San Benedetto, ragazza 25enne si libera da giogo prostituzione e fa arrestare sfruttatore

Redazione Picenotime

24 Dicembre 2017

Nella serata del 4 Novembre 2017 si presentava negli Uffici del Commissariato di Pubblica Sicurezza di San Benedetto del Tronto una giovane donna nigeriana di circa 25 anni accompagnata da una coppia di persone del luogo che riferivano di essere stati avvicinati nel centro di San Benedetto del Tronto dalla giovane donna che, in un profondo stato di prostrazione, chiedeva incessantemente aiuto. 

Negli uffici di Polizia la giovane  dichiarava di essere stata vittima di tratta al fine di sfruttamento sessuale in Italia, il tutto ad opera di un suo connazionale domiciliato in zona, da cui era riuscita a fuggire in maniera rocambolesca, allontanandosi dal luogo in cui era praticamente reclusa.

Nella denuncia narrava anche di una violenza sessuale subita dal suo concittadino e finalizzata a costringerla a prostituirsi, violenza culminata anche con una lesione per un morso inflittole dal malvivente. 

Nel raccontare le vicessitudini la vittima illustrava le dinamiche della sua venuta in Italia, ricalcando i ben noti e drammatici percorsi già vissuti da altre donne vittime di tratta, spiegando che l’aguzzino le richiedeva un somma esorbitante (18.000 euro) per liberarsi dallo sfruttamento, denaro che sarebbe dovuto provenire dalla prostituzione da esercitare in strada, costringendola psicologicamente tramite i noti riti esoterici “JUJU” molto temuti dalle popolazioni centroafricane.  

Messa in sicurezza la denunciante, le indagini esplicate dalla Polizia di Stato Sezione Criminalità Organizzata e Straniera della locale Squadra Mobile, con l’ausilio di personale investigativo del Commissariato di San Benedetto del Tronto, permettevano di acquisire con certezza sia l’identità dello sfruttatore sia il luogo della violenza sessuale, un hotel nei pressi della costa sambenedettese luogo di dimora dello sfruttatore quale richiedente asilo. 

Inoltre, emergeva anche una preoccupante attività intimidatoria dello sfruttatore nei confronti dei familiari della ragazza, effettuata nello in Nigeria a mezzo di appartenenti al suo “clan” che arrivavano a minacciare di morte i due figli in tenera età della donna sfruttata.  

Dalle indagini si evidenzia altresì l’attività esplicata dai criminali per appropriarsi dell’abitazione in Nigeria dei genitori della denunciante, quale parte dell’esorbitante somma di denaro richiesta per l’ingresso clandestino in Italia, non curanti di gettare letteralmente in strada un nucleo familiare di circa 8 persone. 

Le risultanze investigative narrate, derivanti da indagini di polizia giudiziaria coordinate dal Procuratore della Repubblica di Ascoli Piceno dott. Umberto Monti, venivano valutate dal GIP del locale Tribunale che emetteva un’ordinanza di custodia cautelare a carico dello sfruttatore, cittadino nigeriano 27enne, tratto in arresto in data odierna a San Benedetto del Tronto.


© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni