Moto3, presentato lo Snipers Team. Fenati carico: “Ho spalato tonnellate di neve”

Redazione Picenotime

26 Gennaio 2017

Ieri pomeriggio, nella fantastica e irreale cornice del Teatro Rossini di Pesaro, si è svolta la presentazione ufficiale del Marinelli Rivacold Snipers Team, alla presenza di numerose autorità e grazie al supporto diretto dell'associazione "Terra di piloti e di Motori". 

L'evento è stato presentato dal bravo Franco Bobbiese e da Stefano Bedon, team manager della squadra. Dietro lo Snipers Team si cela l'evoluzione della CBC corse e della famiglia Cecchini, pesaresi doc, da decenni impegnati nel Campionato del Mondo Motociclistico. Archiviata la lunga collaborazione con lo sponsor Ongetta, il nuovo team prende il nome di SNIPERS TEAM, un modo simpatico, spiritoso e internazionale di onorare i "Cecchini" appunto, padre e figlio, Giancarlo e Mirko. 

Il team pesarese, vincitore del mondiale 2004 con Andrea Dovizioso e protagonista degli ultimi due mondiali con i piloti Niccolò Antonelli e Jules Danilo, compie un nuovo importante passo di consolidamento e si candida ad essere uno dei favoriti nella lotta al titolo iridato della stagione che va ad iniziare. 

Tutto questo, grazie ad una nuova e importante partnership con Marinelli Cucine, importante azienda pesarese che affianca lo storico marchio Rivacold e gli altri sponsor della squadra, per sostenere i piloti Romano Fenati e Jules Danilo nella classe Moto3 del Mondiale. Un team pesarese, supportato da 2 importanti aziende pesaresi. 

Molte le autorità presenti, dal Vicesindaco Daniele Vimini, al consigliere regionale Andrea Biancani, dal presidente dell'associazione "Terra di piloti e di Motori" Alberto Paccapelo al Vicepresidente Federmoto Giuseppe Bartolucci. Si riparte da zero con un nuovo logo, un nuovo sito internet, nuovi social, uno staff rinnovato, nuovi sponsor di spessore e nuove livree.



Romano Fenati: "Questa è una squadra con la quale sono certo mi troverò bene. L'ho capito durante i test e anche con la Honda, versione 2016, mi sono trovato subito a mio agio. Quando ci sono salito, per i primi giri, devo confessare anche se mi vergogno ad ammetterlo, che è stato difficile riabituarsi alla velocità, cioè mi sono sentito come se avessi avuto mia mamma seduta a lato che mi diceva "vai piano" ma poi, giro dopo giro, ho riacquistato sicurezza e ho ritrovato me stesso. Durante l'inverno ho seguito un allenamento speciale per rinforzare spalle, braccia e schiena: ho spalato tonnellate di neve. Sono di Ascoli e tra terremoti e nevicate incredibili non mi sono risparmiato; nel mio piccolo, ho cercato di aiutare chi era più in difficoltà di me. Per quanto riguarda i miei avversari di quest'anno penso che sarà una lotta tra italiani. Sicuramente Bastianini è quello più in forma ma anche Bulega e Digiannantonio sono cresciuti molto e saranno li a lottare per vincere. Poi ci sarà il solito outsider, quello che non ti aspetti e che dà fastidio. Vediamo chi sarà quest'anno".

Jules Danilo: "Lo scorso anno avevo iniziato bene la stagione ma non la ho concluso come mi aspettavo. Adesso ho sicuramente voglia di tornare in pista. Mi sono allenato moltissimo durante l'inverno a Barcellona, seguendo dei corsi specifici per atleti, e adesso è arrivato il momento di tornare a lavorare. Nuova squadra e nuovi colori e questo per me è uno stimolo in più per fare bene e portare a casa dei risultati".


© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni