RAPPORTO QUALITÀ DELLA VITA PROVINCE ITALIANE: ASCOLI AL 48º POSTO

Redazione Picenotime

20 Gennaio 2013


La 14esima edizione del Rapporto sulla Qualità della vita in Italia, realizzato in relazione all'anno 2012 da ItaliaOggi in collaborazione con l'Università La Sapienza di Roma, illustra in maniera molto dettagliata lo stato delle 103 province del Belpaese.

Ascoli Piceno, nella classifica generale guidata da Trento davanti a Bolzano e Belluno, perde tre posizioni rispetto al 2011 e si piazza al 48º posto con 431,82 punti (fanalino di coda è Imperia preceduta da Napoli e Crotone).

Spulciando tra le varie aree tematiche analizzate, Ascoli Piceno è in 60ª posizione nella graduatoria relativa a "Affari e lavoro", guidata da Bolzano davanti a Cuneo e Bologna, con Caltanissetta ultimissima. Per quanto concerne la voce "Sistema e salute" Ascoli perde sei posizioni e precipita alla 77ª casella, mentre fa bella mostra di sè Isernia davanti alle toscane Pisa e Siena.

Vanno meglio le cose nel ranking della "Criminalità", con la provincia di Ascoli 41ª in una lista dominata da Belluno davanti ad Oristano e Treviso. Ancora meglio nel dato relativo all'area "Ambiente", con Ascoli Piceno che guadagna cinque posizioni ed arriva al 33º posto (prima Trento davanti a Bellino e Verbano-Cusio-Ossola).

Il barometro della ricchezza nel dato "Tenore di vita" vede Ascoli in calo al 66º posto, con Varese che guarda tutti dall'alto in basso davanti a Milano e Vercelli. Bene la provincia di Ascoli per quanto riguarda i "Servizi finanziari e scolastici", con una 34º posizione in una graduatoria guidata da Trento davanti a Bolzano e Gorizia.

L'ultimo dato analizzato si riferisce al "Tempo libero", con Ascoli Piceno in 38ª piazza (proprio dietro ad Ancona) in un ranking che vede la leadership incondizionata di Firenze davanti a Bologna e Rimini.

© riproduzione riservata
PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni