Castignano, deferito giovane bracciante agricolo per estorsione nei confronti del datore di lavoro

Redazione Picenotime

23 Luglio 2018

I Carabinieri della dipendente stazione di Castignano,  a conclusione di una indagine condotta con appostamenti, servizi di osservazione e pedinamenti, nel pomeriggio di Sabato 21 Luglio 2018, deferivano a piede libero un giovane cittadino albanese, perché ritenuto responsabile del reato di estorsione.

Il giovane era infatti stato assunto, da circa un mese, quale bracciante agricolo stagionale, impegnato nella trebbiatura del grano. Alcune settimane fa', quest’ultimo, dapprima con minacce telefoniche e poi recandosi di persona, aveva iniziato a minacciare il datore di lavoro affinché assumesse anche la moglie. 

I toni si sono fatti via via sempre più esasperanti e pressanti, nonostante il titolare avesse sempre trattato con rispetto ed educazione il bracciante, senza però promettere nulla in merito all’assunzione della moglie che, senza una ragione precisa, l’albanese riteneva quasi un atto dovuto. Probabilmente proprio i modi educati e civili del datore di lavoro avevano ingenerato nell’albanese una sensazione di familiarità tali da fargli credere che anche la famiglia potesse essere assunta.

Tuttavia, la reazione violenta e minacciosa non poteva trovare alcuna giustificazione, nè tantomeno rischiare di stravolgere la vita quotidiana del centro castignanese. 

In sede successiva le risultanze investigative prodotte, tra le quali un gran numero di messaggi telefonici dai toni minacciosi nonché registrazioni di telefonate da parte della vittima, hanno consentito all’Autorità Giudiziaria di acclarare le responsabilità del giovane. 


© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni