Ascoli Picchio, il rendimento di tutti gli allenatori in Serie B dell'era Bellini

Redazione Picenotime

18 Giugno 2018

Sono stati sette gli allenatori dell'Ascoli Picchio in Serie B nell'era caratterizzata dalla presidenza di Francesco Bellini: Mario Petrone, Devis Mangia, Paolo Cozzi (in coppia con Cesare Beggi), Alfredo Aglietti, Enzo Maresca, Fulvio Fiorin e Serse Cosmi. Analizziamo il loro rendimento, ricordando come Paolo Cozzi prese il posto di Devis Mangia dopo la gara di Novara del 7 Maggio 2016 affiancato dall'altro vice Cesare Beggi, insieme guidarono la squadra nelle ultime due gare di quel campionato chiuso con il raggiungimento della salvezza al "Picco" di La Spezia. Fulvio Fiorin, invece, ha lavorato al fianco di Enzo Maresca per le prime 15 gare del campionato cadetto appena concluso, per poi guidare la squadra da solo nelle successive due partite con Cremonese e Perugia, fino all'esonero che ha fatto da preludio all'arrivo in panchina di Serse Cosmi.


1- Serse Cosmi, 32 punti in 25 partite (media 1.28)

2- Devis Mangia, 36 punti in 29 partite (media 1.24)

3- Alfredo Aglietti, 49 punti in 42 partite (media 1.16)

4- Mario Petrone, 10 punti in 11 partite (media 0,90)

5- Enzo Maresca-Fulvio Fiorin, 13 punti in 15 partite (media 0,86)

6- Fulvio Fiorin, 1 punto in 2 partite (0.50)

7- Paolo Cozzi-Cesare Beggi, 1 punto in 2 partite (0,50)


© Riproduzione riservata

Commenti (43)

Picchio 78 18 Giugno 2018 16:43

Diciamo che questa statistica la dice lunga su una eventuale riconferma da parte di Cosmi, la nuova proprietà ( se ci sarà una nuova proprietà) non dovrebbe avere dubbi!!!!


Gianrico 18 Giugno 2018 16:49

Ale Cosmi, Alè Alè! Visto quel che sta succedendo con le vicende societarie, non mi attendo la conferma di un grande come Cosmi, per la prossima stagione. Spero di sbagliarmi, ma ho la sensazione che di scelte cervellotiche ne vederemo ancora: Fiorin e Maresca, Cacia fuori e il super - pagatissimo Ganz a gennaio, ma si potrebbe continuare. Chi vivrà vedrà.


ascoli club bs 18 Giugno 2018 17:05

Questi c.....i vogliono mandare via Cosmi. No comment. Conosce i giocatori ed è bravissimo


vincenzo 18 Giugno 2018 17:16

Bellissima statistica, Cosmi uber alles!!!


Abbasso i pesciari 18 Giugno 2018 17:45

Io mi lascierei Cosmi


Ascoli 78/79 18 Giugno 2018 17:54

Questi c.....i che vogliono mandare via Cosmi sono anche ... Bellini e Co., se disgraziatamente dovessero rimanere alla guida dell'Ascoli ! E', infatti, prevedibile che il patron faccia l'ennesima "giravolta":
TRE MESI FA: Cosmi ci porterà in Serie A, abbiamo grandi progetti insieme
OGGI: Ascoli costa troppo, Cosmi costa troppo, il Boget non lo permette, va vene???
E c'è ancora qualcuno che lo vorrebbe qua !?!?!


Algoritmo 18 Giugno 2018 18:43

Società svenduta vuol dire quasi fallita, occhio.


Ze 18 Giugno 2018 19:58

classifica che testimonia l'importanza di un allenatore VERO. se al posto di Petrone prendeva Giampaolo magari aveva l'impressione di spendere di più ma alla fine avrebbe speso molto meno, avrebbe avuto molte più soddisfazioni e si sarebbe innamorato del calcio.
Quindi chiunque sarà la nuova proprietà l'unica raccomandazione è ALLENATORE VERO!


Paolo65 18 Giugno 2018 20:44

Ascoli78/79, Se la nuova proprietà vorrà mandare via Cosmi sono liberi di farlo.
Ma se resta Bellini il contrtto si rinnovava in automatico.
Poi se vuoi dare de co.....e a tutti, libero di farlo, ma baggianate non ne scrivere.
Ps , Io sono per Cosmi.


simosbn74 18 Giugno 2018 21:16

Noto con piacere che almeno su cosmi siamo tutti d’accordo. Grande serse resta con noi.


Luigi 1960 18 Giugno 2018 22:10

Mi sa tanto che a forza di voler risparmiare si finisce per spendere di più. Giusto per fare due esempi inerenti lo scorso campionato.
Furono messi sulla panchina dell'Ascoli due spavaldi novellini che messi tutte e due insieme non facevano lo stipendio neanche di un allenatore vero e ben presto venne fuori il disastro a cui dovette far fronte Cosmi, di cui ora, se ho ben capito, qualcuno comincia a lamentarsi perché costa troppo (ma quanto sarebbe costata la retrocessione in serie C?).
Si cacciò via a malo modo Cacia perché aveva uno stipendio troppo alto, dimenticandosi delle due salvezze di cui era stato uno degli artefici più importanti a suon di goals, e così fu regalato al Cesena. Poi, causa anche l'infortunio di Favilli, ci si accorse che le punte erano spuntate e si "riparò" a gennaio acquistando Ganz all'esorbitante cifra di 2 milioni.
Ora è vero che ci sono alti costi di gestione che fanno lievitare il presunto valore della società Ascoli Picchio, ma se questi costi così alti fossero il frutto di una gestione maldestra, fatta da presunti competenti, ma di fatto incompetenti, foraggiati con lauti stipendi, allora qui si pone una domanda. Cos'è che dà reale valore a una società di calcio professionistico? Se il valore fosse il risultato di un mero calcolo di denaro investito allora forse è vero che l'Ascoli Picchio varrebbe 10 milioni. Se però se il valore fosse il rapporto tra investimenti finanziari fatti e risultati ottenuti, allora è evidente che il Picchietto varrebbe molto meno. E questo dettaglio forse alla Bricofer non è passato inosservato…
Poi mi chiedo come mai il Picchio Village sia stato scorporato dalla gestione dell'Ascoli Picchio. Mr Bellini nella sua recente conferenza stampa ha fatto capire che lui, non avendo altre grosse società operanti in Italia (a parte il modesto giro dei vini), non può fare i giochini che fanno altri presidenti che invece hanno più società in Italia e che perciò fanno quadrare i bilanci travasando le minusvalenze di una sulle plusvalenze di un'altra. Una specie di osmosi di bilancio che sembra non contemplata nel Canadian way di Bellini. Ma allora perché il presidente ha distinto l'Ascoli Picchio dal Picchio Village? Ora a me sembra che più che svendere l'Ascoli Picchio stia cercando di uscire dall'avventura calcistica italiana con un bel business all'attivo. Infatti la richiesta di 5 anni di affitto del Picchio Village alla nuova ipotetica dirigenza assomiglia a una vera e propria buon uscita di sicurezza che gli permetterebbe di monetizzare maggiormente la presunta svendita dell'Ascoli Picchio. Tutto questo grazie a due società ben distinte astutamente costituite. Un consiglio sento di darle presidente: cerchi di facilitare il passaggio di proprietà del suo Picchietto e rispetti la passione dei tifosi ascolani, grazie alla quale lei quattro anni fa riuscì ad acquisire la vecchia società fallita ad una modesta cifra. E' vero che per i nord americani
the business of business is business, ma qua siamo in Ascoli e l'Ascoli è l'Ascoli...


matteos 18 Giugno 2018 22:49

non è detto che i nuovi proprietari siano meglio di Bellini
almeno lui non fa fallite l ascoli
su Cosmi sono d accordo che deve rimanere


ascoli club bs 18 Giugno 2018 23:08

Ho sentito dei miei amici tifosi del Brescia che dicono che Cosmi va bene per delle imprese a metà campionato come ľAscoli ma meno efficace in fase di programmazione e costruzione squadra....boh


Paolo65 18 Giugno 2018 23:16

Luigi 1960, Il motivo per cui Bellini non ha legato il Picchio Village Ascoli Picchio? Semplice il Picchio Village è un altra società , facente capo a Bellini e Faraotti, una struttura pagata con i propri soldi.


Paolo65 18 Giugno 2018 23:36

Se con la nuova proprietà, qualora ci fosse il passaggio, leggere di Antonio Tesoro procuratore, mi preoccupa moltissimo , a Vicenza ha fatto disastri, se poi Bollini fosse l allenatore ancora peggio.


Ascolano doc 18 Giugno 2018 23:46

Paolo65, non è semplice per niente, perché se uno vuole strutturare una società la dota delle necessarie infrastrutture e si fa cosi, i soci conferiscono i capitali nell'ascoli, si fa il centro sportivo, e qualora si dovesse rivendere la società calcistica, i soci si riprendono i soldi della vendita, che comprenderanno la parte del centro medesimo.
Sennò nen seme strutturate gniente.


Luigi 1960 19 Giugno 2018 00:43

L'Ascoli Village è un'altra società, questo è chiaro. È altrettanto evidente che chi ci ha investito soldi voglia recuperarli e possibilmente guadagnarne di più, e questo è pure legittimo, poiché ogni impresa economica ha come fine quello di produrre reddito e lavoro. Mi chiedo solo perché non si è scelto di far rientrare il centro sportivo nel capitale dell'Ascoli Picchio. Comunque ci saranno sicuramente delle ragioni, anche se io non le comprendo fino in fondo, ma posso solo intuirle.
Per quanto riguarda la conferma di Cosmi, se dovesse rimanere Bellini essa dovrebbe essere automatica, ma visto quello che è successo con Aglietti non mi sorprenderei se poi così non fosse. Se dovesse invece cambiare la presidenza allora bisogna lasciar decidere al nuovo management l'impostazione tecnica e la strategia di mercato da seguire.


Ascoli 78/79 19 Giugno 2018 07:36

Paolo65 chi sei, un professore di diritto ... alla rovescio??? Se il contratto di Cosmi si è rinnovato, allora vale sia per Bellini sia per chi verrà perché è un contratto legato alla stessa società sportiva che è l'Ascoli Picchio ... Ma sta tranquillo che Cosmi lo caccerebbe via anche il TUO affezionato presidente... Anche Cacia aveva un altro anno di contratto e vedi che fine fece


REZA 19 Giugno 2018 08:44

Io mai scritto contro bellini ma devo dire e un presidente che ha portato ascoli in fondo classifica con le suo opere sbagliate e ora che vende si dimentica che datto parole a cosmi che rimane ancora prossima anno . ma vende la squadra . ma potevo anche mettere dentro paccheto conferma di cosmi .invece basta prendere soldi. bellini sei un uomo che corri dietro ai soldi fino al ultimo giorno della tua vita e non . e non sei un uomo di parole e sei nassuno ti cancello dalla mia memoria il tuo nome come presidente del ascoli .hai lasciato solo un striscia negativo nella storia del ascoli. addio


asnkvola 19 Giugno 2018 09:10

Bellini ha capito la strada subito lanciando i giovani,non ha capito però gli sperperi in dirigenti inutili e alcuni giocatori pagati troppo,non ha rimesso come dice ma non ci ha nemmeno guadagnato ,ha buttato all'aria almeno 5 milioni di euro tra( Ganz-Cardinaletti-Rosseti-Lovato e le rescissioni di Cacia -Giorgi ecc.ecc.),l'Ascoli non sta in fallimento ma ha bisogno di più oculatezza negli acquisti,2 milioni di euro per Ganz sono buttati dalla finestra,dopo non può lamentarsi.


giovanni 19 Giugno 2018 09:31

Vedrete, eccetto quei pochi che parlano da sportivi, avrete da ridire anche su questa gestione di Brikofer, se verrà, già i nomi usciti fuori sono tutti un programma, Lovato, Bollini, Tesoro, con questi la C è matematica prima di iniziare, vedere il Carpi come lo ha fatto giocare, palati sopraffini.


giovanni 19 Giugno 2018 09:38

Mi correggo, Bollini non centra col Carpi, ma si era parlato anche di Calabro del Carpi, che ha giocato un campionato da lupi


Ascoli Cosmico 19 Giugno 2018 09:41

Ripeto, Cosmi a vita!!!!


Mandrillo 19 Giugno 2018 09:53

Luigi 1960, tutto plausibile, però chi prende società come l'ascoli non lo fa certo per guadagnarci, ma per passione e/o per avere un ritorno di visibilità qualora si occupi di attività commerciali.
Poi se sei bravo e/o fortunato ci fai pari o ci rimetti poco, al contrario ci puoi andare di muso.


amedeo 19 Giugno 2018 10:24

Ancora state a discutere su Bellini........lo ripeto Bellini ha a cuore solo il business ha capito che il calcio non e' materia sua e vuole andarsene non senza realizzare un l'auto guadagno ( alla faccia dell' presidente filantropo) mettere in discussione cosmi dopo avere resuscitato una squadra morta e' da stolti.......mr. Bricofer sa' benissimo che ad Ascoli si può' rinunciare al lavoro ma non all' Ascoli calcio 1898......scommessa......il futuro dell' Ascoli calcio 1898 e' roseo ( spero)


Paolo2 19 Giugno 2018 10:57

Tra tutti questi il migliore è Mangia e dopo Aglietti. Cosmi avra' pure allenato in questa salvezza all'ultimo secondo ma a me non piace proprio. Troppo plateale... troppo presuntuoso.


Paolo65 19 Giugno 2018 11:20

Ascoli78/79, Sbagli i rinnovi automatici saltano, altrimenti Giaretta lo avrebbe già in mano.
Chi acquista ha il diritto di circondarsi di persone di fiducia.
Cacia è andato a Cesena pagato daĺl Ascoli.
Quando parli di Bellini, non è il mio amato presidente, non ero al tribunale a leccare ilcxxo, e comunque se non era per lui eravamo falliti.
Questi sono i fatti.
Luigi1960, il perchè il Picchio village non l abbia legato alla società non so risponderti, un ipotesi potrebbe essere quella di rientrare in parte dei soldi spesi mantenemdo un capitale, e comunque non mi sembra una cosa scandalosa.
La niova proprietà potrebbe fare una proposta di acquisto.
Ascolano doc, A te preferisco non risponderti.


POTENZA ⚡ PICENA 19 Giugno 2018 11:26

Lovato areportec CACIA,e Giorgi e Perez .....erano dei nostri e non si è chiuso come avremmo voluto ! lungo le strade ci vedi arriva'....


REZA 19 Giugno 2018 12:00

cosa dici luigi , nel contrato non dice se bellini vende allora offerta a cosmi non vale. quando ha firmato contratto bellini mica ha detto poi vendo. io prima ero con bellini ma ho capito che sbagliavo a lui non se ne frega ne di ascoli ne di ascolani e ne di calcio , lui e un commerciante punto e basta meglio che e andato via e stato il piu antipatico presidente nel storia di ascoli e calcio VA BENE come dice lui sempre va bene.


simosbn74 19 Giugno 2018 13:30

Si Paolo su tesoro sono d’accordo su bollini no, se consideri che l’ultimo campionato avevi fiorin maresca e giaretta, di peggio non c’è. Poi tesoro bollini ecc sono solo voci non ci fasciamo la testa prima. Ognuno è libero di sperare che resti Bellini o augurarsi la sua cessione, ma non va bene screditare chi ancora deve venire, e se lo farà spenderà tanti soldi per averla. Prima non ci andava bene oliva e volevamo bricofer, ora non ci va bene neanche bricofer? Chi volete ? La Fiat?


Mimmuzzo 19 Giugno 2018 13:40

Regna molta confusione intorno alla gestione di Bellini. Nella conferenza stampa ha detto probabilmente solo cavolate per coprire qualche suo intento. La storia dei 10 milioni persi detta con molta tranquillità soprattutto nel momento in cui un’acquirente deve rilevare la società. Vendere la società a 3 milioni, somma che Bellini avrebbe tranquillamente incassato vendendo i pezzi migliori. Il contratto, o l’accordo è stato concluso con una stretta di mano. E poi diciamo che gli uomini d’onore non si trovano più. Ora il mercato è completamente fermo e tra qualche settimana inizia il ritiro. Aspettiamo che si mondiali di calcio esca qualche nastro nascente oppure, caro Bellini, dobbiamo rassegnarci ad un’altra stagione di passione e sofferenza. Se così fosse manda via tutti e lascia la squadra da ultimo posto. Almeno ci mettiamo l’anima in pace da subito senza soffrire.


Nostalgico 19 Giugno 2018 14:06

Bellini grandissimo imprenditore con un grande C _ _ O. Ho sempre detto che per salvarci dovevamo sperare nel fattore C del President. Una promozione per illeciti altrui e tre permanenze in B da cardiopalma, di anno in anno a peggiorare; ma queste cose sugli almanacchi non vengono scritte: Risulta una promozione e tre permanenze in B. Altra società al Village per garantirsi un profitto continuo .... presumo sia questo il motivo di una concessione pluriennale del Del Duca (Altra società ad hoc) ... il fattore C è fondamentale e se fosse venuto meno la sua solidità ci avrebbe ancora una volta salvato .... questi nuovi ??? Bohhhhh .... il prezzo da pagare lo sappiamo però tutti qual'è .... Finchè ci sono io la dirigenze è questa, smonto la curva , alziamo l'asticella .... praticamente un sacco di C _ _ _ _ _ E . POZZA I BE'


Ascolano doc 19 Giugno 2018 14:13

Paolo65, se preferisci non rispondere è un prolema tuo, non sei obbligato, tanto mica mi offendo.
Il bello di qui è che resta tutto scritto, poi ognuno si fa la propria opinione


pippo 19 Giugno 2018 15:18

Io mi chiedo come si possa fare a definire Aglietti il migliore dopo Cosmi!! La parola migliore a uno come Aglietti non si deve accostare neanche se a paragone ci mettiamo gli allenatori della vallata. Il meno peggio? Neanche. Un uomo senza attributi che non ha esitato ad accantonare Favilli per un ex calciatore come Cacia, cosa che ha fatto invece il buon Castori uomo tutto attributi, salvo poi costringerli a giocare insieme. Uno che faceva giocare Mignanelli al posto di Felicioli, che ha avuto un Lanni positivo, un Cassata, ma come si fa? Entella docet fa una buona prima parte di campionato, si illude di poter centrare i play off, chiama Aglietti e retrocede.


giovanni 19 Giugno 2018 16:11

Ha detto bene Ascoli club bs l'anno successivo Cosmi toppa, ultimamente Cosmi è chiamato x la salvezza ma l'anno successivo viene sempre esonerato, vedeteve il curriculum, il resto sono tutte voci senza costtutto, se la vogliamo vedere senza ritrosi e analizzare ciò che è ad oggi, vedo che i giocatori senza Bellini se ne vanno quasi tutti, quelli che ci hanno portato alla salvezza , non c'è aria di riconferma, chi deve acquistare non c'è traccia, bricko, se poi è vero, ci sta pensando troppo, ormai operazione fallita, e secondo me va bene così, xche' questa società non è un leader da farci mantenere la categoria, rimember Latina, è una società di fallimenti oggi come oggi, poi qualcuno a ragione fa notare, se Bellini ha intenzione di vendere, xche' mette avanti tutte cose negative? Vedi costi di gestione, stadio, bacino di utenza, stanno emergendo cose in controtendenza, poi tutto sto silenzio, oppure può essere copertura x qualche altra cosa.


Paolo65 19 Giugno 2018 19:03

Ascolano doc. Secondo te Bellini avrebbe dovuto lagare il Village alla società , Ascoli Picchio, stiamo parlando di un imprenditore e tu pensavi che dava la società a due becchi col Village?
Sarà ricco ma mica è scemo.
Poi se tu fossi stato presidente... allora tutto un altro paio di maniche.
Comunque cerca di non regalare soldi non tuoi.


Ascoli 78/79 19 Giugno 2018 19:34

Paolo65, lascia perde, il diritto civile non è cosa per te! Mica si impara su wikipedia o con le Parole Crociate ...!!
Con la cessione delle quote di una società, si trasferiscono anche tutti i rapporti obbligatori già in essere: debiti e crediti, oltre che tutti i contratti in corso. Se fosse come dici tu, e non so davvero dove tu possa averlo letto, allora la società sarebbe anche libera di lasciare a casa i giocatori messi sotto contratto per più anni, perché ... non godrebbero della fiducia degli acquirenti! Ma te pare????
Bellini ci ha salvati dal fallimento: giusto. Ed il primo anno ha anche allestito una bella squadra. Ma, poi, già da quello che (senza la retrocessione sacrosanta del Teramo) avrebbe dovuto essere il secondo anno di Lega Pro, ha pensato bene di smantellarla, quella squadra: via Dell'Orco, Nardini, Pelagatti, Mustacchio, Chiricò, Altinier. Don't remember??
Poi, solo sofferenza, improvvisazione, salvezze all'ultimo oppure grazie a gente come San Daniele Cacia (poi, naturalmente, buttato fuori come un appestato).
E, ancora: insulti ai tifosi, squadra isolata dal mondo, operazioni di mercato pietose, dirigenti strapagati ...,
Chi vuole, è liberissimo di ringraziarlo, uno così !! Io no di certo, e come me credo la pensi parecchia gente di Ascoli ...


Amedeo 19 Giugno 2018 20:57

Chi compra acquisisce debiti e crediti.......Bellini sta' facendo il furbo e questo non va bene...........un rimprovero ai fautori dell' ascolanita' gli ultimi due presidenti sono di Ascoli eppure non si sono comportati bene.......forse chi viene da fuori......forse


Ascolano doc 19 Giugno 2018 21:07

Paolo65, noto che ti sei ripensato e mi hai degnato di risposta e ne sono lusingato,
Di certo non regalo niente, stai sereno, ti ricordo che quando arrivò disse che non ci stava niente a livello di strutture e che fa? Le fa non come ascoli e chi arriva dopo di te si ritrova senza niente punto e daccapo??
Se uno vuole fare una società strutturata come si deve, in grado di camminare con le proprie gambe, cerca di farla, senza pagare affitti per allenarsi e quant'altro. Se lo facevano come ascoli, si accendeva un bel mutuo e invece dell'affitto si pagavano le rate del mutuo e il bene restava della società. Senza regalare nulla.
Questione di impostazione, ma su una cosa hai ragione, purtroppo non sono io il presidente.
Fine delle trasmissioni


Mandrillo 19 Giugno 2018 21:24

Ascoli 78-79, dopo quello che ho visto, sentito e sofferto in questi ultimi anni, ti appoggio e non mi sento di ringraziare.


Paolo65 19 Giugno 2018 22:10

Ascoli78/79, Vuoi parlare " di imprenditoria" poi riduci il tutto a san Daniele Cacia?
Lascia perde.
Bellini ha fatto il Picchio Village, come suo investimento personale.
Ti è più chiaro?
E lascia perde Cacia che mica è venuto gratis.
Ascolano doc, Bellini ha 70 anni a cosa gli serve fare un mutuo quando ha la possibilità di pagare?
A quando dovrebbe vendere l Ascoli Picchio con un centro sportivo pagato?
Se il futuro proprietario fallisce il Village è libero.


Amedeo 19 Giugno 2018 23:00

Il Cesena non può iscriversi


Amedeo 20 Giugno 2018 09:12

A Bellini cosa interessa se la futura proprieta' fallisce ???? E se anche fallisse il Village a chi lo affitta alla sambenedettese ?? Per favore.........Bellini una sola cosa puo' fare...sbrigarsi ad andarsene che chi viene dopo lui nel breve e medio termine fara' sicuramente meglio.........


Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni