Serie B, Procura Federale indaga su match Spezia-Parma che regalò la A agli emiliani

Redazione Picenotime

09 Giugno 2018

Foto da Legab.it

La Procura Federale sta indagando sulla partita Spezia-Parma giocata lo scorso 18 Maggio maggio, ultimo atto di campionato della stagione regolare che ha sancito la promozione in Serie A del club emiliano, vittorioso al “Picco” con i gol di Ceravolo al minuto 11 del primo tempo e Ciciretti al quarto d'ora della ripresa e con un rigore sbagliato alla mezzora del primo tempo dall’ex Gilardino, fischiatissimo al momento della sostituzione, che avrebbe potuto siglare il momentaneo pari dei liguri. Un risultato che ha regalato agli emiliani la promozione diretta in Serie B a scapito del Frosinone che pareggiò a sorpresa per 2-2 tra le mura amiche contro il Foggia. 

L’ipotesi sulla quale la Procura Federale sta lavorando è quella di un presunto tentativo di illecito sportivo, tutto ovviamente da dimostrare. Non è possibile, al momento, ipotizzare gli scenari conseguenti l’inchiesta che potrebbe anche essere archiviata oppure portare a un deferimento dei due club coinvolti. In questo caso la natura del tentativo di illecito genererebbe sanzioni per ora imprevedibili e totalmente differenti nell’esito. E’ chiaro che un’eventuale responsabilità diretta accertata porterebbe alla sanzione massima della retrocessione, mentre una responsabilità oggettiva determinerebbe una penalizzazione in classifica che potrebbe essere scontata anche nel prossimo campionato mantenendo ugualmente inalterato il criterio di afflittività. E’ prevedibile che si giunga a una conclusione della vicenda prima dell’inizio della prossima stagione.

Nei giorni scorsi, come sottolinea oggi l'edizione online della Gazzetta dello Sport, la Procura della Federcalcio ha ascoltato due calciatori della squadra ligure, Filippo De Col e Alberto Masi (il primo regolarmente in campo nel match sotto inchiesta, il secondo in panchina), e due dirigenti, il team manager Leonar Pinto e l’amministratore delegato Luigi Micheli. Motivo? Fare luce su due sms "criptici" inviati da due giocatori del Parma, Fabio Ceravolo ed Emanuele Calaiò, ai loro colleghi quattro giorni prima dell’incontro valido per l’ultima giornata di B. Nei messaggi ci sarebbero stati riferimenti ambigui alla prestazione in difesa dello Spezia, quasi un invito a non metterci troppo cuore magari spingendo anche sulle differenti motivazioni di classifica, con i padroni di casa già fuori da qualsiasi discorso di playoff e il Parma invece in piena lotta per la promozione diretta in Serie A senza passare dagli spareggi. Una situazione che ha portato giocatori e società a mettere in preallarme gli ispettori della Procura. Che hanno potuto cominciare l’attività investigativa prima del match e fino all’inizio delle audizioni a Roma. In cui giocatori e società sono stati chiamati a testimoniare sul contenuto degli sms e su eventuali forme di pressione in vista della partita.



© Riproduzione riservata

Commenti (7)

cane sciolto 09 Giugno 2018 09:58

che schifo ..odio eterno al calcio moderno


Michele 09 Giugno 2018 10:03

Foggia rossonera........ Leggevo anche di voi......... Che succede???.? Be' se anche loro si iscrivono vi vedremo a invitare a sambenedetto....... È vero che ha sbagliato....... Ma Bellini non fa questi giochetti...... Sentito i tesserati???? Non ha mai saltato un pagamento.......è ha pagato come si deve, dovrebbe fare ....


SBN74 09 Giugno 2018 10:39

Lo dico e lo ripeto da tempo.......Bellini avrà il suo carattere.......come noi tutti abbiamo il nostro.....Bellini avrà anche sbagliato qualcosa.......come noi tutti sbagliamo qualcosa nella vita.........però Bellini a sti giochetti non partecipa e credo che non sia stato ben voluto ad ascoli anche per questo.....non scende a compromessi. Che dire.....
Meditate gente.....Meditate.


Ceascu 09 Giugno 2018 11:30

Con Bellini Ascoli e' in una botte di ferro peccato che i vari Capro ' della situazione non si rendano conto quando pontificano Oliva o chiunque si presenti come potenziale acquirente .Caro Bellini se questi quattro gatti ti contestano e non vengono allo stadio ce ne faremo una ragione anzi e' megghie


Ceskitt 09 Giugno 2018 13:03

Mbe ceskitt a me i 4 gatti sembrano più quelli come te. Bellini può rimanere solo con tosti ad e cardinaletti e co fuori dai c.... non esistono compromessi


Paolo65 09 Giugno 2018 14:02

Quì c è un sospetto di illecito, ma tutti Ascolani compresi hanno condannato l Empoli, e nessuno si aspettava una partita normale del Foggia.


asnkvola 09 Giugno 2018 14:33

A Bellini di prendere l'Ascoli nessuno gli e lo ha comandato,di vendere nessuno glie lo ha comandato,non si può trattenere una persona contro voglia,il gruppo di Bellini fattura 400 milioni di euro annui,il gruppo di Pulcinelli ne fattura 500 milioni all'anno,Bellini nelle dichiarazioni alla stampa dice tutto il contrario di tutto,non ci ha fatto godere di due salvezze di fila,l'estate scorsa il casino coi giocatori,questa la vendita,poi le varie litigate con i soci,i vari cambi societari,insomma io di questo progetto che aveva ho visto solo il picchio village fatto con le plusvalenze di Orsolini e Favilli e che con tutta probabilità rimarrà a lui,se rimane ha dichiarato che la squadra rimarrà quasi la stessa perchè è forte,lo vede solo lui che sta squadra è forte infatti per quanto è forte è un miracolo che ha superato lo spareggio retrocessione,ormai il dado è tratto,non si puó trattenere chi del calcio non è innamorato,chiaro che un imprenditore non sta a rimettere soldi,ma è anche chiaro che se vuole vedere risultati concreti ci voleva più tempo e progettazione,Pulcinelli ha 54 anni e basi solidissime dietro,dobbiamo considerarci fortunati che un gruppo di tale portata stia solamente trattando l'acquisto,se Bellini vende al gruppo Bricofer dobbiamo ringraziarlo e dargli atto che non ci ha lasciato in mezzo a una strada,questo gli e lo riconosco,forse ora è l'unico atto per riavvicinarsi ai tifosi,vendere a chi ha voglia di cimentarsi con questo sport.


Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni