Ascoli, arrestata dominicana per sfruttamento della prostituzione a Porta Maggiore

Redazione Picenotime

11 Aprile 2017

Nel pomeriggio di Lunedì 10 Aprile, su delega della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ascoli Piceno, la Squadra Mobile della Questura di Ascoli-Fermo ha dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Ascoli Piceno, Dr.ssa Giuliana Filippello, traendo in arresto G.A.. di anni 47, di origini dominicane, residente ad Ascoli Piceno, gravemente indiziata del delitto di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione di quattro connazionali. 

Il provvedimento restrittivo ha accolto gli esiti di un’articolata attività investigativa di tipo tecnico coordinata dalla locale Procura della Repubblica, nella persona della Dr.ssa Mara Flaiani, ed avviata dalla Squadra Mobile nel mese di Ottobre, al termine della quale è stato accertato che l’arrestata metteva a disposizione delle donne due appartamenti ubicati nel quartiere di Porta Maggiore, nei pressi della stazione ferroviaria, fornendo alle predette utenze cellulari da lei inserite in annunci su siti web e su pubblicazioni periodiche specializzati per incontri a scopo sessuale, facendosi corrispondere da ciascuna prostituta parte dei proventi dell’attività di prostituzione, nell’ordine di non meno di 50 euro giornalieri.

Il sistema adottato dall’arrestata le permetteva così di realizzare notevoli guadagni considerate le numerosissime telefonate di clienti che concordavano con l’interlocutrice gli incontri presso i due appartamenti, riscontrati con appositi servizi di osservazione predisposti dalla Polizia che consentivano, in diverse occasioni, di identificare alcuni dei fruitori delle prestazioni. 


© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni