Ascoli, Maresca: “Cose extracalcistiche incontrollabili, non ci sono presupposti per continuare”

Redazione Picenotime

22 Novembre 2017

Enzo Maresca

Con un comunicato ufficiale pubblicato sul proprio sito l'Ascoli Picchio ha confermato in blocco lo staff tecnico formato da Fulvio Fiorin, Andrea Arpili, Salvatore Pollino e Lorenzo Vagnini ed ha dato modo all'ormai ex vice allenatore Enzo Maresca di fare chiarezza sulle sue dimissioni. 

"Credo fermamente che un addetto ai lavori abbia il compito di dedicarsi con anima e corpo a tutto quello che riguarda l’ambito tecnico/tattico, cosa che in realtà mi preoccupava in parte, vista la mia convinzione di poterci tirare fuori da questa situazione.

Purtroppo le cose extracalcistiche erano diventate tante ed incontrollabili, di conseguenza non ci sono più i presupposti per continuare.

Un grazie di cuore va al presidente Bellini e alla signora Marisa, persone squisite che mi hanno dato la possibilità di iniziare questo cammino.

Inoltre volevo ringraziare Andrea Cardinaletti e Cristiano Giaretta e tutti quelli che hanno creduto in me, auguro ai ragazzi della squadra di raggiungere gli obiettivi prefissati.

Un grazie anche a tutti coloro che lavorano intorno alla squadra, dalle signore della colazione, ai magazzinieri, al team manager, all’addetto stampa, per finire allo staff medico.

L’allenatore in seconda

ENZO MARESCA"

Con questo messaggio Mister Maresca ha rassegnato le proprie dimissioni irrevocabili ponendo fine alla sua esperienza all'Ascoli Picchio. Con rammarico il Club bianconero saluta Enzo, uomo e professionista esemplare e lo ringrazia per l'impegno, le capacità, l'esperienza e la competenza messi a disposizione in questi cinque mesi. L'Ascoli Picchio FC 1898 augura al tecnico le migliori fortune personali e professionali.

Il Club annuncia altresì di confermare in blocco lo staff tecnico composto da Fulvio Fiorin, Salvatore Pollino, Lorenzo Vagnini e Andrea Arpili.



© Riproduzione riservata

Commenti (49)

Jeannette 22 Novembre 2017 17:56

mettetevi tutti una maschera. siete patetici, non vedete l'ora di scaricare tutto sui tifosi e poi andarvene.
via da Ascoli!


Luigi 1960 22 Novembre 2017 18:02

Un grazie va anche a Enzo Maresca per le sue tempestive dimissioni. Sarebbe però curioso capire meglio a cosa egli alludesse per "cose extra-calcistiche". Visto che nell'elenco dei ringraziati dell'ex tecnico in seconda (che comunque inizialmente sembrava fosse in prima, pur senza abilitazione) non compaiono i tifosi verrebbe quasi da pensare che anche noi tifosi per lui siamo una variabile extra-calcistica.... Forse Maresca non riteneva importante il fattore tifo per il buon andamento della squadra, a questo punto è stato proprio un bene che se ne sia andato. Gli auguriamo un buon prosieguo degli studi a Coverciano e tanta serenità.


blackandwhite 22 Novembre 2017 18:06

Vergognatevi, società per la quale non ho piu oggettivi, via tutti da Ascoli, tutti!!!!!!!


Luigi 1960 22 Novembre 2017 18:16

Domanda: la BOXEBALL è una cosa extra-calcistica o un nuovo sport? Peccato che si sia dimesso... chissà chi potrebbe rispondere. Ammesso che fosse un nuovo futuribile sport probabilmente potrebbe svilupparsi a partire dal Canada, sicuramente lì si potrebbe trovare qualcuno pronto ad investirci....


Igor 22 Novembre 2017 18:17

BELLINI VATTENE


bianconero ascolano for ever 22 Novembre 2017 18:20

Come spesso accade fiumi di parole ma che fanno capire e non capire. E infatti oltre alle consuete frasi di circostanza l'unico punto da chiarire sono queste "cose extracalcistiche". Che voleva dire maresca ? O ce lo spiega oppure poteva risparmiarci questo inutile comunicato


Ponz 22 Novembre 2017 18:29

Ciao Enzino buona fortuna!!!mi raccomando studia tanto!!!


Appassionato 22 Novembre 2017 18:38

Siamo veramente ad un bivio, una società che vuole salvarsi acquisterebbe SUBITO un allenatore "forte" un laterale sinistro di categoria e una punta, poi a Gennaio completerebbe l'organico.
Purtroppo questo non accadrà e sarà l'ultimo atto di questa società, Bellini certamente avrà capito che l'investimento nel mondo calcio non fa per lui e venderà la società in C il prossimo anno. Spero di sbagliarmi ma le vedo così!!


Paolo65 22 Novembre 2017 18:44

Paolo65
paolomascaretti@hotmail.com

Ma quali cose exstracalcistiche, siamo ultimi in classifica , possesso palla sterile , quattro sconfitte di fila. Tutte le persone che hai ringraziato tranne Bellini e signora che sono i proprietari, sono una manica di incapaci


MARIO78 22 Novembre 2017 18:45

I tifosi niente ? ....le cose extracalcistiche sono secondo me i caxxxxti presi da Perez, la non accettazione del fratello .... e i cori contro a Parma dei tifosi.....salvo altre


WALL_E 22 Novembre 2017 18:49

Maresca se ne è andato ed in parte mi dispiace, primo perché a pagare è sempre l'allenatore, secondo perché quando uno "fallisce" a perderne non è solo lui ma tutta la società.
Gli faccio i migliori auguri per una carriera da allenatore piena di soddisfazioni.
La cosa che non mi piace affatto è la conferma in toto di tutto lo staff.


peppeb 22 Novembre 2017 18:50

Come sempre massima chiarezza da parte della società e dei suoi dipendenti (anche ex).
Società trasparente, società differente ...... gran belle parole...... ma i fatti dicono ben altro


Speriamo bene 22 Novembre 2017 18:55

Maresca chi? Faccio i Complimenti a Tosti e Ciccoianni ........


LORENZO CAPRO' 22 Novembre 2017 19:04

MARESCA METTITI UNA MASCHERA INSIEME A CARDINALETTI E GIARETTA, BELLINI NON TORNARE PIÙ AD ASCOLI.


LORENZO CAPRO' 22 Novembre 2017 19:05

FIORIN È GIOVANE E DIVENTERÀ UN GRANDE ALLENATORE, TI PREGO BELLINI VENDI TUTTO, FACCI QUESTO REGALO. TI PREGO


pietro 22 Novembre 2017 19:22

E inutile dare la colpa a Petrone aglietti o maresca io in queste persone ho visto tanta buona volontà e capacita' ma è tutto il sistema che ci gira intorno che non va.Bellini deve andarsene siamo diventati la barzelletta dell'Italia mi sono rotto


stelloneBN 22 Novembre 2017 19:26

Uno che si dedica con anima e corpo a tutto quello che riguarda l’ambito tecnico/tattico e prende 3/4 pere a partite e dopo 15 giornate e' ultimo, facendo figuracce in tutta Italia, DOVREBBE FARE ALTRO NELLA VITA e non prendere scuse extracalcistiche - Chi ha visto i soci Ascolani?? The End


CASTE300 22 Novembre 2017 19:33

RAGAZZI MA LO SO SOLO IO CHE LA SOCIETA' E' DA UN PAIO DI MESI CHE E' IN VENDITA? E CHE CI SAREBBE GIA' UN COMPRATORE? FORSE DUE? VOX POPULI...? E POI COME MAI LA VENDITA COSI' SBRIGATIVA DI FAVILLI? E UN PRESIDENTE COSI' ASSENTE? MAGARI MI SBAGLIO....P.S. E GLI ABBONAMENTI FINO A DICEMBRE? E DELLA QUESTIONE STADIO CHE E' FERMA AL PALO? SONO TANTI GLI INTERROGATIVI...MI PARE...


Albardialbissola 22 Novembre 2017 20:10

In bocca al lupo al mister...purtroppo la scommessa non è riuscita
Andava esonerato dopo Parma...la squadra era troppo fragile...e succedono cose strane nel sottobosco
Forza picchio


Tiziano 22 Novembre 2017 20:49

Incompetenza? No, presunzione e menefreghismo... altrimenti chiunque al suo posto e con quei mezzi non si farebbe dire di se in tutta italia... non ha la passione del calcio e dell’ascoli ..... e quindi nn ha l’emozione e la volontà di fare qualcosa per il popolo bianconero.... ma può essere che nn gli viene la voglia di comprare qualcuno che lo faccia divertire? Con le capacità che ha? Non ne ha comprato uno in tre / quattro anni .... sempre col freno a mano, lascia perdere allora, chi cavolo te lha ordinato di arrivare qua


Lorenzo S 22 Novembre 2017 21:00

La squadra sarà pure da lega pro,ma la dirigenza è da terza categoria,senza offesa per chi fa' la terza categoria


Gigi 22 Novembre 2017 21:26

Scusate, ma fra tutte le persone che ringrazia, forse mi sbaglio o mi è sfuggito, ma Fiorin, che dovrebbe essere il primo della lista, visto che ha condiviso con lui quest’avventura, non lo menziona per niente? Manco una parola? Mah....non è che ha litigato pure con lui....


renato 22 Novembre 2017 21:43

Sono sempre piu sfiduciato, ma una gioia ci regala questa società, sempre comunicati freddi e polemici, gli unici comunicati degni li abbiamo letti quando c'era Valori, stranamente allontanato da una società così "trasparente"......


fabrizio 22 Novembre 2017 21:46

BELLINI SEI UNICO RESPONSABILE ...STUFI DI TE NON SARAI MAI IL NOSTRO PRESIDENTE


ascoli club bs 22 Novembre 2017 22:06

Non si abbandona la nave in tempesta. Schiettino!!


roberto 22 Novembre 2017 22:06

Maresca non è il principale responsabile di questa situazione e gli si deve riconoscere che è l'unico stipendiato dell'Ascoli Picchio che si e' dimesso.
Cardinaletti invece si tiene stretto il suo stipendio da oltre 100mila euro


Ramon 22 Novembre 2017 22:21

Non capisco perché non si dimette tutto lo staff?


Luigi 1960 22 Novembre 2017 22:42

Interessante la considerazione di Gigi. A questo punto mi viene davvero il dubbio che Maresca anche con Fiorin non è che filasse tutto liscio...
Cosa ci aspetta ora? Siamo nel buio più fitto. Io credo che in questa situazione se la società - continuiamo a chiamarla così, anche se ormai tutti i membri societari sembrano più dei dissociati che degli associati - confermasse Fiorin anche dopo la partita di sabato contro la Cremonese, a prescindere dal risultato, quello sarebbe il segnale lampante che dal Canada si sta consumando l'ultima dissociazione, cioè Bellini sta vendendo la sua SpA ascolana. Se così fosse, penso che sarebbe inutile e controproducente continuare a prendersela con Fiorin. Se Bellini sta planando in atterraggio per scendere di bordo e non vuole più investire un euro nell'Ascoli Picchio nessun allenatore sarà disposto a inoltrarsi nelle sabbie mobili di Ascoli. In tal caso bisogna sperare che arrivino almeno due o tre svincolati prima del mercato di gennaio e che anche Fiorin non si stufi e si dimetta, perche a quel punto non resterebbe che Di Mascio. Forse non tutti saranno d'accordo con questo mio ragionamento, però dopo la partita di sabato si capirà meglio come stanno veramente le cose. Secondo me, se la mia ipotesi fosse esatta, cioè se Bellini stesse vendendo e quindi disimpegnandosi sempre di più, occorrerebbe sostenere Fiorin e la squadra e non abbandonarla a se stessa. Fiorin avrà tuti i suoi limiti legati anche all'inesperienza, ma almeno sotto la curva è venuto a salutare i tifosi con la sciarpa bianconera al collo. Maresca invece se ne è andato senza salutare né i tifosi né l'allenatore che gli permise di sedersi sulla panchina ascolana senza neanche avere il patentino da allenatore, una clamorosa ingratitudine mascherata in mezzo ad una sequela di freddi ringraziamenti di circostanza.
C'è poi una cosa che non mi torna. Molti qui danno ormai per certa la cessione di Favilli alla Juventus. Io sinceramente non sarei così certo. Ricordo che Marotta rispedì alla Sampdoria un certo Scick, che era già stato formalmente acquistato, per via delle anomale aritmie cardiache riscontrate durante il check up medico. Pensate che Marotta dopo il grave infortunio capitato a Favilli sia sempre disposto ad acquistarlo?


David 22 Novembre 2017 23:49

Il commento di Luigi 1960 non fa una piega.! Sono super convinto che l ascoli é in vendita. Quindi dobbiamo cercare di mantenere la serie . Fiorin o Cosmi o qualsiasi altro ....Sabato c è da sostenere la Squadra e vincere a tutti i costi. Poi la speranza di aver e un paio di svincolati per fare più punti possibili ed arrivare a gennaio ..........altrimenti c è il baratro !!! Tornare in serie c sarebbe un fallimento totale!!


paolo b 23 Novembre 2017 00:05

sono rimasti solo i tifosi i protettori di un Ascoli ormai alla rovina, lo dico senza ombra di smentita, Bellini e il cerchio magico devono andarsene, per il bene di tutti, BASTA!


Artmedia21 23 Novembre 2017 01:20

Maresca per me non ha colpe più di tanto. Cosa poteva fare se ha in mano una squadra da lega Pro? È il mercato che è stato sbagliato. Purtroppo non si può sempre sperare di salvarsi facendo un mercato al risparmio. Può andare bene 1 o 2 anni ma non può sempre andare bene. La squadra è da lega Pro. Inutile girarci intorno. Chi ha costruito la squadra l'ha fatto male e Maresca con questi elementi a disposizione non poteva fare un miracolo. Non ci sono più Cacia, Orsolini e Cassata a salvare la baracca


mirko 23 Novembre 2017 08:09

ragazzi ma di cosa vi lamentate il grande Mister ha salutato le signore delle colazioni ..... vi pare poco ? ....... Su una cosa ha ragione Giaretta l'Ascoli è sulla bocca di tutti .. siamo la barzelletta d'Italia .... VIA TUTTI SUBITO


Mod 69 23 Novembre 2017 08:48

Non sarà la prossima partita anche se
vinta la cura all'agonia prima della fine
di questo lungo campionato di serie B
serve un deciso intervento risolutivo
sui responsabile del male Ds allenatore



che


Mandrillo 23 Novembre 2017 09:05

Stamattina sui giornali c'è scritto quello che ho sempre pensato.
Sbrigati a vendere la società e si ricomincerà da dove è pissibile. Punto. Questa storia non può andare avanti così.
Mo dopo ci spiegherà perché non la vuole vendere ad un ascolano.
E qui mi fermo, perché potrei passarmene.
Un saluto ai devoti che credevano a tutto.


Ugo69 23 Novembre 2017 09:50

Secondo la stampa il proprietario lascia anche lui, troppe contestazioni.
A me risulta che sia il meno contestato della storia. Delle educate esortazioni fatte allo stadio, non sono contestazioni.
Comunque prima vende e meglio è per tutti. Sarà quel che sarà.


andrea2 23 Novembre 2017 09:51

Non vi va bene neanche il testo di dimissioni di Maresca.. A tutti quelli che dicono "Bellini vattene" faccio presente che detiene quasi intereamente le quote societarie e per andarsene dovrebbe arrivare qualcuno che le compri.. Magari le regala i tifosi così finalmente vedremo l'Ascoli in champions League.. Abbiamo già tutto, giocatori, allenatori, dirigenti, dottori, magazzinieri, il sindaco di tasca sua compra lo stadio e tutti vissero felici e contenti..


Luigi 1960 23 Novembre 2017 10:07

Maresca non ha colpe? Io, invece, credo che la sua importante parte di responsabilità del tracollo tecnico dell'Ascoli ce l'abbia. Ho già espresso la mia critica sul gioco tika tika targato Maresca in un commento postato in un altro recente articolo e non ritorno su questo argomento. Per quanto riguarda il calciomercato, è vero che l'ha condotto il ds Giaretta e quindi il primo responsabile è lui e il proprietario della SpA, che gli ha messo a disposizione un budget ristretto. Di solito, però, l'allenatore (nel nostro caso gli "allenatori") viene interpellato e coinvolto nella scelta dei giocatori da acquistare e da vendere. La società pensava di essere stata furba nell'aver scelto una coppia di ambiziosi e presuntuosi allenatori alle prime armi che non avrebbero fatto tante storie e avrebbero accettato ben volentieri ogni giocatore. Gli allenatori, ma in particolare Maresca che la scorsa estate era stato presentato come il principale dei due, benché ancora non abilitato, pensavano di essere talmente bravi e innovativi che sarebbero riusciti a mettere su facilmente una specie di piccolo Barcellona di provincia. Maresca si è presentato forte del suo curriculum di giocatore pensando di essere già un navigato allenatore e secondo me ha anche dato indicazioni di mercato a Giaretta (ricordate la vicenda Vitiello che recentemente lo ha difeso?), altrimenti come si spiega la collezione di trequartisti che l'Ascoli ha acquistato? Sarei poi curioso di sapere se Maresca abbia mai provato a dissuadere gli scriteriati dirigenti ascolani che avevano deciso di regalare e mettere fuori rosa Cacia e Giorgi. Temo proprio di no. Inoltre Maresca non mi sembra che avesse una grande comunicativa e che fosse riuscito a creare un buon clima nello spogliatoio e dubito che anche con Fiorin sia filato sempre tutto liscio. Ora è facile dare addosso ai giocatori, ma ricordo che anche altre squadre hanno pescato dei giocatori dai campionati minori eppure si trovano molto meglio dell'Ascoli (a proposito, ricordate Malcore del Carpi?). Quindi, secondo me, Maresca la cosa più bella che ha fatto in Ascoli sono state proprio le sue dimissioni..... poi se un giorno volesse ripassare a fare colazione venga pure, però magari in piazza non al Picchio Village.....


Luigi 1960 23 Novembre 2017 11:09

Ho appena letto l'articolo con l'intervista a Bellini pubblicata da un noto quotidiano locale. Confermata l'ipotesi che facevo sulla volontà di Bellini di disimpegnarsi dall'Ascoli Picchio. Il manager canadese nell'intervista attacca i soci e gli azionisti dell'Ascoli Picchio e si lamenta con una parte della tifoseria, ma anche con la stampa. Difende anche Maresca, in particolare per le critiche che gli sono state mosse riguardo al fratello. Di questa ultima questione non conosco affatto i contorni, per cui non mi esprimo. Però le critiche maggiori mosse a Maresca mi sembra che siano state fatte riguardo al gioco della squadra, non per altro. Il tono delle dichiarazioni di Bellini è rancoroso, non mi piace e mi sembra che dietro quell'atteggiamento di risentimento ci sia più che altro un tentativo di giustificare e difendere il proprio operato. Ormai sembra inevitabile che venda la sua quota azionaria, ma non si è capito ancora bene quali potrebbero essere i possibili acquirenti (smentita la voce Della Valle). Personalmente vorrei comunque vedere anche un tentativo di riavvicinamento tra le principali componenti societarie e più trasparenza e riflessione nella gestione della società in questo delicato e convulso passaggio.


Ascolano doc 23 Novembre 2017 12:09

Andrea2, è un po' ditempo che scrive le solite banalità. Questo qui prima la vende ka società e meglio è. Ma sembra che acquirenti ascolani non siano graditi. Magari troviamo uno di martinsicuro cosi lo accontentiamo.


Sante Renda 23 Novembre 2017 12:48

blackandwhite
Maresca è più ascolano di te. Nativo di Pontecagnano Faiano, provincia di Salerno, terra ove furono confinati per l'appunto gli ascolani deportati dopo la sconfitta contro Roma del 268 a.C. Non per niente i monti là intorno si chiamano Picentini. Nella stessa Pontecagnano sorge il parco archeologico urbano dell'antica Picentia.


ascoli è dura 23 Novembre 2017 13:21

Dopo le diverse frasi:"se non vi sta bene me ne vado!" si è passati al "me ne vado!"....
Per me si era stufato da un pezzo e cercava solo il pretesto....se non era ora sarebbe stato il prossimo anno. Tutte le mosse strane effettuate da giugno ora riportano.........
La verità è che per fare calcio ci vogliono 3 cose:
"soldi,passione e competenza".
Bellini ha solo i soldi....il resto sono chiacchiere.....


Luigi 1960 23 Novembre 2017 13:53

SanteRenda
Quello che scrivi è storia vera, tuttavia anche Belllini è ascolano, ma come vedi ciò non è sempre garanzia di attaccamento e vera passione per l'Ascoli. Per quanto riguarda gli allenatori poi, i migliori finora sono stati Carlo Mazzone, un romano e Mimmo Renna, un pugliese.
Saluti.


axel 23 Novembre 2017 14:05

Ricordo a tutti che stiamo parlando di calcio. Uno sport. I tifosi se non credono più nella squadra possono starsene a casa invece di fare proclami come se fossero imprenditori/azionisti.


Gabriele 23 Novembre 2017 14:43

Bravo Enzino,sei andato a piangere dal proprietario che ha preso la palla al balzo!Forse avevate preso Ascoli per una comunità di recupero...


Mandrillo 23 Novembre 2017 15:02

Mo è rescite axel. I tifosi fanno i tifosi. Proprio perché stiamo parlando di una squadra di calcio, che rapresenta una città, un territorio, un orgoglio di appartenza e non di una fabbrica di cazzarole, i tifosi hanno diritto di parola. E chi si compra una squadra questo ce lo deve sapere, o no???
Lascia perde axel, sabato c'è per lui.


andrea2 23 Novembre 2017 16:33

Mandrillo, i tifosi hannoil sacrosanto diritto di criticare se non gradiscono lo spettacolo.. Ma qui si è superato il limite troppe volte, non è mai andato bene un allenatore, un dirigente, un direttore sportivo, qualunque campagna acquisti (ho sentito contestare spesso la scelta di Giorgi che era "rotto", sal poi contetare apertamente la sua cessione, tanto per dirne una), l'incapacità della giunta comunale nella gstione stadio è stata sempre rinfacciata a Bellini.. Leggo tutto ed il contrario di tutto col solo scopo di spngere Bellini ad andarsene..
Questo è quello che volevano in tanti, adesso aspettiamo i Della Valle, ma aspettiamo, aspettiamo, aspettiamo.. nel frattempo divertiamoci in Eccellenza..


Mandrillo 23 Novembre 2017 18:09

Andrea2, ti ci sarai pure invecchiato, ma confondi le critiche da bar con le critiche di ostilità. Il calcio è fatto così, i tifosi sono fatti così. E se uno arriva e promette mari e monti, è proprio lui il primo a sbagliare.
Tutti ci saremo accontentati di una discreta serie B, no la champions League. Dai su non mettere la testa sotto la sabbia


Luigi 1960 23 Novembre 2017 18:26

Nessuno voleva spingere Bellini ad andarsene Andrea, volevamo solo che avesse anticipato il suo rientro ad Ascoli per far fronte alla grave emergenza in atto, volevamo che il Presidente nel momento della difficoltà fosse stato più vicino alla squadra e ai tifosi per cercare di prendere in mano le redini della complicata situazione, volevamo che fosse fatta un po' di chiarezza in mezzo a tutta questa confusione in cui naviga quel che resta della società.... ti sembra che volevamo troppo?


Picenum 24 Novembre 2017 22:34

Poveri noi!!!! Qui il primo che si sveglia emana sentenze!


Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni