Eccellenza Marche, Luigi Zaini alla vigilia di Tolentino-Grottammare

Redazione Picenotime

22 Febbraio 2014

LUIGI ZAINI
Alla vigilia del match contro il Tolentino ha parlato Luigi Zaini, allenatore del Grottammare che proprio lo scorso anno sedeva sulla panchina cremisi. Una sfida importante nella 25esima giornata del campionato di Eccellenza Marche tra due squadre che sono separate in classifica da 11 punti (39 il Tolentino, 28 il Grottammare).

Mister, come è trascorsa questa settimana dopo la sconfitta con la Biagio Nazzaro?

“Io sono sicuro che i miei sono consapevoli che hanno buttato al vento una partita. Abbiamo fatto due errori e nell’occasione del secondo eravamo in bambola ed è stato figlio del primo”.

I risultati positivi delle ultime settimane hanno risollevato una classifica che ad un certo punto era diventata deficitaria.

Dopo la sconfitta contro la Samb avevo detto che sarebbe iniziato il nostro campionato e così è stato. Abbiamo avuto le nostre difficoltà: non ci dimentichiamo che eravamo penultimi e questi ragazzi ci hanno tirato fuori da quella situazione. Voglio ringraziare la società dal Presidente ai soci fino al ds Vecchiola. Credo che a Grottammare si possa fare calcio in buona maniera. Il nostro obiettivo principale è la salvezza e, come ho detto dopo i 5 gol subìti alla prima di campionato, dovremo salvarci all’ultimo minuto dell’ultima giornata. La società, però, non ci fa mancare nulla a livello organizzativo ed il nostro ringraziamento sarà quello di raggiungere la salvezza il prima possibile”.

Ora arriva la gara col Tolentino, importante per la classifica ma anche per lei che lo scorso anno sedeva su quella panchina.

Mi sarebbe piaciuto andare a Tolentino con 3 punti in più. Lassù ho tanti amici e persone care e posso dire senza problemi che è l’unica trasferta che faccio con grande piacere, una partita in un campo dove ho condiviso gioie e dolori ma soprattutto gioie perché abbiamo raggiunto una salvezza serena in un disastro generale”.

La squadra come si è preparata a questa gara?

I miei sanno che affrontano il Tolentino che è una grande squadra al pari della Biagio Nazzaro e le motivazioni non mancano di sicuro poi sarà il campo a dare il verdetto ma i miei sanno che devono raggiungere l’obiettivo. Il Tolentino gioca bene perché i calciatori si conoscono bene giocando insieme da tempo. Clementi, che stimo, sta facendo davvero bene”.
PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni