Avellino esulta, la Corte D’Appello respinge ricorso del Procuratore Federale

Redazione Picenotime

11 Aprile 2018

Walter Taccone

La Corte Federale d’Appello a Sezioni Unite ha respinto il ricorso del Procuratore Federale avverso la sentenza del Tribunale federale nazionale, che lo scorso 19 Dicembre aveva prosciolto i club Catanzaro e Avellino e i sette tesserati delle due società nell’ambito del procedimento relativo alla gara Catanzaro-Avellino disputata il 5 Maggio 2013. 

La Corte ha parzialmente accolto il ricorso di Francesco Cozza, all’epoca dei fatti allenatore del Catanzaro, avverso le sanzioni della squalifica per 9 mesi e l’ammenda di 11mila e 900 euro, rideterminando la sanzione nella sola squalifica nei limiti del presofferto.

Per l'Avellino si chiude positivamente il caso "Money Gate": nessun tipo di procedimento disciplinare quindi in vista della volata salvezza che vedrà gli irpini del nuovo tecnico Claudio Foscarini e del presidente Walter Taccone impegnati nelle ultime 8 gare del torneo cadetto. 


Per consultare il dispositivo clicca qui



© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni