Bianchi presenta Entella-Ascoli: “Pericolo numero uno per i biancocelesti? I troppi festeggiamenti post Novara...”

Redazione Picenotime

21 Maggio 2018

Claudio Bianchi

Abbiamo affidato alla penna del giornalista Claudio Bianchi, direttore responsabile del portale ligure Dilettantissimo.tv, la presentazione dalla sponda biancoceleste del match Virtus Entella-Ascoli Picchio in programma nella serata di Giovedì 24 Maggio allo stadio "Comunale" di Chiavari per la gara d'andata dei playout del campionato di Serie B.

Entella-Ascoli è il penultimo atto di una Serie B 2017/2018 decisamente sfortunata per i colori biancocelesti. Nata subito sotto una cattiva stella con la problematica Catellani, al quale trovarono una anomalia cardiaca che ha determinato la fine della sua carriera, ed è poi proseguita con la querelle Caputo che dopo un lungo tira e molla è riuscito ad uscire fuori dall’orbita Entella con destinazione Empoli, lasciando la società chiavarese in difficoltà. Sono arrivati La Mantia e Luppi. Il primo non è uno stoccatore puro, non realizza mai gol sporchi da attaccante vero e fatica ad andare a segno con continuità. Il secondo, nel momento in cui si stava ambientando, ha subito un infortunio a novembre che lo ha messo out per tutta la stagione. Analogo discorso per il suo primo rincalzo, Diaw, che si è infortunato subito dopo ed è tuttora fuori per recuperare dalla rottura dei legamenti. I problemi in fase realizzativa sono evidenti: 41 gol in 42 partite fanno dell’Entella il 3° peggior attacco del campionato, meglio solo di Carpi (32) e proprio Ascoli (40). 

A far buon peso con la sfortuna ci sono stati infortuni importanti con lunghissimi tempi di recupero e riabilitazioni macchinose per giocatori cardine quali sono Ceccarelli, Pellizzer e capitan Troiano. Un portiere come Iacobucci che ha reso al di sotto delle aspettative e che attualmente ha perso il posto a favore di Paroni, giocatori acquistati che sono risultati l’ombra dei calciatori conosciuti (Brivio ed Eramo), giovani inesplosi come Di Paola, un giocatore importante messo fuori rosa e poi ceduto in Lega Pro come Palermo, due cambi in panchina ed un mercato invernale che non è stato risolutivo.

Eppure in molti avevano detto, ad inizio campionato, che questa era l’Entella più forte di sempre. Ed invece si è dimostrata una squadra fragile che non è quasi mai riuscita a dare continuità ai propri risultati.

Adesso il colpo di coda a Novara, vittoria di misura su un campo ostico dove mai l’Entella aveva fatto risultato positivo. La gioia incontenibile a fine gara, la serata con tifosi festanti che hanno aspettato la squadra allo stadio Comunale di Chiavari per salutare la vittoria ottenuta in Piemonte, il tutto unito all’ambiente più carico che si percepiva in città il giorno dopo, quasi si fosse già raggiunta la salvezza. Tutti questi elementi però potrebbero rivelarsi il nemico numero uno. Ritengo infatti che questo possa essere il vero avversario per i giocatori e potrebbe far abbassare la tensione che è stata presente per tutta la gara di Novara, dove la squadra di Volpe non ha quasi mai rischiato nulla. I festeggiamenti potrebbero aver scaricato, in parte, la squadra. E’ solo una mia ipotesi ovviamente, che soltanto giovedì scoprirò se sarà reale o solo fantasiosa.

A fine gara Crimi ha detto che i playout sono gare diverse da quelle giocate in campionato. Il centrocampista ex Cesena ha ragione da vendere nell'analisi di due partite secche che decideranno una stagione intera. Per mantenere la categoria sarà necessario vincere una partita, mentre all’Ascoli Picchio sarà sufficiente non perdere nessuna delle due sfide in programma. 

Stabilire quale sarà la formazione che affronterà i bianconeri al Comunale non è facile. Sicuramente l’Entella schiererà una difesa a 4 con Paroni in porta, davanti a lui Belli a destra, Pellizzer e Ceccarelli centrali, Aliji a sinistra. A centrocampo assente Ardizzone per squalifica e molto probabilmente Nizzetto, infortunato. Volpe potrebbe schierare ancora un pacchetto di 4 giocatori con Icardi, Troiano, Crimi ed Eramo, di quest’ultimo però non abbiamo la sicurezza che possa essere utilizzato anche perché ha giocato venerdì una gara intensa, dopo essere stato per moltissimo tempo ai margini della squadra, uscendo a metà secondo tempo per i crampi. Davanti certo del posto La Mantia, ballottaggio tra Aramu e Di Paola per giocare al suo fianco. 


© Riproduzione riservata

Commenti (12)

Luca samb 22 Maggio 2018 05:25

Vi salvate ne sono certo. Pikkio deve ritornare in C


Marco R. 22 Maggio 2018 09:27

Spereme che hai ragione , per me siete nettamente favoriti


Gianco 22 Maggio 2018 10:17

... per l'Ascoli in C qualcuno vedo che non ci dorme la notte! Infatti scrive commenti alle ore 5,25 !! Admaiora!!


POTENZA ⚡ PICENA 22 Maggio 2018 12:35

Bravo sambuca, oltre che puntuale, anche mattiniero......dai che alle 14:00 finisci il turno in fabbrica ! ....vedi di riposare corpo e mente ,ma soprattutto la mente.


fabrizio becattini 22 Maggio 2018 12:53

ciao marco r
per me non sono favoriti come non lo è l ascoli
secondo me sarà una partita alla pari andata e ritorno il problema è che l ascoli non segna ,purtroppo non segna
monachello ha tirato la carretta x tutto il ritorno ed ora è visibilmente stanco
secondo me sarebbe l ora di far giocare simone andrea ganz
e dirgli ,vai ragazzo è il tuo momento
e in ogni caso e bene che in campo vada gente di comprovata esperienza almeno nella gara di andata
mengoni ,bianchi,buzzegoli


the punischer 22 Maggio 2018 13:43

MANGIAMOCELIIIIIIIIIIIIIIIII
TUTTI A CHIAVARI


Picchio78 22 Maggio 2018 15:18

Grande Luca Sambetta, vedo che hai finito di piangere dopo Piacenza, occhio che i vostri play off, potrebbero finire domani!!!!!
Due fisso!!!


simosbn74 22 Maggio 2018 15:41

Fabri buzzegoli da come ho capito ha finito la stagione, era da gennaio che giocava con le infiltrazioni. Per l’uomo mi dispiace molto. Mengoni sinceramente non ho capito cos ha, Bianchi è imprescindibile.


mauro 22 Maggio 2018 17:49

no Ganz no vi prego nooooooooooooooooooooo


Skyfo 22 Maggio 2018 18:15

come sempre, la verità sta nel mezzo...certamente l'Entella avrà molto entusiasmo addosso, per aver sorprendentemente evitato la retrocessione diretta con il colpaccio di Novara...ma è pur vero che non stiamo certo parlando di una corazzata infermabile, visti i 41 gol realizzati!! Quindi, doppio confronto sicuramente gestibile per il Picchio...anche se potrebbe pesare l'assenza di giocatori "navigati" come Mengoni, Cherubin e Buzzegoli...a cui si aggiunge la defezione di Addae, unico in grado di dare "peso" e cattiveria agonistica ad un centrocampo che a Chiavari rischia di risultare un po' troppo "leggerino" per un match che come al solito disputeremo all'insegna del contenimento. AVANTI PICCHIO!!!...NON MOLLIAMO PROPRIO ADESSO!!


fabrizio becattini 22 Maggio 2018 21:03

ciao simo sbn 74
purtroppo è proprio il centrocampo il punto forte dell entella
gente di sostanza ,noi a chiavari avremo solo giocolieri e nessuno
per contrastarli
a ganz non gli sono state date molte possibilità è sempre stato ai margini e addirittura ultimamente gli hanno preferito rosseti il che è tutto dire eppure a como fece benissimo a verona aveva davanti pazzini ma quando è entrato il suo lo ha fatto e stato a pescara e poi ad ascoli che il ragazzo è stato risucchiato dalla nebbia ,lo sò che ormai e tardi x non dire tardissimo ma meglio tardi che mai ed io ci voglio credere ancora e come ho scritto piu volte non credo abbia disimparato


mauro 22 Maggio 2018 21:48

A Fabrì non è cattiveria, ma tutte le volte che ha giocato Ganz ha fatto pena è invisibile presuntuoso...è INUTILE e non è proprio il momento di fare gli esperimenti...le opportunità le ha avute sempre prestazioni mediocre


Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni