San Benedetto del Tronto, due arresti per tentato furto pluriaggravato

Redazione Picenotime

08 Settembre 2018

All’alba di Venerdì 7 Settembre personale della Squadra Mobile di Ascoli Piceno e del Commissariato di Pubblica Sicurezza di San Benedetto del Tronto, nell’ambito di servizi congiunti di prevenzione e repressione dei reati contro il patrimonio, è intervenuto a San Benedetto del Tronto, in via Palmiro Togliatti, ed ha proceduto all’arresto di due uomini nella flagranza del reato di tentato furto pluriaggravato: 

G. A., 52enne di origine siciliana domiciliato a San Benedetto del Tronto;

B. L. 58enne cittadino croato domiciliato nella vicina cittadina di Colonnella;

- Ambedue con precedenti giudiziari.  

Da qualche tempo la Sezione Furti e Rapine della Squadra Mobile aveva acceso un faro sul fenomeno dei furti presso uffici e studi professionali, arrivando a selezionare una serie di possibili obiettivi al fine di effettuarne un monitoraggio negli orari di maggior rischio di evento delittuoso. 

La notte del 6 Settembre, l’attenzione dei poliziotti si era rivolta ad alcuni stabili commerciali situati sulla costa sambenedettese, opportunamente vigilati con la collaborazione di personale del locale Commissariato di Pubblica Sicurezza. 

In uno stabile situato in via Palmiro Togliatti, occupato da studi professionali, veniva notata la presenza di due autovetture già conosciute dagli investigatori, in uso a due noti pregiudicati dediti alla commissione di reati contro il patrimonio, tanto che si decideva di effettuare un discreto servizio di osservazione. 

A conferma del fiuto investigativo avuto, si notavano i due sospetti uscire dallo stabile in maniera del tutto anomala, considerata l’ora notturna che presupponeva l’impossibilità di una qualsiasi attività commerciale ancora in corso. 

I due pregiudicati, saliti a bordo delle loro auto, venivano fermate per delle opportune verifiche: immediatamente ci si rendeva conto che qualcosa di illecito era accaduto all’interno dello stabile da cui erano stati visti uscire, considerato che ambedue presentavano gli abiti notevolmente sporchi da residui di polvere di cemento e muratura. 

Giunti nello stabile si accertava la presenza di alcuni fori di grosse dimensioni praticati sui muri esterni, utilizzati per penetrare all’interno di alcuni uffici. Per di più, a conferma dell’evento delittuoso consumato, testimoniava anche il ritrovamento nella disponibilità dei due arrestati di una ben fornita cassetta degli attrezzi, contenente vari strumenti da scasso, pile a led di ultima generazione, guanti e tute da muratori.

Solo il caso ha voluto che i due visitassero, tra i vari uffici presenti in loco, tre al momento sfitti e privi di cose di valore, per cui il raid ladresco si concludeva con un nulla di fatto.  

Al momento sono al vaglio degli investigatori alcuni furti commessi nei mesi precedenti che presentano analogie con l’evento narrato. Al termine dell’operazione i due sono stati  tratti in arresto e ristretti presso il Carcere di Marino del Tronto, a disposizione della Procura della Repubblica di Ascoli Piceno, Sostituto Procuratore dott.ssa Cinzia Piccioni.


© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni