Fenati a Sky Sport24: “Ad Austin per lottare con quelli davanti”

Redazione Picenotime

02 Aprile 2014

I piloti dello Sky Racing Team VR46, il torinese Francesco Bagnaia e l'ascolano Romano Fenati, sono intervenuti oggi pomeriggio a Sky Sport24 HD, per raccontare il loro esordio nel Mondiale 2014 di Moto3 in Qatar, in attesa della seconda gara ufficiale, in programma Domenica 13 aprile ad Austin, nel Gran Premio delle Americhe, live su Sky Sport MotoGP HD.

Com’è andata la prima?

BAGNAIA: “E’ andata molto bene. La prima gara è stata complicata ma ci siamo divertiti molto, perché con la squadra abbiamo fatto un ottimo lavoro, trovato una base molto buona e quindi siamo pronti per continuare”.

FENATI: “Anche io e i miei tecnici abbiamo lavorato bene, soprattutto durante le prove. Poi, in gara, purtroppo abbiamo avuto un piccolo problema, ma ci può stare. Alla fine ci siamo messi subito a posto. E’ stato forse meglio aver avuto qualche piccolo problema durante la prima gara, piuttosto che a fine campionato, quando magari c’è in palio qualcosa di più importante”.

Qual è il rapporto tra di voi? Vi date dei consigli?

BAGNAIA: “Romano rispetto all’anno scorso è cambiato, si è tranquillizzato molto (sorride, ndr). Per quanto possiamo essere amici, è pur sempre un avversario e quindi consigli è meglio non darne”.

FENATI: “Pecco è il classico ragazzo che fuori dalla pista vedi tranquillo e poi in pista non è tranquillo (sorride, ndr). Fuori dalla pista siamo amici, ma già in pit lane inizia la sfida. Poi, oltre al compagno di squadra, ce ne sono altri 32!”.

E con Valentino Rossi?

BAGNAIA: “E’ un ottimo ragazzo, ci aiuta tanto dandoci la possibilità di andare con lui ad allenarci giù al ranch, e poi quando stai con lui stai bene, perché è un ragazzo che scherza molto e ci si diverte”.

FENATI: “In pista in Qatar ci ha detto dove sbagliamo e dove magari facciamo meglio degli altri, ma anche lui i consigli se li tiene un po’ (ride, ndr)”.

L’obiettivo per Austin?

BAGNAIA: “L’obiettivo è fare sempre il meglio che si può, arrivare più avanti possibile”.

FENATI: “Speriamo di lottare con quelli davanti”.

Negli scudi di Sky Sport24 HD ha parlato in diretta anche Valentino Rossi, nove volte campione del mondo e partner dello Sky Racing Team.

La prossima gara.

Sono sempre sotto esame, infatti sarà molto importante vedere il Texas e anche l’Argentina per capire se sono veramente più competitivo dell’anno scorso. Comunque l’anno scorso in Qatar era andata bene, ma il secondo posto di quest’anno è stato più bello.Sono stati abituati bene durante la mia carriera, ma adesso è più difficile. Però bisogna cercare di essere competitivi sempre, poi naturalmente vincere il Mondiale è difficilissimo, ma se stiamo davanti tutte le domeniche già va bene.

Il prossimo anno.

Penso che rinnoverò con la Yamaha.

Vedi un futuro nel rally per te?

Mi piace molto, è una mia grandissima passione. Ho corso un po’ in macchina, ho fatto dei rally, faccio il rally di Monza alla fine dell’anno, ho fatto anche dei rally di Mondiale, ma ho deciso che fino a quando posso e potrò correrò in moto. Poi vedrò.

Qual è la moto del Motomondiale più divertente che hai guidato?

Ho guidato tante moto bellissime, l’Aprilia, la Honda, la Ducati. Ma la mia moto preferita è sicuramente la Yamaha M1.

Dove ti vedi tra 10 anni?

Mi piacerebbe continuare a correre ancora, magari in macchina e poi per il resto non faccio dei progetti così tanto a lungo termine.

Perché in tutti gli sport se vieni battuto sei finito?

Bisogna sempre trovare qualcosa che non va perché quando perdi sei finito, ma quando vinci comunque magari dicono che non hai avversari.   

Quali sono i giovani piloti italiani?

Ci sono tanti piloti italiani forti, secondo me, adesso dovranno crescere. Direi Fenati, Antonelli, Bagnaia, Morbidelli, c’è mio fratello che farà il CEV, c’è Bulega, me ne dimentico qualcuno. Comunque ce ne sono almeno 10 che potrebbero essere potenzialmente i miei eredi.

Lo Sky Racing Team VR46: soddisfatto del lavoro svolto fino ad oggi?

Sono soddisfattissimo, ci stiamo divertendo da matti con il team a lavorare con Sky. Ci stiamo mettendo a posto, abbiamo costruito intorno a Fenati e Bagnaia un team di altissimo livello. Devo dire che nella prima gara soprattutto Fenati ha un po’ “deluso” perché ci si aspettava molto di più da lui perché ha del potenziale. Ma siamo un team nuovo, quindi abbiamo bisogno di qualche gara per il rodaggio.  

Tu lo avresti fatto lo scambio Vucinic-Guarin?

Io non lo avrei fatto, mi sarei tenuto Guarin. Ero d’accordo con i tifosi anche se Vucinic naturalmente è bravissimo.

Dove può arrivare questa Inter?

L’altra sera l’ho vista e forse ho fatto anche io l’errore dei giocatori perché quasi non ho visto il secondo tempo, ma poi ho visto che hanno pareggiato. Sono dei problemi che bisognerebbe risolvere perché quando giochiamo bene siamo bravi. Sembra un progetto che ha un buon potenziale.

Con Mazzarri o senza?

Con Mazzarri, a me piace, mi sembra una persona seria. Però è difficile all’Inter.

Sei anche tu una vedova di Mourinho?

Come fa un’interista a non essere vedova di Mourinho, che ha fatto vincere tutto a noi che non siamo abituati…

Cosa ne pensi di Marquez?

È veramente bravo, mi fa preoccupare, è anche un ragazzo simpatico ed è uno che è sempre pronto alla lotta, uno che sa guidare benissimo la moto e ha una grande voglia di vincere sempre, di stare lì davanti, quindi è un grande avversario.   

Hai paura che ti superi nei record?

Ci vuole molto tempo, ma ha il potenziale per farlo. Non so se mi darà fastidio se mi supererà, per ora è dietro, deve ancora vincere tante gare. Speriamo di fregargliene qualcuna noi così ci metterà più tempo.

Hai mai avuto l’idea di smettere?

No, non ho mai avuto l’idea di smettere, mi sento in forma, ma soprattutto mi dà gusto da matti correre, questa è la cosa più divertente che faccio nella mia vita, mi piace il mondo, mi piace il tipo di vita che si deve fare per essere un pilota della MotoGP, allenarsi, girare il mondo. Fino a quando sarò competitivo spero di continuare.

Nella tua carriera chi è stato l’avversario più forte?

Ne ho avuti tanti perché è da molto che sono lì: Capirossi in 250, poi in 500 Biaggi, Gibernau, ancora Capirossi, poi Lorenzo, Stoner, Pedrosa, adesso c’è Marquez. Sono sempre diventati un po’ più forti.

Qual è il circuito più difficile?

È più difficile un circuito che non ti piace. Austin è una bella pista, solo che l’anno scorso sono andato male, quindi di solito le piste dove si va male non piacciono tanto.

Com’è il rapporto con Lorenzo?

È buono. Siamo cresciuti molto insieme, ci siamo stati molto antipatici in passato, ma adesso c’è un grande rispetto, cerchiamo di lavorare tutti e due per migliorare la Yamaha. Naturalmente io sono il suo primo avversario e lui è il primo mio. Però mi piace essere il compagno di squadra di Lorenzo, spero rimanga in Yamaha.

Lorenzo è più nervoso quest’anno perché ti teme di più?

Non penso che sia nervoso perché teme me, ma penso di essere più competitivo dell’anno scorso e quindi di dargli più fastidio. Lui vuole battere Marquez e quindi quando non ce la fa si arrabbia, ma è normale.   

Chi vince in MotoGP quest’anno?

Penso che Marquez diventerà il campione del mondo, così provo a portarli un po’ di sfortuna (ride, ndr).

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni