Guardia di Finanza Ascoli Piceno, saluta il Comandante Paoluzi per raggiunti limiti d'età

Redazione Picenotime

03 Gennaio 2018

Massimo Patrizio Paoluzi

Con la chiusura del 2017 il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Ascoli Piceno ha salutato il proprio Comandante, Colonnello Massimo Patrizio Paoluzi, che pur avendo raggiunto i limiti di età previsti, era stato ulteriormente trattenuto in servizio altri sei mesi dal Comando Generale, per seguire e coordinare la difficile fase creatasi col terremoto a seguito della quale c’era stato l’immediato trasferimento delle Fiamme Gialle presso la nuova sede di Palazzo Catenacci, causa l’inagibilità intervenuta sulla precedente caserma.

Il lungo periodo che ha visto il Colonnello Paoluzi reggere il Comando Provinciale fin dal 24 giugno 2013 è stato caratterizzato da una costante valorizzazione dell’esclusivo ruolo di polizia economico-finanziaria ricoperto dalla Guardia di Finanza. In quasi cinque anni sono stati conseguiti importantissimi risultati di servizio nel contrasto all’evasione fiscale, alle frodi al commercio, al sommerso di lavoro, senza dimenticare la lotta al traffico di sostanze stupefacenti e alla tutela dell’impiego delle risorse pubbliche, con un complessivo lusinghiero apprezzamento che, non di rado, ha avuto ampio plauso anche a livello nazionale.

Il Colonnello Paoluzi nel corso di un sobrio incontro interno, ha ringraziato i Finanzieri di tutti i Reparti che operano su Ascoli Piceno, Fermo e San Benedetto del Tronto per il loro impegno, la loro professionalità, passione e il senso delle Istituzioni che ogni giorno dimostrano nelle diverse attività di servizio, svolto a beneficio della collettività.

Nell’attesa della nomina del nuovo Ufficiale Superiore che sarà chiamato a sostituire il Colonnello Paoluzi, il Comando Provinciale di Ascoli Piceno sarà retto in sede vacante dal Tenente Colonnello Vincenzo Tartaglia, attuale Capo Ufficio Comando assegnato alla sede ascolana lo scorso luglio, proveniente da Ancona dove, quale Capo Ufficio Logistico, aveva seguito l’emergenza sismica per i territori marchigiani, coordinando le attività di supporto logistico/infrastrutturale che hanno visto impegnate le Fiamme Gialle.


© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni