Gran Premio di Catalogna, Fenati lotta con gli spagnoli e chiude secondo

Redazione Picenotime

11 Giugno 2017

Romano Fenati torna protagonista conquistando un buon secondo posto nel Gran Premio di Catalogna, settima tappa del Campionato Mondiale Moto3 2017.

Il 21enne pilota ascolano dello Snipers Team, scattato dalla quarta casella in griglia, lotta come un leone sul circuito di Montmelò e deve arrendersi nel finale solamente allo spagnolo Joan Mir, con l'altro iberico Jorge Martin a completare il podio.

In vista della prossima gara sullo storico circuito di Assen è sempre Mir a guidare la classifica mondiale con 133 punti, con Fenati tornato secondo a quota 88 e Canet terzo con 85 punti, seguono Di Giannantonio con 80 e il duo Migno-Martin con 76.

Ecco il comunicato sulla gara di Snipers Team: "Romano Fenati torna sul podio, infiammando il pubblico spagnolo, sul circuito di Barcellona. Una gara di cuore, grinta e testa per il pilota di Ascoli che torna ad imporre il ritmo in gara e perde la vittoria solo all'ultima curva. Barcellona era un circuito stregato per lui che non ci ha mai fatto podio. Oggi è caduto anche questo tabù ed è stato riconquistato anche il secondo posto in classifica generale. Jules Danilo, che era riuscito a recuperare posizione fino alla zona punti, cade a poche curve dal traguardo".

Romano Fenati: "Oggi Mir e Martin andavano davvero forte e, all'ultimo giro, ho preferito non rischiare, per non compromettere la gara. Veniamo da un risultato non buono del Mugello, oltre allo 0 di Le Mans, e oggi era importantissimo portare a casa punti, soprattutto per il morale. Il team ha fatto un gran lavoro, la moto andava bene e spero sia così tutto l'anno. Il campionato per me è ancora aperto, siamo tutti vicini, a parte Joan. 45 punti possono sembrare tanti ma io penso che niente sia impossibile, neppure un recupero e, al di là dei punti e del campionato so che dobbiamo metterci sempre cuore e testa e divertirci. Se andiamo avanti con questa sintonia, qualsiasi sarà il risultato, sarò contento".

Jules Danilo: "Tutto il weekend non è stato facile per me, ma questa mattina, nel warm up, avevamo fatto un passo in avanti. Mi sentivo fiducioso per la gara ma poi mi sono reso conto che facevo fatica a mantenere il contatto con il gruppo. Il mio tempo sul giro non era male ma il ritmo gara era troppo veloce oggi. All'ultimo giro ho commesso un errore, ho frenato troppo tardi e poi ho perso il posteriore. Fisicamente sto bene e cerchiamo di tornare più forti che mai ad Assen".


© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni