Jerez, Fenati affina gli ultimi dettagli nella seconda giornata di test

Redazione Picenotime

12 Marzo 2014

Seconda giornata di test a Jerez de la Frontera con lo Sky Racing Team by VR46 di Valentino Rossi che conferma i buoni tempi già registrati ieri, nonostante i molti test fatti sulle moto nel corso delle sessioni odierne di prova.

Francesco Bagnaia migliora di 4 decimi il suo best lap di ieri girando in 1’47”206, mentre il 18enne ascolano Romano Fenati, con 1’47”275, si attesta sui tempi che ieri l’avevano fatto balzare in testa alla classifica di giornata. Domani ultima giornata di test prima dell’esordio in Qatar, il prossimo 23 Marzo, sul circuito di Losail. La sessione odierna ha visto l'australiano Jack Miller (Red Bull KTM Ajo) siglare il miglior tempo con 1'46''259, con 292 millesimi di vantaggio sullo spagnolo Isaac Vinales (Calvo Team) e 550 millesimi sul britannico Danny Kent (Red Bull Husqvama Ajo).

E’ stata una giornata costruttiva. L’obiettivo di domani è confermare quanto fatto finora - ha commentato Vittoriano Guareschi, team manager della squadra nata in collaborazione con la VR46 di Valentino Rossi –. Tutte le giornate che facciamo in pista sono importanti per noi. E anche questa, che non ci vede davanti come ieri, è stata una giornata importante perché con Pecco abbiamo sistemato un po’ il problema che c’era ieri al freno motore e infatti ha migliorato di 4 decimi. Una volta trovata la chiave per metterlo a suo agio, è andato subito più forte. Peccato che questa soluzione l’abbiamo trovata soltanto nell’ultimo turno, però abbiamo qualcosa di concreto da cui ripartire domani. Con Romano invece abbiamo lavorato tanto per riuscire a migliorare il posteriore, per aumentare il grip. Abbiamo girato con gomme vecchie perché è lì il problema, con le gomme nuove sappiamo di essere forti mentre con le gomme vecchie la moto scivola. Adesso faremo un meeting per capire cosa provare di nuovo perché vogliamo andare a casa con una soluzione. L’obiettivo di domani è aumentare il grip di dietro, che ancora ci mette un po’ in difficoltà. L’avantreno gli piace, anche oggi c’è stata la conferma che l’avantreno è solido e bello come lo vuole lui, ma dietro ha bisogno di più grip per andare più forte. Questa sarà la missione di domani”.

© riproduzione riservata



PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni