Ascoli-Parma 0-1, Calaiò trafigge Lanni e il Picchio. Torna in salita la strada verso la salvezza

Redazione Picenotime

16 Aprile 2018

Ascoli-Parma

Ascoli Picchio e Parma si affrontano allo stadio "Del Duca" nell'anticipo serale della 36esima giornata del campionato di Serie B, quindicesima di ritorno. I bianconeri hanno interrotto a Foggia una serie positiva che durava da quattro gare, gli emiliani invece hanno pareggiato 0-0 nell'ultimo turno al "Tardini" con il Parma.

Cosmi punta sul collaudato 3-5-2 con Lanni tra i pali al posto dello squalificato Agazzi e la difesa composta da Padella, capitan Mengoni e Cherubin. Sulle fasce ci sono Mogos e Mignanelli, con Buzzegoli in cabina di regia coadiuvato da Addae e D'Urso. In attacco torna titolare Ganz al fianco di Monachello. Modulo 4-3-3 per D'Aversa con Frattali in porta e la retroguardia formata da Mazzocchi, Iacoponi, capitan Lucarelli e Gagliolo. A centrocampo ci sono Dezi, Munari e Barillà, tridente offensivo composto da Siligardi, Calaiò e Baraye. Serata fresca al "Del Duca", buona affluenza di pubblico, sono quasi 200 i tifosi emiliani in Curva Nord. In tribuna anche l'ex tecnico dell'Empoli e del Teramo Vivarini. 


Passano appena due minuti e il Parma va subito in gol con un sinistro potente dai 20 metri di Calaiò che piega le mani di Lanni (gol numero 13 in campionato per il centravanti gialloblù). Il Picchio prova subito a reagire con un colpo di testa ravvicinato di Ganz, su cross di Mignanelli, che trova la bellissima risposta in tuffo di Frattali. Sul fronte opposto Siligardi penetra velocemente in area, sinistro secco sporcato in angolo da Lanni con la mano destra. Ancora Siligardi pericoloso al 13', dribbling secco su Mignanelli e sinistro a giro che sfiora il palo più lontano. Al 22' schema su calcio piazzato del Parma, sinistro strozzato dal dischetto di Gagliolo che termina lentamente a lato. Al 26' Parma ad un passo dal raddoppio: Mazzocchi scava il solco sulla destra, cross pennellato per Dezi che tutto solo in area calcia al volo sui cartelloni pubblicitari. Scatenato siligardi che poco dopo la mezzora arriva al limite dell'area dopo una serie di dribbling, sublime mancino a giro che va vicinissimo al secondo palo. La squadra di D'Aversa arriva troppo facilmente dalle parti di Lanni, al 33' destro rasoterra di Baraye a lato per un soffio. Dall'altra parte tentativo dai 20 metri di Monachello che però non centra lo specchio della porta. E' il Parma a gestire il pallone nel finale di primo tempo con un Ascoli in evidente difficoltà e Buzzegoli a corto di fiato e idee. 

Sono 5392 gli spettatori al "Del Duca" per 41505 euro di incasso. Il Parma subito pericoloso ad inizio ripresa con le conclusionI da fuori di Siligardi e Calaiò che però non inquadrano lo specchio. Al 49' Cosmi toglie un deludente Buzzegoli (qualche fischio per lui), dentro Kanoute. Al 55' cross di Addae dalla destra dopo un'azione caparbia, colpisce di testa Mignanelli sul secondo palo anticipando Iacoponi, pallone abbondantemente out. Tentativo aereo sul fronte opposto di Lucarelli su corner dalla sinistra che però non ha buon esito. Baraye semina il panico sulla destra, assist in mezzo per Dezi dopo il velo di Calaiò, sinistro interessante a lato non di molto. Al 60' esce uno stanchissimo Mengoni (per lui problemi anche alla schiena), al suo posto Clemenza con l'Ascoli che passa a 4 in difesa. D'Aversa si gioca il primo cambio con Vacca per un Dezi non brillantissimo. Prova a riaffacciarsi in avanti il Picchio: destro di controbalzo di Mogos sporcato in corner da Gagliolo. Dalla bandierina va Clemenza, stacca bene Addae, parata sicura e non facile di Frattali. Cosmi opta per l'ultima sostituzione al 69' con Lores Varela per Ganz. Al 72' numero pregevole di Baraye al limite, destro secco rasoterra che trova l'ottima parata di piede di Lanni. L'Ascoli trova un pertugio con Clemenza, scarico per D'Urso che pesca Addae sul palo più lontano, splendida chiusura di un impeccabile Gagliolo. Al 77'  strepitosa parata di Lanni dopo un sinistro da distanza ravvicinata di Baraye, autore di un'altra splendida azione personale nel corridoio centrale. Problemi fisici per Lanni dopo il bellissimo intervento su Baraye, dopo le cure dei sanitari il numero uno del Picchio prosegue il match seppur claudicante. D'Aversa toglie un brillantissimo Baraye, al suo posto Di Gaudio. Al minuto 83 botta da fuori di Clemenza col mancino che non crea però particolari grattacapi a Frattali. Nel primo dei sei minuti di recupero il tecnico gialloblù getta nella mischia l'ex Gazzola per un buon Munari. Al 92' Monachello prova a beffare Frattali con un sinistro dalla distanza, il portiere emiliano riesce a rimediare con qualche patema di troppo. L'Ascoli non riesce a perforare il muro gialloblù e deve archiviare la 18esima sconfitta stagionale, la seconda consecutiva. Restano 36 i punti in classifica in vista del prossimo match allo "Zini" di Cremona. I tifosi bianconeri intonano il coro: "Meritiamo di più".



TABELLINO E PAGELLE
ASCOLI-PARMA 0-1

ASCOLI (3-5-2): Lanni 5.5; Padella 5, Mengoni 5.5 (60' Clemenza 5.5), Cherubin 6; Mogos 5.5, Addae 5.5, Buzzegoli 4.5 (49' Kanoute 5.5), D'Urso 5.5, Mignanelli 5; Ganz 5.5 (69' Lores Varela 5.5), Monachello 5. A disposizione: Venditti, Gigliotti, De Santis, Florio, Castellano, Parlati, De Feo, Baldini, Rosseti. Allenatore: Cosmi

PARMA (4-3-3): Frattali 6.5; Mazzocchi 6.5, Iacoponi 6.5, Lucarelli 6.5, Gagliolo 7; Dezi 6 (64' Vacca 6), Munari 6.5 (90' Gazzola sv), Barillà 6.5; Siligardi 7, Calaiò 7.5, Baraye 7 (81' Di Gaudio sv). A disposizione: Nardi, Dini, Anastasio, Sierralta, Mastaj, Frediani, Ciciretti, Insigne. Allenatore: D'Aversa 7
Arbitro: Serra di Torino 5.5
Rete: 2' Calaiò

© Riproduzione riservata

Commenti (48)

Ali 16 Aprile 2018 22:29

Vado a letto con i conati di vomito....grazie a tutti


Manbioli 16 Aprile 2018 22:29

Pietosi, meritiamo la C.
Volevate Kanoute al posto di Buzzegoli.... Uno peggio dell'altro insieme a Cosmi che li fa giocare e che perde così un cambio.
L'ottimo commentatore tecnico di Sky ha messo in luce la mancanza di un allenatore degno di questo nome e della pochezza tecnico-tattica dei nostri calciatori voluti ad Ascoli dal peggiore DS che qui abbiamo avuto, il fotomodello Giaretta, il vero responsabile della retrocessione


MAX 16 Aprile 2018 22:32

CANADESE TI STAI CHIEDENDO SE OGGI HA PIOVUTO?


Ascoli 78/79 16 Aprile 2018 22:33

La squadra è questa, c'è poco da fa' ... Però la speranza non è ancora morta: vinciamo a Cremona, pari col Perugia, poi 4 partite in cui può succedere di tutto ... FORZA ASCOLI!!!!


Ceascu 16 Aprile 2018 22:34

Squadra scarsa ,mister incapace.Penso sia il peggior allenatore visto ad Ascoli,vorrei chiedergli se Buzzegoli sia degno di giocare in B,se sappia cosa sia il pressing,ma penso sia tempo sprecato.Via subito e squadra a Silva.E il fighetto Giarretta dovrebbe essere spedito subito più lontano possibile,non ha azzeccato un aquisto


Lorenzo sbt 16 Aprile 2018 22:35

Sento un forte odore di retrocessione.


cannavina 16 Aprile 2018 22:37

Le squadre si fanno a luglio,grazie a tutti presidente e dirigenza ce l'avete fatta bravi bravi


antonio 16 Aprile 2018 22:39

Siamo retrocessi, inutile girarci intorno, partita orrenda che poteva finire 6-0 er loro


Ceascu 16 Aprile 2018 22:43

Ardetc Maresca rispetto all'umbro da panchina d'oro


Gabriele 16 Aprile 2018 22:46

Ennesimo assist del grandissimo Buba...Cosmi mi raccomando....insisti!


Mario 69 16 Aprile 2018 22:55

I più scarsi di sempre mai visti in Ascoli i giocatori del Picchio una sola parola, VERGOGNATEVI voi giocatori che definire scarsi è un complimento


Paolo65 16 Aprile 2018 22:57

Parma nettamente superiore, dobbiamo cercare di recuperare Buzzegoli e Mignanelli.
A Cremona ci giocheremo la categoria l imperativo sarà vincere.


PRENESTINO BIANCONERO 16 Aprile 2018 23:00

Non ci crede più nemmeno Cosmi.
Andremo in C, e da ultimi.


giorgio 16 Aprile 2018 23:00

Lorenzo non aspettiamo altro
speriamo si giochi di notte ...cosi ci siete anche voi.


Andrea 16 Aprile 2018 23:02

Oggi una squadra di B contro una di D. Dopo 2 minuti gia' sconfitti. Zero pressing, Zero grinta. Gambe pesanti. Neanche un arbitro favorevole ha potuto niente di fronte al nulla. Se questi hanno un po' di dignita' e amor proprio si guardano in faccia (e magari si rivedono in tv ROMA Barcellona) per giocare alla morte i 6 spareggi che mancano. Noi non avremo di fronte il Barcellona. Almeno centriamo i play out. FORZA RAGAZZI. FORZA PICCHIO. Fino alla fine dovete lottare e qualcosa uscira'. Se il Foggia viene penalizzato bisogna tentare il tutto per tutto. Non si sa mai...


Jacopo 16 Aprile 2018 23:03

Giaretta sei scandaloso Vattene ti prego


Paolo65 16 Aprile 2018 23:05

Ceascu il corso a Coverciano per allenatori è libero.
Via Buzzegoli via Canoutè dentro Ceascu.
La squadra è questa ed abbiamo ancora dei scontri diretti.


Jacopo 16 Aprile 2018 23:06

Quanto rimpiango i tempi di Silva e Giampaolo veramente sto soffrendo co un cane mi dispiace perché il Picchio non è solo la squadra o la partita È UNO STILE DI VITA UN QUALCOSA CHE VA APPREZZATO ED AMATO speriamo di salvarci TI VOGLIO BENE ASCOLI MIO


asnkvola 16 Aprile 2018 23:09

Parma troppo forte per noi come temevo,bisogna cercare di guadagnarci almeno lo spareggio che sarebbe oro visto il calendario e il momento......La gara di Chiavari con l'Entella vale una stagione,nel frattempo cercare di fare più punti possibili con Cremonese e Perugia,purtroppo Bianchi per noi è come Pjanic per la Juve,abbiamo pagato quest'assenza......Recuperarlo almeno per il Perugia in casa,44-45 punti dovrebbero garantire lo spareggio ,bisogna rimanerci aggrappati perchè con le due partite l'ambiente può fare la differenza,ormai le polemiche contano molto poco.


Manbioli 16 Aprile 2018 23:10

Io chiedo SILVA dall'inizio, ho grande stima di Massimo, intelligente e capace, ma penso anche che con queste rape anche lui avrebbe fallito.
A Luglio come qualcuno ha già detto e a Gennaio aggiungo io, sono state fatte delle scelte vergognose, i pochi/tanti soldi spesi malissimo tanti giocatorini piccoli piccoli e una delusione di allenatore, anche lui attore come il fotomodello


Talenti bianconera 16 Aprile 2018 23:10

Sinceramente L inferiorità tecnica è tale che questi ragazzi mi fanno più pena che rabbia.... almeno nel secondo tempo ci abbiamo messo un po’ di corsa ed energia.... sono d accordo con chi dice che la colpa di questa situazione è per lo più di chi ha costruito la squadra.... spereme bbè, però per salvarsi ci vuole tanto c..o......


Paolo65 16 Aprile 2018 23:12

Manbioli, Come si vedeva la partita in tv?


Po 16 Aprile 2018 23:13

Se il Parma è in cima e noi in fondo c’è una ragione.
Cosmi non ci dai tanto, molte sceneggiate e poca concretezza.
La squadra non ha perso il vizio di tornare indietro, non fa un cross dal fondo e quei pochi arrivano da centrocampo, in alternativa lanci dritto per dritto. Peccato il commento tecnico di Sky non alleni, ne capisce di calcio.


LORENZO CAPRO' 16 Aprile 2018 23:17

MANAGEMENT DISASTROSO, ALLENATORE SCARSISSIMO E DIRETTORE SPORTIVO SCANDALOSO. NON MERITIAMO LA SALVEZZA....GIARETTA DOMANI SFILI PER IL CENTRO DI ASCOLI?


Gstar 16 Aprile 2018 23:24

Estenderei il chiaro concetto "uno peggio dell'altro" che esprime Manbioli, riferendosi a Buzzegoli e Kanouté, a questi tre anni di vera e propria caduta libera della squadra, ma soprattutto di una società che faccio fatica a definire tale in quanto un gruppo "organizzato" - che sia una squadra o che sia una società - dovrebbe tendere al miglioramento e non, come nel nostro caso, al ridicolo..ringrazio Ascoli 78/79 perchè veramente è riuscito a strapparmi una risata di gusto...per il resto...amen...WLF!


Luca (AP) 16 Aprile 2018 23:30

Hai ragione Lorenzo SBT, ormai senza più dubbi ma pensa se dopo 36 anni incassate 5 gol, potreste cadere in una depressione tale da non riprendervi mai più... (Oddio, veramente 5 ne sete pegghiate pure da un quartiere di Ascoli e ancora chiacchiarete...)


Nazzareno 16 Aprile 2018 23:35

Non credo che sia credibile pensare ad un quart'ultimo posto. Così mi chiedo che senso abbia andare a Cremona a quasi vent'anni dall'ultima volta con Rozzi, l'ultimo presidente degno della sua gente.
La partita di oggi è la sintesi di questo campionato: una difesa imbarazzante, una squadra senza idee con giocatori poco adatti alla categoria.
Avevo sognato anch'io, ora mi sono svegliato ed entro nell'incubo della lega pro.


Manbioli 16 Aprile 2018 23:36

Bene, molto bene, 52 pollici HD
Non è che andando alla stadio Paolo65 ci capisci di più che stando a casa


Abbasso i pesciari 16 Aprile 2018 23:48

Ancora un portiere che ci ha fatto perdere un altra partita


Ncella 16 Aprile 2018 23:52

C'era Vivarini in tribuna , già chisc pensa all'ambiente allenatore per la C,povera nu'....


roberto 16 Aprile 2018 23:57

Cosmi da 2 in pagella, come fa si a presentare un Buzzegoli cosi e umliandolo pure col cambio al quarto della ripresa, da strappare il patentinoooooooo!!!!!!!!!!!


Sbn74 16 Aprile 2018 23:59

E continuate a prendervela con COSMI e basta ...... QUESTA SQUADRA CO QUESTA SoCIETA E RETROCESSA A LUGLIO COME PURTROPPO HO SEMPRE DETTO ...... E CON LORO RETROCEDONO ANCHE TUTTI I LECXXINI SEGIUACI DI BELLINI E GIARETTA ..che li hanno difesi a spada tratta insultando noi quelli che avevano purtroppo visto lungo su una situazione SCXXFOSA... IL CALCIO È ALTRA COSA È PER POCHI ....... DATEVI ALL' IPPICA MONTEGIORGIO E A POCHISSIMO KM .......


Giuliano 17 Aprile 2018 00:03

La colpa non è di Cosmi. Ma dei signori.Giarretta e Cardinaletti oggi riferite della bella prestazione al signor. Bellini gli raccontate fave per cicerchia.un altro presidente li avrebbero mandato via a calci nel c... Da parecchio tempo. Se avete un po'di dignità andatevene perché avete fatto più danni voi tutti e due insieme alla nostra gloriosa società che Nerone


Skyfo 17 Aprile 2018 00:21

il materiale umano a disposizione è di basso livello, quindi non comprendo chi invoca il cambio di allenatore. Cosmi,peraltro, dalla scorsa settimana sembra che faccia la formazione con i dadi e sempre con i dadi gestisca i cambi...almeno questo mi suggerisce la sostituzione di Buzzegoli al 3' del s.t.!!! Non poteva lasciarlo direttamente negli spogliatoi dopo l''intervallo??
Si sarà demoralizzato anche il mister!!?? In fin dei conti, se dovessimo retrocedere, il suo lo avra' gia fatto consentendoci di restare ancora in corsa (aritmeticamente) ad una manciata di giornate dalla fine; quindi, una panchina il prossimo anno la trova sicuramente!!!
Se per sventura gli scontri diretti che le ns rivali avranno in queste 3 giornate dovessero vedere vittoriose le squadre che sono già davanti a noi, al triplice fischio di Ascoli- Perugia potremmo gia' avere un piede e mezzo in C...perché non vedo come potremo fare bottino pieno a Cremona e in casa contro il Perugia, con una squadra scarsa sia tecnicamente che caratterialmente. Inutile fare nomi, il parco giocatori è ampiamente e drammaticamente inadeguato per la categoria. E' stato semplicemente folle pensare che si potesse cambiare passo negli ultimi 3 mesi di campionato, non essendo nelle corde di questa squadra la capacità di dare quella CONTINUITÀ di rendimento/risultati indispensabile per chi, come noi, doveva colmare una gap di punti non indifferente per poter acciuffare la Salvezza, considerato che non si può mica confidare sempre nelle sventure altrui....eeeeh!!!!


Ascoli 78/79 17 Aprile 2018 00:31

39 anni di tifo, di trasferte, di gioie e dolori: questo è, per me, l'Ascoli Calcio 1898. Facile esaltarsi quando tutto va bene e sparare a zero quando c'è da soffrire ... A me non frega un c...o di quattro leoni da tastiera pseudo tifosi! A me importa solo dei nostri colori, della maglia, dei 649 con me a Foggia a cantare fino alla fine, a crederci fino all'ultimo... Voi critici di professione, "professori" del pallone, andate a tifare la Juve con Bellini ... L'Ascoli é una fede e lo sarà anche in Lega Pro, anche in Eccellenza ... Finché c'è speranza io ci credo e i disfattisti del "io l'avevo detto" cambino squadra!! Io ero a Verona a vedere Trevisanello che ne faceva tre ed era l'unica vittoria in trasferta di quell'anno, ero a piangere alla retrocessione dell'85, ero a San Siro a gioire al gol di Barbuti, e voi?


POTENZA ⚡ PICENA 17 Aprile 2018 00:37

Avevamo chiesto di non soffrire più fino all'ultimo.....e siamo stati accontentati.... quest'anno abbiamo finito prima ! Non si steccano due partite nel momento cruciale della stagione! Se questa è stata la reazione per la deludente prova di Foggia... mbhe' sinceramente signor Giaretta...ha costruito proprio male, e non si è avvicinato neanche un po' alla squadra che rispecchi il popolo PICENO ! Ha visto i tifosi del Parma?!180 sono venuti in centottanta .....se lei era a Foggia, avrà senz'altro notato i 650 del picchio che hanno purtroppo tutt'altra classifica:- ma questo lo dobbiamo riconoscere , è solo merito suo COMPLIMENTI !


Jeannette 17 Aprile 2018 01:06

Secondo me Cosmi da le dimissioni. Fossi in lui lo farei. Me lo auguro perché mi sembra che abbia gettato la spugna. Al suo posto chi potrebbe venire? Questa è una bella domanda... Iuliano? :)


Luca samb 17 Aprile 2018 04:40

L'arciere Calaio' inchioda il pikkio in C ahah


Dario 17 Aprile 2018 06:49

Credo che quest'anno non la raccontiamo felicissimo di sbagliarmi. Ma se devo trovare qualche colpevole non è ne con la squadra ne con l'allenatore. L'unico colpevole è il presidente che fece scelte scellerate a Luglio.


Giulio 17 Aprile 2018 08:50

Bravo cosmi. sei in completo caos, Non sai nemmeno chi hai in panchina e riesci ancora a proporre la solita minestra. Per fortuna ancora non siamo spacciati. ma ricordati che la squadra la metti tu in campo. che filgio d'arte ganz e cllemenza non sono adatti per salvarci, oltretutto giocano per conto suo. Non riesci a collegare i reparti e anche un profano se ne accorge. urge porre riparo e cambia in attacco, Varela Monachello Rosseti. abbi coraggio se non altro faranno come gli altri.


Rony 17 Aprile 2018 09:00

Io penso che la nostra squadra sia deficitaria e se aggiungiamo i lunghi e numerosi infortuni resta ben poco.
Oggi comunque Cosmi si è condannato da solo volendo schierare due punte (una di queste si chiama Ganz che non partecipa affatto al gioco e non copre).
Facile parlare dopo la partita ma io avrei giocato con Clemenza dietro a Monachella con una squadra più compatta potevamo giocarcela meglio.
Le nostre migliori prestazioni le abbiamo fatte così.
Perma comunque nettamente superiore ma trovare una squadra inferiore all'Ascoli quest'anno è difficilissimo.
Chiudo nel dire: Sul gol abbiamo perso palla in uscita, questo è un dato di fatto ma Lanni non la poteva parare?
Secondo me è una vera papera! Speriamo bene ma...


amedeo 17 Aprile 2018 09:04

Evitate di scrivere cose senza senso.....l'Ascoli può' tranquillamente fare i playout e' vero che la rosa e' meno che scarsa , e a mio avviso faticherebbe a salvarsi anche in c ......quello che e' sbagliato e' dare la colpa a cosmi , neppure allegri potrebbe fare più' di cosmi......ripeto la squadra e'meno che scarsa ( vero giaretta ??) per ultimo,.....ho smesso di andare allo stadio alla morte di rozzi perche' pensavo (a ragione ) che in una piccola realtà' come Ascoli piceno imprenditori in grado di fare calcio ai livelli di rozzi non c'erano non ci sono e non ci saranno , purtroppo i fatti mi danno ragione . prefetto che non ho sky e non frequento bar per vedere l'Ascoli o peggio la rubentus in TV. Io ero tifoso dell' Ascoli calcio 1898 che non esiste più' . in bocca al lupo picchio


Picchio 78 17 Aprile 2018 09:15

Voglio rispondere a Jeannette, il nome buono può essere solo uno: Gesù Cristo!!!
Io a Cosmi sinceramente non posso dare colpe se ha questo materiale che ci vuole fare lui?
Il carattere? È una virtù che o ce l'hai o no, non puoi darla!!
Comunque grazie alla società che quest'anno ci ha fatto questo bel regalo.
Chissà se dopo la retrocessione si parlerà ancora di progetto triennale per andare a giocare in Champions!!!
Pozza i bbbe'!!


paolo 17 Aprile 2018 09:59


Mi consola una cosa soltanto: alcuni tifosi iniziano a capire e a scrivere una cosa che io ho detto "sin dal primo giorno" e cioe' che il primo responsabile del DISASTRO e' l'attore snob sig. Giaretta, IL PEGGIORE DIRETTORE SPORTIVO NELLA STORIA DELL'ASCOLI. UNA SCIAGURA AUTENTICA NELLA CAMPAGNA ACQUISTI/CESSIONI !!! E QUESTO ANCHE NELLA REMOTA E MIRACOLOSA IPOTESI CHE CON UNA BOTTA DI CXXO RIUSCISSIMO A SALVARCI. Se non era per i regali di Bari e Carpi, venutisi a suicidare in Ascoli, eravamo gia in Lega Pro. E tante grazie anche al presidente Bellini, strenuo ammiratore del citato attore Giaretta. Marroccu autentico GENIO DEL CALCIO al confronto


ALAN 17 Aprile 2018 10:02

PURTROPPO CON LA MORTE NEL CUORE SCRIVO: THE END!!! GRAZIE FARMACISTA BELLINI. È LEI L'ARTEFICE DI TUTTO QUESTO SCEMPIO! SARÀ RICORDATO PEGGIO DI ATTILA..... E RINGRAZI LA SUA SIGNORA CHE VOLEVA SOGNARE INSIEME A NOI... MEGLIO UNA SERIE "D" DIGNITOSA CHE UNA "B" DA ...S T R A X X I O N I..!!!


asnkvola 17 Aprile 2018 10:21

Rido per non piangere,rispetto al fallimento abbiamo uno stadio sfasciato è una squadra da retrocessione,alla faccia del torneremo ai fasti di un tempo........meditare.....


Ascolano sportivo doc 17 Aprile 2018 12:30

Allan non offendere noi farmacisti, Bellini è un chimico al quale non è riuscita con l’Ascoli una reazione fra componenti.Il risultato è sotto gli occhi di tutti


Colautti1974 17 Aprile 2018 13:52

Ci potevano fare 10 gol. I calciatori veri sono quelli a cui piace giocare al calcio, non quelli che hanno bisogno di sistemazione.


Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni