Carabinieri Ascoli, arrestato 22enne albanese a Monsampolo per spaccio e furto

Redazione Picenotime

09 Aprile 2018

Fine settimana di intenso lavoro dei Carabinieri del Comando Provinciale di Ascoli Piceno che hanno concluso diverse operazioni di servizio che hanno portato all’arresto complessivamente di quattro persone. In particolare:

Nella notte, a Porto Sant’Elpidio, i militari della Compagnia di Fermo e quelli della locale Stazione, impegnati in un servizio coordinato per contrastare il crimine predatorio, sono intervenuti in centro cittadino dove due soggetti (un algerino e un tunisino di 25 e 28 anni), già conosciuti alle forze dell’ordine, dopo aver rubato uno scoter all’interno di un recinto condominiale, lo hanno utilizzato per portarsi presso un’abitazione dove stavano tentando di forzare la porta d’ingresso con  guanti e arnesi da scasso. L’arrivo improvviso e provvidenziale dei Carabinieri ha posto fine all’intento criminoso e i due sono stati bloccati ed arrestati per  tentato furto e furto aggravato nonché per possesso di arnesi atti allo scasso. Gli stessi si trovano rinchiusi nelle camere di sicurezza della Compagnia di Fermo  a disposizione dell’Autorità Giudiziaria; 

A Montegranaro, i Carabinieri della locale Stazione, comandata dal Mar. Magg. Giancarlo Di Risio, hanno rintracciato e arrestato un cittadino del Marocco trentatreenne, già conosciuto alle forze dell’ordine, poiché colpito da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Tribunale di Fermo su richiesta della locale Procura della Repubblica che ha concordato pienamente con le risultanze investigative dei Carabinieri, poiché alcuni giorni fa si era reso responsabile di un grave episodio di violenza domestica aggredendo e colpendo con un bastone suo fratello convivente per futili motivi, procurandogli diversi traumi. L’uomo è ora rinchiuso nel carcere di Fermo a disposizione dell’ Autorità Giudiziaria;

A Spinetoli, i Carabinieri della Stazione di Monsampolo del Tronto, hanno rintracciato e arrestato un cittadino albanese ventiduenne, residente in zona, poiché deve scontare una pena di due anni e mezzo di reclusione per spaccio di stupefacenti e furto commessi a San Benedetto del Tronto nel 2016. L’uomo si trova ora rinchiuso nel carcere di Marino del Tronto.

L’azione dei Carabinieri, sempre attenta e aderente ai bisogni del territorio, continuerà in maniera energica per contrastare i reati predatori e a tutela della cittadinanza. Tutti sono, pertanto, invitati a chiamare subito il 112, ovvero recarsi  personalmente in caserma per esporre denunce o soprusi di ogni genere, nonché contattare telematicamente l’Arma anche attraverso il sito www.carabinieri.it.


© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni