Ascoli Picchio, Aglietti: ''La Juventus ha fatto un affare con Favilli. Ha tutto per emergere''

Redazione Picenotime

16 Giugno 2018

Alfredo Aglietti

Dopo l'ufficialità del passaggio di Andrea Favilli dall'Ascoli Picchio alla Juventus (CLICCA QUI PER TUTTI I DETTAGLI), è stato Alfredo Aglietti a descriverne caratteristiche tecniche ed umane in un intervista a Tuttojuve.com.

Il 47enne tecnico toscano ha allenato il 21enne centravanti pisano proprio ad Ascoli nella stagione 2016/2017, facendolo esordire in un campionato di Serie B poi chiuso da Favilli con 8 gol in 30 presenze.

"E' un ragazzo che lo scorso anno che si è presentato inizialmente con delle difficoltà, non era partito benissimo ma si intravedevano già dei margini importanti. E' normale che subisci il salto di categoria, il passaggio dalla Primavera alla Serie B lo ha pagato ma è riuscito a trovare quella fiducia che serviva per imporsi. Ha fatto un lavoro importante, è cresciuto molto e dalla fine del girone d'andata si è affermato come titolare. Per me avrà un gran futuro - ha dichiarato Aglietti -. Sentiremo assolutamente parlare di lui in futuro perchè ha tutte le qualità tecniche, fisiche e caratteriali per far bene. E' riuscito a superare tutte le difficoltà che aveva incontrato: quelle calcistiche del primo anno e l'infortunio avuto nell'ultima stagione. Tutti questi avvenimenti lo hanno forgiato di più, non credo sarà nella Juventus quest'anno ma in Serie A saprà ritagliarsi uno spazio importante. La Juventus ha fatto un affare, ha una visione ad ampio raggio ed è sempre brava ad investire sui giovani. L'investimento fatto su Favilli sarà ampiamente ripagato nel tempo. Ho lavorato con Paratici e conosco la sua bravura. Per far sì che questi ragazzi crescano, è importante che compiano un percorso mirato per poter accumulare esperienza. Un po' quello che è stato fatto con Orsolini in questa stagione. Mi permetta di aggiungere un aneddoto divertente. Ad inizio stagione qualcuno storceva il naso sulle qualità di Andrea. Gli dissi che avrebbe sicuramente conquistato l'Under 21. E così fu. Avevamo scommesso la sua maglia... Che non è mai arrivata però. L'aspetto ancora (ride ndr). Il giocatore c'è, la mia speranza è che possa affermarsi in Serie A. Quali sono i suoi punti di forza? Sicuramente il colpo di testa, perchè è un giocatore fisico. Andrea è bravo a farsi rispettare in area di rigore, ha bravura nel saper prendere la posizione e ama prendere i cross dagli esterni. Questa, a mio avviso, è la sua miglior caratteristica. E' inoltre bravo con entrambi i piedi, non disdegna la partecipazione al gioco ma deve migliorare nella cucitura del gioco. E anche nel mestiere, ma questo aspetto lo perfezionerà soltanto accumulando esperienza".


© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni