Estra Spa e Nana Bianca, avviato programma ''E-qube Startup&idea Challenge''

Redazione Picenotime

07 Giugno 2018

Estra S.p.A. in collaborazione con Nana Bianca dà avvio oggi al programma “E-qube Startup&idea Challenge”.

L’iniziativa, ideata da Estra S.p.A. e sviluppata in collaborazione con Nana Bianca, si rivolge alle start up, ma anche a gruppi non ancora costituiti in società di capitali, che intendono portare avanti progetti di sviluppo di prodotto o di servizio di natura informatica o tecnologico-manifatturiera ad alto potenziale innovativo con prospettive di sviluppo commerciale attraverso la rete e il digitale.

Obiettivo della selezione è l’individuazione e il lancio sul mercato delle migliori idee in ambito digital ed energy sia in termini di sviluppo tecnologico che di crescita di mercato al fine di fornire supporto e accelerazione ad iniziative imprenditoriali innovative.

I progetti e le idee tecnologiche, con forte connotazione digitale, dovranno essere relative alle seguenti aree di mercato: Sharing & Circular Economy, Smart Cities Solutions, Internet of Things, Energy Efficiency & Mobile, Retail Energy & Fintech, Mobility, Telecommunications, Machine learning & AI solutions, Marketing & Communications.

“L’ideazione e promozione di E-qube Startup&idea Challenge da parte di Estra conferma ancora una volta la forte attenzione del nostro Gruppo nei confronti dei valori dell’innovazione e dello sviluppo imprenditoriale nell’ottica di costituzione della smart city del futuro. La sfida ’e-qube” lanciata da Estra nasce con la volontà di trovare e supportare idee che abbiano forza, prospettive e grande consistenza in aree ad altissimo potenziale di sviluppo. Questo progetto rappresenta al contempo un’opportunità per la nostra società, che si apre al mondo delle start-up, e per quest’ultime che possono avvalersi del supporto di una realtà strutturata come quella di Estra.” ha dichiarato Francesco Macrì, Presidente di Estra.

“Aprire un canale di dialogo tra le grandi imprese come Estra e nuove startup digitali. Questo è particolarmente importante in un contesto come quello italiano, dove, se da un lato le startup non possono contare su un mercato dei capitali privati sviluppato come in altri paesi, dall’altro i grandi gruppi industriali non sempre riescono a cogliere le opportunità delle nuove tecnologie introdotte dalle startup e lavorare davvero in ottica di open innovation. L’unione delle forze del network digitale di Nana Bianca e la profonda conoscenza del settore utility di Estra sono il primo passo verso questo obiettivo. Siamo sicuri che il progetto porterà a risultati soddisfacenti.” ha dichiarato Silvio Agresti, Direttore del programma di Nana Bianca.

I soggetti interessati a partecipare, possono presentare la propria candidatura al programma, a partire da oggi, entro il 28 settembre 2018. Al termine della call si procederà alla valutazione delle proposte ricevute e all’individuazione di quelle più interessanti in termini di contributo innovativo, sviluppo tecnologico, potenzialità di mercato nonché di pertinenza rispetto ai settori previsti dal regolamento. I progetti selezionati, scelti da esperti del settore nominati da Estra S.p.a. e Nana Bianca, accederanno al programma di accelerazione e riceveranno un grant di investimento di importo fino a 40.000 euro che sarà elargito da Estra S.p.A (per un impegno finanziario complessivo fino a 120.000 euro).

L’iniziativa, giunta alla sua seconda edizione, si arricchisce da quest’anno del programma di accelerazione di Nana Bianca promosso da Estra S.p.A.; tale percorso di accelerazione è volto a fornire supporto ai fini della creazione di nuove imprese e/o accelerazione di start up già esistenti cercando sinergie e integrazioni con i business tradizionali di Estra .

Le start up selezionate avranno pertanto l’opportunità di seguire un programma di accelerazione della durata di 16 settimane che prevede moduli di formazione imprenditoriale a supporto dello sviluppo del business curati da Nana Bianca e con il contributo di Fondazione CR Firenze e Fondazione per la ricerca e l’innovazione dell’università degli studi di Firenze.

 

© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni