Ascoli Picchio, Cosmi: “Avanti con difesa a 3, Lanni da valutare. Non m'interessano problemi Avellino”

Redazione Picenotime

15 Dicembre 2017

Serse Cosmi

L'allenatore dell'Ascoli Picchio Serse Cosmi ha parlato al nostro microfono all'Hotel Villa Pigna al termine della rifinitura prima della partenza per Avellino dove domani pomeriggio sarà in programma il match contro i biancoverdi di Walter Novellino valevole per la 19esima giornata del campionato di Serie B.



Ecco le altre dichiarazioni in conferenza stampa di mister Cosmi riportate dal sito ufficiale dell'Ascoli Picchio: “Pensavamo di recuperare Clemenza, ma ha ancora dolore alla caviglia e cercheremo di riaverlo per la prossima gara col Pescara; perdiamo anche De Feo per una sindrome influenzale. Situazione particolare per Bianchi e Varela che sono tornati disponibili e sono rientrati bene nel gruppo. Da valutare Lanni per una distorsione alla caviglia, oggi ha provato, ma decideremo direttamente domani. Se serve una benedizione per via dei tanti infortuni? Quando la classifica è deficitaria come la nostra, ci sono sempre tante cause, non ultima la fortuna, ma cercare di combatterla pensando che tutti i problemi siano riconducibili ad essa, non è intelligente. L’ho detto anche dopo la gara con l’Entella, non bisogna pensare che sia l’anno nero dell’Ascoli, su questo ho una visione diversa rispetto a chi è qui da tre mesi. Dobbiamo per forza tirarci fuori da questa situazione, ripeto, per forza, quindi non bisogna fare l’errore di piangersi addosso. Il risultato non dipenderà dagli infortuni, ma da quello che proporremo noi. Novellino? E’ una conoscenza di vecchia data, capita di incontrarci e confrontarci, lo conoscete bene anche voi ad Ascoli. In questo momento di tutto bisogna parlare meno che degli altri e mi riferisco anche alle questioni extra campo dei nostri avversari: non mi è mai piaciuto speculare sui problemi altrui, preferisco concentrarmi sulla mia squadra  e su quello che dobbiamo fare noi sul campo. Io sono venuto qui per raggiungere, seppur attraverso tanta sofferenza, il traguardo della salvezza mettendoci dietro cinque squadre sul campo. Resto sempre fedele a quanto succede sul campo. L’Avellino è partito non so con quali ambizioni, sul campo aveva fatto punti all’inizio, ma poi è andato in difficoltà; ha un organico di tutto rispetto, ha giocatori giovani e meno giovani dal grande presente e, in alcuni casi, dal grande futuro. Hanno perso Morosini, che avrebbe potuto dare una grande mano, ma hanno trovato Asencio, poi ci sono Ardemagni e Castaldo, hanno gli esterni di grandissima qualità e poi ci sono Kresic e Rizzato che conosco molto bene per averli avuti a Trapani. Hanno giocatori che nell’uno contro uno sono formidabili, quindi dovremo limitarli e questo dipenderà dal coraggio che avremo di andarli a prendere in tutte le zone del campo.  Il nostro modulo? Non ci discostiamo dal 3-4-2-1 e dal 3-5-2, anche se non c’è preclusione per altri sistemi di gioco, poi, finite queste tre partite che mancano alla chiusura del girone di andata, vedremo se è il caso di cambiare. I ragazzi del Settore Giovanile? Ne ho utilizzato qualcuno per le esercitazioni perché ne avevamo bisogno numericamente, mi piace comunque vedere i giovani della Primavera perché l’esperienza mi dice che potremmo trovare risorse utili per la prima squadra, quindi voglio vedere se c’è qualcuno che fra tre, sei mesi o un anno può  essere adatto. Se ho fatto tabelle di marcia? Nella mia tabella non prevedo sconfitte, è fondamentale dare continuità ai risultati. Domani dobbiamo andarci a giocare la partita. Se firmerei per il pari? Solo se l’Avellino si mostrasse superiore, quindi aspettiamo di vedere la gara. Se il pareggio servisse per centrare la salvezza, direi che basterebbe, ma, dal momento che non è così, andremo a giocarci la gara”. In conclusione il tecnico ha commentato la frase che ha pronunciato alla squadra alla vigilia del match con l’Entella “Non voglio vincere, ma stravincere”: “Mi fa piacere che sia rimasta impressa ai miei giocatori, non l’ho pronunciata per denigrare l’avversario, ci mancherebbe, ma per dire che avremmo dovuto affrontare l’avversario con una forza tale che andasse anche oltre il desiderio di vincere”.



© Riproduzione riservata

Commenti (23)

San Marco 15 Dicembre 2017 13:37

Mister 6 un Grandeeeee..!! Sempre ForzaAscoli


the punischer 15 Dicembre 2017 13:46

che grande Uomo


Foggia rossonera 15 Dicembre 2017 13:51

Effetto cosmico per il pikkio ahahah


Tifosissimo 15 Dicembre 2017 13:51

che Dio ti benedica. N 1 mister


MATTIA 15 Dicembre 2017 13:59

Ma che grande che sei mister,"gli ultimi 25 secondi dell'intervista "e' un patrimonio del calcio,ASCOLI, non eravamo piu' abituati a sentir parlare un vero Mister,GRAZIE,,,,nessun dubbio x il risultato di domani,vincere e vinceremo


stefan 15 Dicembre 2017 14:22

Love love love


DENTE O CANASSA...... 15 Dicembre 2017 14:36

Anche le pulci c' hanno la tosse, foggia rossonera fatte na padellata de ca.....i tua ! GRANDE MISTER , Comunque sia sempre con dignità


Marco Santarelli 15 Dicembre 2017 14:42

Grande MISTER !!!
In questo momento dove a livello societario c'è una fitta nebbia, lui rimane l'unico faro capace di farci approdare alla salvezza.
E per i rinforzi (ma sono certo che sarà cosi) dia la " lista della spesa a Giaretta" e batta i pugni sul tavolo, esigendo che il DS trovi l'accordo con i giocatori subito in modo che appena apre il mercato ci siano le firme dei contratti, perchè non ci possiamo permettere di aspettare i saldi dell'ultimo minuto....
Ciao Fabrizio b. Saluto tutti...


Paolo65 15 Dicembre 2017 15:25

Foggia Rossonera, Sei proprio sicuro che vi salverete? Non scomparire quando retrocederete e poi fallirete , è già successo ci avete messo 19 anni per tornare in B , ed hai l arroganza di scrivere sul nostro portale.


quinto decimo 15 Dicembre 2017 16:59

Daje Serse, tu e i tifosi siete rimasti gli unici baluardi in questa valle di lacrime......


Ramon 15 Dicembre 2017 18:20

Era ora un allenatore vero


Ale0897 15 Dicembre 2017 19:45

È l'allenatore perfetto per l'Ascoli
Non importa se si vince o si perde Se non si raggiunge la salvezza ADESSO GLI OSTACOLI SONO AUMENTATI (via i soci, Cardinaletti rimasto in società per scaldare la sedia e i big money)
LE TUE DICHIARAZIONI SONO GIÀ NEL MIO CUORE
Spero che battiamo l'Avellino COSÌ RIALZA IL MORALE A TUTTI, IN VISTA DI UN PESCARA DA AFFOSSARE
CARICA!!!!! 11 LEONI IN CAMPO
P.S. TACCONE SEI UN PEZZO ... COME DICE LA CANZONE DI LEVANTE


Gianrico Ranalli 15 Dicembre 2017 20:04

Serse, patrimonio del calcio mondiale!


Foggia rossonera 15 Dicembre 2017 21:08

Attento ale0897 è più facile che vi affossi Zeman con la difesa che vi ritrovate ahahah


L'ASCULA' 15 Dicembre 2017 21:19

Prima c' è l'Ascoli ...poi l'Ascoli...e poi ancora l'Ascoli....
FORZA PICCHIO.


Ale0897 15 Dicembre 2017 22:09

FOGGIA MA ANCORA TU PARLI......


Ale0897 15 Dicembre 2017 22:14

Un'altra cosa come va la partita con il Venezia.....


Luigi 1960 15 Dicembre 2017 23:01

ADESSO C'E' SOLO L'ASCOLI! Questo il nostro urlo e basta. Non mi interessano le problematiche societarie riguardanti la gestione dell'Ascoli Picchio, ci pensi chi ci deve pensare. Grande Serse!

P.S.
Foggia rossonera, secondo me tu hai preso qualche virus... fai una scansione al tuo sistema operativo cranico, sennò non si spiega la tua presenza qui.


L.G.S. 16 Dicembre 2017 09:09

È forte


Foggia rossonera 16 Dicembre 2017 09:25

Ieri grande rimonta da grande squadra. Voi invece vi vedo ultimissimi come mai?


Ascolano per sempre 16 Dicembre 2017 13:20

Foggia rossonera avete avuto solo fortuna


Luca (AP) 16 Dicembre 2017 13:56

Certo che andarsi a leggere i giornali della propria città e trovare fatti di lucubre cronaca nera, uscire di casa e trovare squallore ad ogni metro, fa si che uno se ne stia a casa e navighi sui siti delle squadre avversarie, trovando un po’ di sollievo...


Luca (AP) 16 Dicembre 2017 14:02

Il Venezia si butta via. La squadra di Inzaghi domina per 80' allo stadio Zaccheria contro il Foggia, ma alla fine deve fare i conti con la rimonta d'orgoglio dei rossoneri che acciuffano il pareggio, ma escono tra i fischi dei tifosi.
Dopo il fischio finale, alta tensione sugli spalti. Secondo quanto riporta Sky Sport, le forze dell'ordine sono intervenute per sedare una rissa tra i due presidenti, Franco Sannella e Joe Tacopina: sono volati schiaffi e spintoni.

Si dice un gran bene di voi, in giro...


Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni