Ascoli-Cesena 2-1, la voce di Cosmi post gara

Marco Amabili

24 Febbraio 2018

Serse Cosmi

L'allenatore dell'Ascoli Picchio Serse Cosmi ha parlato al nostro microfono al termine del match vinto contro il Cesena nella 27esima giornata del campionato di Serie B.




Ecco le altre dichiarazioni in sala stampa di mister Cosmi riportate dal sito ufficiale dell'Ascoli Picchio: "Sapevamo che avremmo dovuto disputare una gara terribile sotto l'aspetto emotivo, è normale quando devi vincere per forza e ti trovi in una posizione di classifica come la nostra. Sapevamo anche che una vittoria ci avrebbe potuto far respirare un po' e senza dubbio i tre punti di oggi sono meritatissimi, è stata un'ottima gara sul piano del gioco. Nel primo tempo abbiamo giocato solo noi, abbiamo avuto molte opportunità al di là del gol e il portiere avversario è stato molto bravo. Il pareggio del Cesena è stato devastante dal punto di vista psicologico, per un attimo ho pensato che il destino fosse infame. Nella ripresa abbiamo trovato il 2-1, ma sembra assurdo aver sofferto fino al fischio finale seppur con un uomo in più, ma la condizione mentale in questo periodo la fa da padrona, sprechiamo troppo a livello nervoso, gli altri giocano una partita, noi ne giochiamo una e mezza. In superiorità numerica avremmo dovuto fare qualcosa in più. A volte tecnicamente riusciamo a fare delle cose di valore, da grande squadra, quando usciamo palla al piede ad esempio, ma in altri frangenti commettiamo delle ingenuità a causa della situazione emotiva; subentra la paura di vincere e l'insicurezza dovute alla nostra situazione. Finora sul piano del gioco con avversari di pari valore ce la siamo sempre cavata, eccezion fatta per il match con la Pro Vercelli. Ringrazio tutti i tifosi che oggi erano allo stadio, io sono convinto che quello che uno semina, raccoglie. L'ambiente è stato positivo e propositivo, tutto lo stadio ci ha incitato, la curva col sostegno incessante ha fatto capire che voleva questa vittoria. Lanni? L'ho schierato dal 1' perché volevo che reagisse e non si sentisse messo da parte. In quel ruolo detesto l'alternanza. Sia lui che Agazzi per ragioni diverse devono ritrovare la fiducia. Potenzialmente entrambi possono essere protagonisti, parlerò col preparatore dei portieri e vedremo. Ivan ha sofferto qualche errore e qualche prestazione, ma deve essere tranquillo, lasciamolo stare. Non lo aiutate se scrivete che sta attraversando un'annata difficile perché prima Fiorin-Maresca  volevano che usasse i piedi, poi perché ha cambiato preparatore e procuratore, poi perché è andato via il suo vice. A lui ho già detto queste cose, deve meritarsi il posto come gli altri, oggi erano in panchina Addae, Ganz, D'Urso ed altri. Non bisogna fare un dramma. Clemenza? E' un predestinato, pochi in B hanno le sue caratteristiche, sta diventando un giocatore vero, ha tanta qualità, deve solo acquisire la struttura del calciatore. Oltre a lui ci sono anche De Santis e Kanoute, quest'ultimo ha margini di miglioramento enormi, neanche lui sa quanto è forte. Clemenza a Kanoute a volte fanno un calcio che io chiamo caraibico, ma in questo momento dobbiamo essere più duri. Quando mi dissero che potevamo prendere a gennaio Kanoute non ci credevo, non pensavo che il Pescara potesse rinunciarvi, ma d'altra parte aveva altri giocatori. Martinho? Sta meglio fisicamente, l'inattività ti pregiudica il percorso, è normale; è lo stesso per Ganz, che deve riacquistare la forza nervosa e fisica che ti dà solo il campo. Se fossimo a metà classifica sarebbe diverso e ci sarebbe modo di "ricostruire" pian piano alcuni giocatori, io Ganz lo aspetto, ma in questo momento devo optare per chi sta meglio".



© Riproduzione riservata

Commenti (3)

POTENZA ⚡ PICENA 25 Febbraio 2018 11:10

Vai mister sempre sul pezzo !


Gigio 25 Febbraio 2018 15:01

l'unico che capisce di calcio.......facciamo in modo che diventi il nostro Ferguson


Marco R. 26 Febbraio 2018 09:34

Mister non siamo da difesa a tre Sabato primo tempo cesena privo di agonismo, in 10 perchè se a Cacia non arrivano palloni è come giocare in 10 , un azione , un gol. Secondo tempo entra Yallow poi esce Cacia ed entra uno sconosciuto, cmq sempre in 10, e abbiamo rischiato di prendere gol. Non sono segnali????


Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni