Moto3, Fenati quinto in Qatar: ''Contentissimo di questo risultato''. Vince Mir

Redazione Picenotime

26 Marzo 2017

Romano Fenati

Romano Fenati ha conquistato il quinto posto nel Gran Premio del Qatar sul circuito di Losail, prima tappa del Campionato Mondiale Moto3 2017. A vincere è stato lo spagnolo Joan Mir davanti allo scozzese Jhon Mcphee e all'altro spagnolo Jorge Martin. 

Se c'era un pilota con il diavolo in corpo oggi era Romano Fenati che ha guidato sopra a tutto. Sopra la ruggine di 7 mesi lontano dalle gare, sopra ad una moto che era "quasi" perfetta. Sopra a tutti i connazionali, visto che è il primo italiano all'arrivo. Sopra anche a se stesso per superarsi sempre. Sorpassi esterni, staccate al limite del paranormale e la certezza di poter costruire un campionato stratosferico. Gran pilota, gran manico, 11 punti in saccoccia. Il campionato è lungo e quando si devono contenere le perdite, è bene farlo come lo ha fatto lui! Il voto, stavolta, glielo da il team: un bel 10. La sorte costringe Jules Danilo a partire dietro in griglia. Il francese combatte con tutto se stesso e recupera, sul traguardo, 8 posizioni sfiorando la zona punti. 

Romano Fenati: "Sono contentissimo di questo risultato. Erano diversi mesi che non facevo una gara e il mio timore era quello di non riuscire a reggere la fatica. Invece è andata meglio di come immaginassi. Sul finale ha ceduto un po' il posteriore e ho fatto un piccolo errore alla curva dieci dell'ultimo giro. Ad ogni modo direi che, come prima gara, sono davvero soddisfatto. Ora dobbiamo rimanere concentrati e lavorare per fare sempre meglio. Prossima tappa Argentina, una pista che mi piace molto, lì daremo il massimo per ottenere un risultato migliore".

Jules Danilo: "Sono stati dieci giorni un po' complicati, ancora non mi sento completamente a posto con la moto. Dobbiamo migliorare il feeling all'anteriore e trovare il modo per farla girare di più. Ovviamente la gara non è il momento giusto per lavorare sul set up. Abbiamo un po' di tempo adesso per capire come impostarci per l'Argentina".


© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni