


Ale0897 18 Novembre 2016 21:06

Castelli invece di pensare al calcio pensa alle zone terremotate
Lascia la responsabilità a Cardinaletti che ci capisce più di td


Algoritmo 18 Novembre 2016 22:09

Se fino a questa mattina Venerdi 18
Novembre i giocatori dell'Ascoli Picchio si sono allenati a porte chiuse sul campo al
Del Duca vuol dire che Domenica 20
Novembre alle ore 15.00 l'Ascoli Picchio
al 100% gioca in casa anche se a porte
chiuse per motivi di sicurezza in attesa
dei definitivi riscontri ai test di agibilità
per il pubblico in Curva Nord e Tribuna.


Piazza bianconera 18 Novembre 2016 22:10

Sono due settimane che c'è stato il terremoto, una partita si è rinviata, ma dopo solo silenzi per poi parlarne da giovedì scorso . Per non parlare delle prove eseguite, patetiche. E infine Castelli, che non c'è occasione dove non dimostri la sua incompetenza e ignoranza. Lo stadio è stato fatto nel 74 e per chi l'ha visto costruire, può dire che non cadrà nemmeno con una scossa dell'8avo grado. Rozzi era una persona seria. Alla fine i ca..i, sempre dei tifosi.


Sarnanobianconera 19 Novembre 2016 09:02

Specchio di questa italietta miserabile, governata da incapaci che occupano tutti i posti di potere. Qui il merito e l'efficienza sono sconosciuti. Meglio il cuore dei nostri ragazzi con la generosità e l'altruismo che hanno sempre dimostrato nei momenti del bisogno.


asnkvola 19 Novembre 2016 10:33

Lo stadio di riserva dell'Ascoli puó essere solo Teramo,questo stadio é nuovo,lontano dal centro abitato è facile da raggiungere,non é stato scelto perchè non piace il manto ai giocatori,gente che guadagna fior di quattrini in un periodo particolare si permette di stare a sindacare su un terreno sintetico,se Cardinaletti era un altro ricordava ai giocatori che il loro compito é di pensare a giocare e basta.


Marco R. 19 Novembre 2016 11:05

non voglio difendere nessun tipo di politico per me tutti uguali, ma con i tempi che corrono, con le leggi odierne mettetela voi la firmetta ad autorizzare le varie possibilità di esecuzione della partita e prendervi la responsabilità di qualsiasi cosa possa accadere tutti bravi a parlare, i fatti ci vogliono. ,


Ale0897 19 Novembre 2016 14:10

TUTTI SOTTO LA SUD


Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni