Offida, i ragazzi del Cdis sul palcoscenico del Serpente Aureo

redazione picenotime.it

14 Maggio 2018

Il 15 e 17 maggio, alle 10.30 del mattino, al Serpente Aureo andrà in scena il “Pinocchio” dei ragazzi del Cdis (Centro Diurno di Integrazione Sociale) di Pagliare. Gli spettacoli saranno riservati a 200 alunni delle scuole primarie del territorio dei Comuni della Vallata del Tronto. Hanno infatti aderito gli Isc “Falcone-Borsellino”, “Offida-Castorano” e “Spinetoli Pagliare”.  Il teatro diventa così un percorso per educare alla conoscenza e al rispetto della diversità. 

Un percorso che per i ragazzi del Cdis inizia tutti gli anni a settembre e termina con lo spettacolo finale. Questo accade dal 1993, da quando l’equipe del educativa del Centro, non solo per stimolare la capacità espressiva e creativa degli utenti, ma per facilitare l’integrazione del territorio e per offrire alla comunità occasioni di riflessione sulla tematica della disabilità, veicola il messaggio della diversità come normale e positiva componente della condizione umana. 

“Quello dei ragazzi del Cdis – ha commentato il vice Sindaco Isabella Bosano - è uno spettacolo diverso che ha forza maggiore perché i ragazzi riescono a trasmettere emozioni con la loro carica. Il punto di forza è il lavoro di squadra che si fa al Centro di Pagliare. L’Unione di Comuni della Vallata da sempre investe nel Sociale ed è ben lieta di contribuire a progetti che, come questo, favoriscano l’integrazione e ribadiscano che la diversità è una risorsa”.

Lo scopo, ha precisato la direttrice del Cdis, Tiziana Del Giovane, ovviamente, non è l’esibizione della disabilità, ma un percorso educativo degli operatori e degli ospiti del Centro: “Lo spettacolo risponde al desiderio di affermarsi come persone e di mettersi in relazione con l’altro”.

Quest’anno la tournée teatrale è inserita all’interno di un progetto più ampio che la Cooperativa Sociale Service Coop sta portando avanti insieme alla Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno, ovvero il “Centro TiAscolto”, che prevede la presenza dello psicologo a scuola e una serie di attività integrate di prevenzione del disagio e di promozione del benessere, destinate agli alunni delle scuole della Vallata. 


Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni