Serie B, il quadro del campionato 2017/2018. Tre derby per l'Ascoli di Maresca

Redazione Picenotime

31 Maggio 2017

In attesa della finale playoff tra Carpi e Benevento e dell'esito degli spareggi promozione in Lega Pro (ai quarti si sfidano Parma-Lucchese, Lecce-Alessandria, Pordenone-Cosenza e Livorno-Reggiana), si va delineando il quadro delle squadre partecipanti al campionato di Serie B 2017/2018.

L'Ascoli del nuovo allenatore Enzo Maresca dovrà affrontare tre derby: torna quello dell'Adriatico con il Pescara (nel 2015/2016 vittoria bianconera 3-1 al "Del Duca" e pari 2-2 in terra abruzzese), confermati quelli umbri con Perugia e Ternana (negli ultimi due tornei cadetti Picchio mai sconfitto al "Curi" e al "Liberati"). 

L'unico impegno nelle isole è in programma a Palermo, dove l'Ascoli manca dal 20 Dicembre 2006 (netto successo dei rosanero 4-0 nel campionato di Serie A culminato con la retrocessione per i marchigiani). Torna anche la sfida con l'Empoli: l'ultimo precedente al "Castellani" è datato 14 Ottobre 2012, quando l'Ascoli di Silva superò 3-0 i toscani allenati da Sarri con reti di Zaza, Feczesin e Russo. 

Ecco il quadro, allo stato attuale, delle squadre partecipanti al prossimo campionato di Serie B in attesa che tutti i club presentino ufficialmente i documenti di iscrizione entro il 30 Giugno 2017.


SERIE B 2017/2018

ASCOLI (allenatore Maresca)

AVELLINO (allenatore Novellino)

BARI (allenatore da definire)

BRESCIA (allenatore da definire)

CESENA (allenatore Camplone)

CITTADELLA (allenatore Venturato)

CREMONESE (allenatore Tesser)

EMPOLI (allenatore da definire)

FROSINONE (allenatore da definire)

FOGGIA (allenatore Stroppa)

NOVARA (allenatore da definire)

PALERMO (allenatore da definire)

PERUGIA (allenatore da definire)

PESCARA (allenatore Zeman)

PRO VERCELLI (allenatore Longo)

SALERNITANA (allenatore Bollini)

SPEZIA (allenatore da definire)

TERNANA (allenatore da definire)

VENEZIA (allenatore Inzaghi)

VIRTUS ENTELLA (allenatore Castorina)


La 21esima squadra  sarà la perdente della finale playoff Carpi-Benevento.

La 22esima squadra sarà la vincitrice dei playoff di Lega Pro con le seguenti sfide ai quarti prima della final four in programma a Firenze il 13 e 14 Giugno: Parma-Lucchese, Lecce-Alessandria, Pordenone-Cosenza, Livorno-Reggiana.


© Riproduzione riservata

Commenti (3)

Il postino 31 Maggio 2017 17:20

Fate un fax dell'elenco alla società così magari si preoccupano un pò e fanno una squadra che si possa salvare.


pasquale 31 Maggio 2017 20:01

La samb prende moriero come allenatore noi prendiamo uno che non ha neanche il patentino x allenare bella roba


GIA'54 02 Giugno 2017 17:13

presidente la passione e l'amore per questa maglia non traspare. Nessuno pretende tutto e subito. Ma lei nei confronti delle ns. amministrazioni lo vuole e se giustamente si lamenta dei ritardi per i lavori allo stadio (ricordo che le spese ricadono sull’intera popolazione) rimproverando al sindaco questo immobilismo......dichiarando testualmente : se non vai avanti non vai avanti.......deve capire che lo stesso discorso vale per il tifoso nei confronti della propria squadra che la vorrebbe un poco più competitiva per una salvezza senza affanni.
come rimarrebbe se si sentisse rispondere dal sindaco stesso PUNTUALMENTE OGNI VOLTA se non ti sta bene quello che faccio me ne vado. (interpretandolo naturalmente come: i soldi li dirotto su ristrutturazione di scuole o per altri scopi utili alla cittadinanza ).
Così vale per tutti ... il sindaco rappresenta il primo cittadino ed il presidente di una squadra di calcio il PRIMO TIFOSO.
Questo non vuol dire fare pazzie, ma avere un rapporto più “epidermico “per ottenere PRIMA SUL CAMPO e di conseguenza con tutti coloro che vedono in lei un salvatore ed simbolo di fierezza ritrovata, UN EMBLEMA IN CUI IMMEDESIMARSI PER LA STESSA PASSIONE.
E’ come dire alla propria moglie pazzamente innamorata e sempre irreprensibile :
io faccio quello che voglio perché riporto i soldi a casa e se non ti sta bene ME NE VADO!!!!!. Se mi permette i matrimoni si fanno in due.
La squadra forte fa l’allenatore forte di conseguenza Maresca o non Maresca, considerando tutta la disponibilità economica derivata dalle vendite di Orsolini e Favilli (purtroppo per me scontata) spero fortemente che LA PORTI A DIVENTARE MENO DISTACCATO E PIU’TIFOSO.



Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni