Moto3, Fenati ancora sul podio in Germania: Mir lo beffa all'ultima curva

Redazione Picenotime

02 Luglio 2017

Romano Fenati conquista il quinto podio stagionale chiudendo al secondo posto il Gran Premio di Germania, nona tappa del Campionato Mondiale Moto3.

Il 21enne pilota ascolano dello Snipers Team lotta sempre nel gruppo di testa sul circuito del Sachsenring e si presenta al comando all'inizio dell'ultimo giro, bravo però lo spagnolo a beffarlo proprio all'ultima curva conquistando così la quinta vittoria nel 2017. Terzo gradino del podio per lo spagnolo Marcos Ramirez davanti all'altro italiano Nicolò Bulega.

Mir allunga in vetta alla classifica mondiale ora con 165 punti, con Fenati che si porta al secondo posto a quota 128 davanti a Canet che rimane fermo a 110 dopo la caduta in Germania.

Di seguito il comunicato ufficiale post gara dello Snipers Team: "Terzo podio consecutivo per Romano Fenati sul circuito del Sachsenring. Tre volte secondo nelle ultime tre tappe e se pensiamo che al Montmeló, Assen e Sachsenring il pilota di Ascoli non era mai riuscito a salire sul podio, l'impresa sembra ancora più grande. Grande Romano e grande la squadra: insieme hanno saputo trarre il massimo da un weekend carico di scelte tecniche. La scelta della M al posteriore è stata, forse, un azzardo ma, alla fine, corretta anche se la gomma, al parco chiuso, ha mostrato tutta la sua sofferenza. Di nuovo una bella rimonta di Jules Danilo che ha tagliato il traguardo in quattordicesima posizione, risalendo dalla venticinquesima casella in griglia. Solo un contatto all'ultimo giro con un altro pilota lo ha privato di un risultato migliore. Si va in vacanza sereni, con la consapevolezza di essere protagonisti di questo mondiale. 
Romano Fenati: "Questo secondo posto vale come una vittoria ed è per me un risultato speciale considerando abbiamo avuto problemi durante il week end e il podio sembrava non essere alla nostra portata questa volta. Invece, con il team, abbiamo fatto un gran lavoro: la scelta della M al posteriore è stata quella giusta perché ho continuato ad andar forte anche nella seconda parte di gara. È stata una battaglia corretta e ho lottato fino alla fine. Adesso la pausa estiva e poi la seconda parte di campionato dove affronteremo gara per gara, così come abbiamo fatto fino ad oggi. ".
Jules Danilo: "Il risultato finale non rispecchia il lavoro fatto in gara per risalire dalla venticinquesima casella. Potevo lottare per la sesta posizione ma, all'ultima curva, quando ero undicesimo, ho perso tre posizioni a seguito di un contatto con Di Giannantonio. Il lato positivo è che ho dimostrato di essere veloce ancora una volta e da Brno dobbiamo tornare a lottare per le posizioni che contano".

© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni