Ascoli Picchio, ufficiale addio Cardinaletti. Tre incarichi cambiati e uso assiduo della parola “progetto”

Redazione Picenotime

01 Luglio 2018

Andrea Cardinaletti

E' durata poco più di 27 mesi l'avventura di Andrea Cardinaletti ai vertici societari dell'Ascoli Picchio. Il 60enne manager jesino ha infatti risolto consensualmente il suo contratto con il club di Corso Vittorio Emanuele e da oggi, Domenica 1° Luglio, non è più operativo, come aveva già annunciato il presidente ed attuale amministratore unico Francesco Bellini nella conferenza stampa del 15 Giugno e nel comunicato ufficiale del 22 Giugno

Era il 16 Marzo 2016 quando lo stesso Bellini, accompagnato dall'avvocato Maria Cristina Celani, presentò alla stampa colui che avrebbe fatto in tutto e per tutto le sue veci nei periodi di permanenza in Canada. 




Sono stati tre gli incarichi dirigenziali ricoperti da Cardinaletti nell'organigramma dell'Ascoli Picchio: amministratore delegato, amministratore unico e dallo scorso autunno responsabile dell'area tecnica. Rimarrà nella memoria collettiva dei tifosi bianconeri soprattutto per l'utilizzo assiduo della parola "progetto" nelle sue interviste e conferenze stampa, ultima delle quali tenuta lo scorso 8 Gennaio nel giorno della presentazione ufficiale del centrocampista Raphael Martinho.




CLICCA QUI PER TUTTE LE VIDEO INTERVISTE DI CARDINALETTI


© Riproduzione riservata

Commenti (49)

Michele 01 Luglio 2018 16:06

È stato la rovina dell'Ascoli, ha praticamente distrutto società e squadra


Marco 01 Luglio 2018 16:08

Da quando è arrivato non ha fatto nulla, il presidente Bellini ha pagato un incapace


Luciano 01 Luglio 2018 16:09

Invece di fare il bene del picchio ha lavorato per dividere tutto e tutti il suo bilancio è impietosamente negativo


walter rossi ps 01 Luglio 2018 16:10

CHE BELLA NOTIZIA, ANDIAMO!!!


Alessandro 01 Luglio 2018 16:11

Il regalo di abodi agli ascolani, il dirigente più scarsi della nostra storia ProJetto ProJetto


Maggiore 01 Luglio 2018 16:15

Se ha fatto quella che ha voluto qualcuno gli è lo ha permesso, Bellini non è responsabile della sua assunzione secondo me
Anzi ad Ascoli sia un socio che ex giocatori lo hanno sponsorizzato hanno fatto un pacco a Bellini è lui è abboccato
Lo scorso anno fu definito il miglior dirigente d'italia da un ex socio basta rivedere la conferenza stampa su Piceno time


bernardo 01 Luglio 2018 16:18

27 mesi di risultati pessimi, faccio fatico a trovare una cosa giusta che abbia fatto e ancora non mi capacito di come Bellini gli abbia potuto dare cosi tanti poteri per cosi tanto tempo, INCREDIBILE!!!!!!!!!!!!!!!!


Giorgio 01 Luglio 2018 16:18

Questo si è sistemato per quello che ha preso e che prenderà
La nuova società dovrà pagarlo profumatamente non va via gratis come fu per petrone, uno scandalo buttare soldi così


Paolo65 01 Luglio 2018 16:20

27 mesi deciamente troppi, un incompetenza calcistica mai vista.


Matteo 01 Luglio 2018 16:26

RAJIONIERE siete stati $mascheratJ ora via anche Giaretta


Luigi 01 Luglio 2018 16:27

Con la metà dei soldi che ha guadagnato ed è costato questo personaggio, si allestiva una squadra per andare ai play off senza problemi. Sono stati solo soldi buttati. Vai via!


quinto decimo 01 Luglio 2018 16:28

Grandissima notizia l'addio di Cardinaletti, il principale problema dei nostri pessimi risultati di questi anni. Non concordo invece con Matteo su Giaretta, è un professionista serio e a differenza di Cardinaletti sa parlare e si sa porre davanti alla gente, il problema è che il presidente gli ha messo a disposizione sempre 4 lire per fare le squadre, ma non è scarso. Cardinaletti invece era ed è scarsissimo!


Ponz 01 Luglio 2018 16:29

Finalmente una gioia!!! AVANTI PICCHIO!!!


Massimo 01 Luglio 2018 16:30

È lui la causa della rottura tra i tifosi e Bellini che ha la responsabilità di avergli creduto


Andrea 01 Luglio 2018 16:37

Sei un emerito incapace, ti saluta cacia


Alessio 01 Luglio 2018 16:40

Cardinaletti doveva andare via già dopo la salvezza a La Spezia, con Tosti e Marroccu avevamo una società capace, ne avrebbe anche guadagnato Bellini stesso, come ha potuto Bellini lo scorso anno nominarlo amministratore unico, come ha potuto


Valerio 01 Luglio 2018 16:44

Ha fatto disastri specialmente quest'anno con Maresca, ma c'è chi lo ha appoggiato, non è l'unico responsabile del disastro, insieme a lui anche le persone vicine al presidente hanno fatto la loro parte, sono tutti colpevoli, tutti. Ripulita totale dovrà fare chiunque prenderà la società


Emidio 01 Luglio 2018 16:47

Cardinaletti va via e se la ride con un bel gruzzoletto, sai che gli è ne frega di quello che diciamo noi. La società ha dilapidato enormi risorse con queste scelte, sbagliato dargli incarico, assurdo rinnovargli il contratto.


Mirko 01 Luglio 2018 16:51

Non basta mandare via solo Cardinaletti, troppi ne mancano ancora in società
Via tutti
salvo solo i magazzinieri


Claudio 01 Luglio 2018 16:59

Quando ha convinto Bellini a fargli il contratto è come se ha vinto un biglietto da turista per sempre...


Montegiorgio Bianconera 01 Luglio 2018 17:01

Cardinaletti avrai guadagnato i soldi per fare la bella vita, ma anche il malcontento di migliaia di persone, quando sei venuto a Montegiorgio ti sei fatto fare i ringraziamenti da quattro anziani, torna a Jesi e non farti più vedere allo stadio di Ascoli. Se oggi siamo in questa situazione è colpa tua


Francesco 01 Luglio 2018 17:03

Il danno più grande Cardinaletti lo ha fatto al presidente Bellini, perché oltre ad avere uno stipendio assurdo e ingiustificato per quello che NON ha fatto, è riuscito a distruggere la società, a mettere il presidente Bellini contro gli Ascolani, bastava che due anni e mezzo fa l'incarico di Cardinaletti lo avesse ricoperto A GRATIS, il socio Giuliano Tosti e non si era arrivato a questo punto, la squadra aveva avuto buoni risultati, la società aveva risparmiato tanti soldi e Bellini sarebbe tranquillamente il presidente dell'Ascoli.
Altro che liquidazione, io se fossi stato in Bellini gli chiedevo i danno, numeri e risultati alla mano.


asnkvola 01 Luglio 2018 17:09

La colpa non é di Cardinaletti ma di chi lo ha pagato per comandare,figura che non serviva in società,ci stava Tosti gratis in quel ruolo.......


alberto da monaco di baviera 01 Luglio 2018 17:10

Festeggiamo anche dalla Germania, il peggior dirigente nella storia del nostro amato Ascoli Calcio, Forza Picchio sempre!


Alfredo 01 Luglio 2018 17:32


Presidente Francesco Bellini, se non hai capito ora quello che hanno combinato le persone a cui hai affidao la società, non lo capirai più. Questo è il momento di ammettere di aver sbagliati, riconoscere errori è solo per i veri uomini. Manda via tutti e domani in società con Tosti e Ciccoianni,, loro sono gente seria, poi Tosti è l'unico che può risollevare la società e creare entusiasmo. Pensaci presidente


Sant'egidio Bianconera 01 Luglio 2018 17:47

Cardinaletti a non rivederci più, porta con te anche Giaretta ed il giardiniere, visto che siete buoni amici e al presidente Bellini avete raccontato sempre le stesse cose.
Vi abbiamo smascherato


giovanni 01 Luglio 2018 17:49

Fra tante brutte notizie, questa è ottima, speriamo sia il primo passo per una ripartenza.


Roby 01 Luglio 2018 18:47

Che personaggio. Bravo ...fexxerie e nient'altro


MARIO78 01 Luglio 2018 19:00

Personaggio irresponsabile che ha causato una frattura insanabile ....la colpa è di Bellini lui ha solo raccolto.....


Algoritmo 01 Luglio 2018 19:15

E il sindaco Castelli con il blocco stadio se la ride.


agata 01 Luglio 2018 19:42

Bye bye, salutaci le colline jesine...ahahaha


PRENESTINO BIANCONERO 01 Luglio 2018 20:03

Il responsabile di ogni cosa è stato Bellini. Cardinaletti e gli altri hanno avuto il solo torto di assecondare l'insopportabile supponenza del presidente.


Luigi 1960 01 Luglio 2018 20:53

Finalmente! Ora aspettiamo nuova mossa di Bellini: o si decide a vendere le sue azioni o trova un accordo di rinnovata fiducia e unità d'intenti con i soci ascolani.


Fermano Bianconero 01 Luglio 2018 21:16


Mia scelta di più sbagliata dal presidente Bellini che lo ha pure pagati. Conosciuto per la sua arroganza a Monte Urano nel fantomatico Picchio in Tour, non deve venire Daniele Cacia artefice della salvezza, i nostri figli ad aspettare mentre lui faceva l'attore e fece dispetto a noi tifosi, portò la primavera. Vergogna


SBN74 01 Luglio 2018 21:29

Non sono qui a difendere cardinaletti......non ho carta canta su tutto il male che ha fatto. Prima lovato....poi cardinaletti........il prossimo chi è? Sono sicuro che ci sarà sempre qualcuno su cui puntare il dito...........a meno che saranno messi a comandare chi si desidera da sempre e come il sindaco non verrà mai ne giudicato ne accusato. MA!!!!!!


Giulio 01 Luglio 2018 22:24

Prenestino Bianconero, il male assoluto dell'ascoli sono quelli che il presidente ha messo in società, quelli di cui si è fidato e che lo chiamano venti volte al giorno, lo hanno preso in giro ed usato, non lavorano gratis ma prendono parecchi soldi, avevano e hanno solo l'interesse che lui non apesse come realmente stavano le cose, tutti insieme si sono dati una mano così chiunque sentiva di loro gli diceva la stessa cosa, gli hanno raccontato solo caxxate. Bellini di quello che succedeva qua non sapeva nulla, quando tornava ha sempre dovuto cacciare una montagna di soldi, lo hanno veramente spennato e messo contro la città, il resto è fantasia.


Giorgio 01 Luglio 2018 22:32

Adesso ve ne accorgete che questo faceva i suoi interessi? Non vi ricordate quante volte in curva e alle riunioni ci è stato detto dai ragazz degli ultras, che stava creando un muro tra la società e le persone di Ascoli?
Noi tifosi eravamo manovrati dai soci Ascolani e facevamo il male dell'Ascoli, questo vi hanno fatto credere e avete abboccato, adesso di cosa vi lamentate?
Vi ricordate quando facevano alzare il volume della musica allo stadio per non sentire i fischi?
Hanno mandato via pure lo speaker, già vi siete scordati?
I danni che lasciano questi signori ci vorranno diversi anni per superarli.
Via tutti da Ascoli siete tutti colpevoli


Massimo 01 Luglio 2018 23:23

Peccato mi dispiace tantissimo che va via, mi mancheranno le sue promesse e il famoso progetto con lui il prossimo anno sarebbe stata serie A sicuro.
Perdiamo il più grande dirigente del pianeta terra, come disse l'ex socio Faraotti a giugno 2017
Ho rivisto il video di quella conferenza stampa, c'era anche Maresca il predestinato.


POTENZA ⚡ PICENA 01 Luglio 2018 23:58

Daglje Lovato, riportarci CACIA, deve fare il record con noi! Come capitano invece Gigi il pomper . Tu caro Gianni la piazza ascolana la conosci, quindi ora più che mai ,capirai che rivogliamo i nostri beniamini ! Se poi ci riporti pure il soldato....ripartiamo da dove avevamo lasciato. Questi ragazzi che hanno la maglia del picchio appiccicata sulla pelle ,non dovevano lasciarci così..... daglje Gianni, daglje !!!!!


Abbasso i pesciari 02 Luglio 2018 00:46

Era ora uno sperpero di denaro in meno


MAX 02 Luglio 2018 02:20

GIULIO GUARDA CHE SE BELLINI FOSSE COSI' SCIOCCO COME VUOI FARCI CREDERE TU, CIO' SIGNIFICHEREBBE CHE NON E' LA PERSONA ADATTA A RICOPRIRE IL RUOLO DI PRESIDENTE.



Enigma 02 Luglio 2018 11:20

Allo stato dei fatti hai il " merito" di aver distrutto il rapporto tra la dirigenza e la piazza bianconera!!!


SBN74 02 Luglio 2018 11:31

Verissimo....faraotti lo disse alla presentazione......spese bellissime parole per cardinaletti......Però la colpa è di Bellini.....probabilmente anche faraotti diede l'ok per cardinaletti. È questa coerenza che spesso sottolineo ......come per il sindaco.....eccccc.
La colpa solo e sempre di Bellini e ora ci ritroviamo a venderci al peggior acquirente......che DIO ce lo mandi buono


Luca 02 Luglio 2018 13:20

Andate a vedere l'ultimo bilancio e guardate le voci spesa del personale, non ci crederete, questa è la società modello che guarda al futuro? Neanche una squadra di serie A getta tanti soldi per gente incapace, per di più parliamo di progetto sportivo fallito con salvezze raggiunte all'ultimo secondo, costi da incubo che senza la vendita di Orsolini avrebbero portato al collasso finanziario, a meno che Bellini oltre a quanto messo di tasca sua non metteva altri 7 milioni di euro, l'operazione Favilli ha fatto più che altro ridere tutti quelli che l'hanno fatta, nelle casse dell'Ascoli rispetto a ciò che doveva essere sono arrivate le briciole. Aggiungiamo che il centro sportivo non è di proprietà della società Ascoli Picchio, ma di un'altra società di cu fanno parte Bellini, Faraotti e Ciccoianni ma guarda caso non ne fa parte Tosti che guadagnerà sulle spalle dell'Ascoli, quindi chi compra la società dovrà obbligatoriamente caricarsi un costo enorme dell'affitto e delle utenze, ora tornano tante cosette. Andate via tutti da Ascoli Piceno, dovete stare molto lontani. Speriamo vivamente che entro poco tempo di queste persone non ci sia più nemmeno il ricordo.


giovanni 02 Luglio 2018 14:24

Io lo scrissi alla fine del secondo anno di guida Bellini, che più che essere un presidente del borgorossa futbol club è stato il datore di lavoro per manager incompetenti, li ha presi tutti lui, quanta gente ha messo a libro paga, uno x mantenere i rapporti con la stampa, uno per seguire e mantenere i rapporti tra comune e lavori allo stadio evvia dicendo tutta gente che non se ne sente più parlare, tutto entourage x distribuire soldi a soggetti che con l'Ascoli calcio non ci azzecca nulla.


pippo 02 Luglio 2018 15:37

Quando si dice che questo è il dirigente che ha causato la rottura tra società e tifosi non si fa altro che enunciare uno dei corsi e ricorsi storici. I più anziani come me ricorderanno " andiamo andiamo in serie B grazie a te Custandì" o "Moricone ladrone moricone ladrone moricone ladrone moricone sei un ladrone" dimenticando che quest'ultimo era quello che si definirebbe oggi punto di contatto con i grandi club quello che finalizzava per mano di Rozzi i buoni rapporti che avevamo e che tanto ci hanno aiutato. Quindi il problema non è l'uomo in se per se ma le direttive che gli vengono date e il controllo che si effettua sulle applicazioni delle stesse. Voglio dire che probabilmente Cardinaletti non credo che sia completamente incapace semplicemente gli è stato permesso di utilizzare le sua qualità solo per i suoi interessi e che quindi la scelta dei collaboratori non basta è necessario avere un riscontro reale e quotidiano di quello che fanno soprattutto quando hanno grandi responsabilità. Per me personalmente non è stato tanto peggio di Antonelli (quinquennala a Giallombardo a 300.000 euro l'anno per esempio), vera rovina dell'era Benigni, ma contro di lui si sentiva poco e niente.


simosbn74 02 Luglio 2018 15:57

SBN74 sono d’accordo con te questa volta, faraotti era a braccetto col ragioniere a Parma e io l’ho visto con i miei occhi non per sentito dire, è tutto vero quello che dici, sul sindaco tutti i torti non li hai, però non si può addossare a lui la colpa del caos che ha contraddistinto la società Ascoli Picchio, secondo me non ha senso contestarlo allo stadio, lo abbiamo votato noi (hanno per l’esattezza, ma l’ha scelto la mia gente)per la questione stadio si, a lui non è fregato nulla così come alla società di trovare una soluzione, la tribuna est è qualcosa di tragicomico, fa tutto parte del fare all italiana, che l’Italia fa ca..re io sono d’accordo von bellini, ha ragione lui che siamo il terzo mondo, purtroppo di mezzo ci andiamo sempre noi tifosi, che almeno dovremmo evitare di darci addosso e ricucire questa divisione netta che si è creata, non importa cosa ha fatto Bellini o cosa ha detto nel bene e nel male, ormai è il passato, bisogna lavorare per costruire un futuro migliore per il bene della nostra Ascoli, e questo può accadere solamente se siamo uniti noi. Per quello che riguarda l’acquirente io personalmente mi auguro bricofer, Candeloro assolutamente no, a me a pelle non piace, poi è sponsorizzato da di campli basterebbe dire questo. Speriamo di no.
Ps Bellini è stato accolto come un re, se ne va contestato da buona parte della tifoseria, non sarà solo colpa dei tifosi secondo me.


Fabrizio 02 Luglio 2018 18:17

Mai visto un incompetente del genere ma è stato preso solo per ottenere il credito sportivo per riqualificare il Picchio Village che guarda caso è di Bellini.
Un altro tiro mancino del canadese ...sparite per sempre tutti e due


aldragon 02 Luglio 2018 21:26

Secondo me non è riuscito a fare l'unica cosa che gli interessasse davvero, cioè finanziare la ristrutturazione del Del Duca col Credito Sportivo, Istituto di cui è stato Presidente e rappresentante nei contatti fra Sindaco e Società. L'astio fra Amministrazione Comuna e Società non è stato certo mitigato da lui, e questa a mio modo di vedere rimane la sua grande colpa: aver coltivato interessi personali sotto le mentite spoglie di una presunta passione calcistica da "marchigiano" ...


Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni