Carabinieri, un arresto ad Offida ed una denuncia ad Ascoli per violenza a pubblico ufficiale

Redazione Picenotime

29 Maggio 2018

Intensificati i controlli dei Carabinieri del Comando Provinciale di Ascoli Piceno che nella giornata hanno concluso diverse operazioni di servizio, come di seguito specificato:

-  Nella notte, a Offida, i militari della locale Stazione, comandata dal M.C. Carlo Laera, impegnati in un servizio coordinato per contrastare il crimine predatorio, sono intervenuti in centro cittadino bloccando un tunisino di trenta anni che arbitrariamente si era allontanato dalla propria abitazione dove si trovava agli arresti domiciliari per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti. L’uomo è stato tratto in arresto per evasione e posto a disposizione dell’Autorità giudiziaria ascolana;

-  Ad Ascoli Piceno, i Carabinieri Compagnia sono intervenuti a seguito di richiesta al 112 per fermare un senegalese di 43 anni che, privo di biglietto, reagiva con veemenza ai controllori saliti sul bus, provocando l’interruzione del servizio pubblico extraurbano. L’uomo, regolare in Italia, è stato denunciato per violenza a pubblico ufficiale e interruzione di pubblico servizio;

-  A Fermo, durante i posti di controllo messi in atto dai militari della locale Compagnia, è stato sottoposto ad accertamenti etilometrici, risultando positivo, un ventenne maceratese che è stato denunciato per guida in stato d’ebbrezza all’Autorità Giudiziaria di Fermo, con conseguente sequestro dell’autovettura.  

L’azione dei Carabinieri, sempre attenta e aderente ai bisogni del territorio, continuerà in maniera energica per contrastare i reati predatori, a tutela della cittadinanza, invitata a chiamare subito il 112, ovvero recarsi  in caserma per esporre denunce o soprusi di ogni genere, nonché contattare telematicamente l’Arma anche attraverso il sito www.carabinieri.it.



© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni