Ascoli, l'ultimo posto mancava dal Gennaio 2012. Tutti i numeri della crisi bianconera

Redazione Picenotime

13 Novembre 2017

Momento molto difficile per l'Ascoli Picchio che ha archiviato ieri contro il Foggia la settima sconfitta nel campionato di Serie B 2017/2018, la terza consecutiva. Restano 13 i punti in classifica in 14 gare (media 0,92 a partita) con un bottino di 3 vittorie, 4 pareggi e 7 ko (tre al "Del Duca" e quattro in trasferta). Restano 15 i gol fatti (peggio hanno fatto solo Brescia con 14, Spezia e Carpi con 13) e 23 quelli incassati (nella speciale graduatoria seguono Pescara con 24, Perugia e Ternana con 26, Cesena con 28 e Foggia con 31, con la squadra di Stroppa che proprio ieri contro i bianconeri per la prima volta non ha subito reti in questa stagione). 

Appena 8 i punti raccolti dalla squadra di Fiorin e Maresca tra le mura amiche (peggio Foggia e Novara a quota 6), solamente il Perugia invece ha perso 7 partite come il Picchio nel torneo cadetto in corso.  Esclusivamente la Ternana ha vinto meno gare dei bianconeri (2), mentre Cesena e Virtus Entella hanno ottenuto 3 successi come Lanni e compagni. Picchio peggio di tutti anche nella media inglese (-11) e nella differenza reti (-8 come il Cesena). 

Ascoli all'ultimo posto in solitario in classifica, in Serie B non accadeva dal 14 Gennaio 2012, quando la squadra di Silva (penalizzata di 7 punti) riuscì nel turno successivo a superare 2-1 il Gubbio ed a scavalcare la Nocerina sconfitta a Brescia. L'Ascoli di oggi, dopo 14 giornate, ha gli stessi punti della squadra del 2015 guidata prima da Petrone e poi da Mangia (che comunque era terzultima a pari merito con la Ternana seguita da Virtus Lanciano ad 11 e Como a quota 8) ed uno in meno del Picchio di Aglietti  dell'annata scorsa che però doveva ancora recuperare la gara con la Virtus Entella (poi vinta 2-1).


© Riproduzione riservata

Commenti (25)

Simone Dalle Crode 13 Novembre 2017 19:46

Dati da brivido ma sono la logica conseguenza di quanto deciso e compiuto da quest'estate. Per salvarsi (parlando solo di rosa) servono un centrale difensivo, un terzino/ala sx, un regista e una punta, tutti forti,,,


Sbn74 13 Novembre 2017 21:51

Beh dai bellini ci aveva detto SOGNAMO.INSIEME ...forse lui sognava un ultimo l.posto .......chissa ...!!! .. quedto e quello che ci ha dato dopo tre anni ... VERGOGNATEVI


MAX 13 Novembre 2017 22:47

BELLINI LA SETTIMANA SCORSA SI E' AFFRETTATO A FAREUN COMUNICATO PER CONTRAPPORSI ALLA TIFOSERIA E ORA PERCHE' NON DIMOSTRA ALTRETTANTA SOLLECITUDINE NELL'ACCETTERE L'INVITO DEI TIFOSI PER UN CHIARIMENTO SUL DISASTRO CHE SI E' VENUTO A CREARE? PRESIDENTE PER QUANTO TEMPO PENSA ANCORA DI IGNORARCI? SE CONTINUA COSI' NON LE SI PUO' SOLO RIMPROVERARE DI ESSERE CALCISTICAMENTE INCOMPETENTE MA CI SAREBBE DELL'ALTRO, BEN PIU' GRAVE.


Sbn74 13 Novembre 2017 22:55

.....fuori dai mondiali ultimi in classifica con la squadra più SCARSA DEGLI ULTIMI 40 anni ... ... che ci vuoi i più dalla vita .....
CHE SCANDALO....


Luigi 1960 13 Novembre 2017 23:03

Volevo sapere se c'erano dei precedenti riguardo al mandare in diffusione l'inno della squadra dopo una sconfitta pesante che inchioda l'Ascoli all'ultima posizione in classifica? Forse perdere 2-0 in casa di questi tempi diventa occasione di festa. Non ci capisco più niente.... qualcuno mi spieghi.


Luigi 1960 13 Novembre 2017 23:15

Simone Dalle Corde, la questione è molto più semplice, manca solo un allenatore e una squadra.


Paolo65 14 Novembre 2017 00:14

Luigi 1960, Non era mai successo sentire l inno dopo la sconfitta, evidentemente dovevano coprire fischi e contestazione, dal tronte come dice lo slogan ? La mia società è differente.
" tutti raccomandati ed incompetenti ad iniziare dal DG per finire al preparatore"


Paolo65 14 Novembre 2017 00:18

Scusate ultima cosa , però facciamo possesso palla e colazione tutti insieme, come il mulino bianco.
L Italia dopo 60 anni è fuori dal mondiale, prendiamo tutti stranieri bravi.


mirko 14 Novembre 2017 09:04

indiscrezioni di stampa danno il duo Fiorn / Maresca molto quotato per succedere a Ventura nella guida della Nazionale Italiana ed il Presidente Bellini al posto di Tavecchio


Toscano DOC 14 Novembre 2017 09:20

Rispondo a Luigi 1960: ieri sera ho scritto a LatteMiele proprio riguardo all'inno, e mi hanno detto che la prassi vuole che si metta l'inno a fine partita a prescindere dal risultato: se vincono mettono l'inno dei Titta, altrimenti mettono "Ascoli sei grande".


ascoli è dura 14 Novembre 2017 10:17

Un po' di numeri positivi che girano nell'aria(di quelli negativi ce ne sono già troppi) da aggiungere:
1)Prolungamento del contratto di Giaretta che scade a Giugno.
2)Esercitare diritto dell'opzione 2+2 del contratto di Cardinaletti.
3) Confermare peraltre 2 corse i neopatentati.
4) Tanti giocatori di proprietà: Baldini,Mogos,Florio,Varela ,Rosseti,De Santis, De Feo ......
che Vi devo dire WLF.....

Io utilizzerei un'altra strategia per la salvezza:
1)Mandare Cardinaletti a Brescia così mette Caracciolo fuori rosa e gli danno la buonuscita per venire all'Ascoli.
2)Mandare i neopatentati a Novara o Avellino o all'Entella per potergli insegnare il Tiki Taka che produce tanti tiri in porta e punti.....
3)Mandare Giaretta al Pescara così caccia i giovani buoni e li dà all'Ascoli e si porta dietro Florio ,Pinto,Mogos, Bentivegna, Slivka, Varela, Baldini, Rosseti,De Santis,De Feo,Santini,....


Alvaro da Osimo 14 Novembre 2017 10:49

Domenica. Io o visto la partita e ho fatto 113 km un mal di stomaco così non lo visto mai.È ora di cambiare aspettiamo a perdere altre partite ? ASCOLI SEMPRE Nel CUORE


Ugo69 14 Novembre 2017 11:02

Ascoli è dura, sarebbe tutto troppo bello, ma purtroppo succederà il contrario.


Ascolano doc 14 Novembre 2017 11:13

Il calcio bisogna saperlo fare, vale per la nazionale, vale per l'ascoli


Condor77 14 Novembre 2017 11:35

In mezzo a tutti questi commenti negativi, io dico che risaliremo la classifica e ci salveremo.
CHI ASPETTA IL TRAMONTO DELL'ASCOLI NON VEDRA' MAI LA SERA!


Luigi 14 Novembre 2017 12:13

La cosa che fa veramente male a tutti gli sportivi ascolani, è vedere e sentire una recita continua da parte di una società lontana dalla sua gente, sorda e cieca davanti ai fatti, ai risultati fallimentari, questo ci fa molto dispiacere, un atteggiamento che vuole mantenere i privilegi e incarichi di persone che stanno distruggendo tutto.
Fino a quando dobbiamo assistere a tutto ciò?
Ascoli, l'Ascoli e gli ascolani non lo meritano.


Luigi 1960 14 Novembre 2017 12:20

Ringrazio Toscano DOC e Paolo65 che saluto con simpatia. Comunque un alone di dubbio sull'inno mi rimane. Considerando veritiere entrambe le vostre risposte, mi verrebbe da pensare che questa prassi sia stata inaugurata proprio a partire dalla partita di domenica scorsa contro il Foggia. Se così fosse mancherebbe anche di trovare un inno in caso di pareggio..... e così vissero tutti felici e contenti....


Luca samb 14 Novembre 2017 13:55

Ci vorrà il pallottoliere a Parma lo sapete?


IO 14 Novembre 2017 16:14

si lucasamb, lo sappiamo, ci prestate il vostro usato col Monticelli??
Grazie mille.


Francesco 14 Novembre 2017 17:06

Condor 67 sono d'accordo che ci possiamo riuscire, ma ci salviamo se bellini fa piazza pulita dei dirigenti e manda via Maresca, questi hanno fatto un casino incredibile la squadra è spaesato, ci sono giocatori che vogliono andare via, serve un allenatore vero esperto di serie B, che ricostruisce il rapporto tra con la città, il ds non serve basta una persona intelligente e che ama l'Ascoli uno alla ubaldi abbiamo bisogno di aria pulita questa dirigenza ha fatto macerie


Toscano DOC 14 Novembre 2017 17:30

Risaluto il collega e fratello bianconero Luigi 1960, simpatico e competente, ma anche l'altro Luigi e l'Ascolano doc che dicono parole sante... speriamo di uscire presto da questa situazione... con la Nazionale eliminata e la squadra del mio paese ultima nel suo campionato regionale toscano e presa a sberle da tutti, almeno tu, magico Picchio, non mi deludere!


Luigi 1960 14 Novembre 2017 17:34

Condor77 siano benedette le tue parole. Penso che qui tutti noi ci auguriamo la salvezza del nostro amato Ascoli e i commenti un po' sarcastici e negativi di parecchi di noi vorrebbero essere solo degli stimoli per far risorgere l'alba dopo il tramonto della sera, anche se tu pensi che ancora siamo in pieno giorno....


inotto 14 Novembre 2017 17:49

Domenica ero in curva, ed i ragazzi hanno fatto un lavoro encomiabile per farci cantare tutti e stare uniti fino alla fine, purtroppo però alla dirigenza non importa. A loro non importano i nostri canti, non importano le nostre contestazioni, è solo una mera questione di soldi. Bellini prima che fosse affiancato alla squadra non sapevo chi fosse, ma stando a quello che ha fatto non credo sia uno stupido, sa come si fanno i soldi, ma a quanto pare non sa come si gestisce una società calcistica.
I miei dubbi sono:
O Bellini sa qualcosa che noi non sappiamo
O Bellini capisce cosa sta succedendo e al mercato prendiamo gente valida
O Bellini si stufa e a giugno siamo per stracci

Sempre forza Ascoli


Luigi 1960 14 Novembre 2017 18:28

Luca samb ciao, qui spesso ci scambiamo battute e sfottò e come ben sai è una cosa normale che ciò avvenga in un sano spirito di competizione. Per il pallottoliere ci attrezzeremo non ti preoccupare, ma ora vorrei provare a dirti una cosa seria. Mi ha colpito molto il gesto fatto dagli Ultras 1898 dell'Ascoli prima di venire allo stadio domenica scorsa, in segno di solidarietà con un tifoso che porta il tuo stesso nome, Luca, che è stato ferito a Vicenza. Questo gesto ci dovrebbe ricordare una cosa molto semplice e cioè che pur se con colori diversi siamo comunque fratelli. Ultimamente ero stato critico con alcuni tifosi ultras ascolani per via di quell'estemporaneo e inopportuno comunicato riguardo alla profanazione della memoria di Anna Frank, ma questo gesto a sostegno di Luca Fanesi è stato veramente bello e ripara tutto, peccato che i potenti mezzi d'informazione questa volta non lo hanno messo in evidenza. Con questo voglio dire che nel cuore di ciascuno di noi c'è sempre il desiderio di fare il bene, anche se non sempre ci riusciamo, e che ogni persona, al di là del suo credo, del suo colore politico o della pelle, o della squadra che tifa, ha una sua dignità che merita sempre rispetto. In conclusione, volevo innanzitutto elogiare e ringraziare gli Ultras 1898 per un gesto che fa onore all'Ascoli e a tutto lo sport. Poi vorrei augurare a tutti i tifosi di poter sempre seguire la propria squadra senza mai cedere alla vigliaccheria della violenza. Ritornando al pallottoliere, che dire? Ormai è in disuso, sono però sicuro che tu ci terrai il conto, ma non ti affaticare troppo per l'Ascoli sennò poi come fai con la Samb?


Giovanni 14 Novembre 2017 19:18

Cerchiamo di attaccarci a qualche speranza, ma sono purtroppo senza fondamento, la verità è che l'Ascoli sta retrocedendo e sta morendo a livello societario. Dove sono i soci? Vorrei sapere cosa dicono, vorrei chiedere a Faraotti se ripeterebbe anche a le parole di questa estate, siate fiduciosi, il progetto è serio e ambizioso, oppure che cardinaletti è il miglior dirigente d'Italia, parole che ancora sentiamo nelle orecchie, sono andato a rivedermi le conferenze stampa, è il contrario di quello che sta succedendo.
Battista dove sei? Gli ascolani vogliono sentire le tue parole, tu sei un grande imprenditore ascolano, non ci tradire.
Ormai il presidente sta in Canada e tratta l'Ascoli come un passatempo, senza cuore e amore questo mi fa impazzire. Non ci posso credere dopo averlo accolto come un re questo è il ringraziamento.
Ha affidato il picchio a cardinaletti giaretta Maresca e guardate come ci hanno ridotto
Serve una svolta soci se ci siete salvate il picchio perché così muore


Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni