Fenati a Sport Mediaset: “Non farei del male neanche a una mosca. Ora mi tocca tornare a scuola”

Redazione Picenotime

11 Settembre 2018

Mengo intervista Fenati (Foto Ansa)

Dopo aver parlato alla "Gazzetta dello Sport" nella serata di ieri (CLICCA QUI), oggi Romano Fenati è stato intervistato dal giornalista Ronny Mengo di Sport Mediaset per analizzare nuovamente la bruttissima scorrettezza a Misano ai danni di Stefano Manzi di cui tutto il mondo dei motori discute ormai da due giorni.

“Il mio gesto contro Manzi? Ho fatto una cavolata, fondamentalmente. Ho fatto quel gesto come per dire ‘levati’. Era più un buffetto per farlo calmare, per toglierlo, non è come stato detto. Ma non rifarei quello che ho fatto - ha dichiarato Fenati -. Il discorso della provocazione arriva fino a un certo punto e non può essere giustificato se questo gesto fosse stato fatto per fare del male. In realtà non farei del male neanche a una mosca, era solo per dirgli ‘basta’. Un esposto in Procura parlerebbe di tentato omicidio? Sono termini che mi fanno sicuramente paura ma mi sono sembrati molto eccessivi. Il licenziamento da parte dei due team? Non lo so se sia giusto o sbagliato ma è così. Non ci si può fare niente. Quello che so è che ho fatto una cavolata, ma sono stato giudicato troppo pesantemente. Futuro? Mi tocca tornare a scuola. Finirò gli studi, mi manca solo l’ultimo anno. Un ritorno in pista? A sangue freddo dico no. Tra cinque anni come mi vedo? Non lo so”.


CLICCA QUI PER TUTTI I NOSTRI SERVIZI SUL CASO FENATI



© Riproduzione riservata

Commenti (5)

BÀÀ 11 Settembre 2018 20:42

Non ha sncora capito la gravità di ciò che ha fatto.....per questo trovo giusto il licenziamento,lo stralcio del contratto 2019 e la sospensione della patente sportiva x correre......è un ragazzo che deve crescere ancora di testa......in bocca al lupo...ora il mondo delle corse è finito....ti toccherà la dura realtà


Andrea Faina 11 Settembre 2018 22:23

Chi e' senza peccato (cioe' non sbaglia mai) scagli la prima pietra. Credo che se uno chiede scusa e perdono e, per fortuna, nessuno si e' fatto male, dopo una giusta punizione gli si debba dare un'altra opportunita'. Forza Romano, da buon ascolano, non mollare...


giampy 11 Settembre 2018 23:52

Partendo dal presupposto che il gesto e' da condannare senza se e senza ma bisogna dare atto che un minimo di provocazione c'e' stata e a 200 alla ora anche una carenata può risultare fatale e deve considerarsi gravissima. Purtroppo il e' il gesto eclatante come la testata di Zidane o il morso di Tayson in altri sport e per tale ha pagato il massimo. Ma ora basta leggere commenti beceri da finti perbenisti quando lungo le strade c'e' gente che si scanna per un sorpasso o una mancata precedenza!


Marco R. 12 Settembre 2018 10:17

Ripeto: gesto non giustificabile, chiaro però che sta sui maroni a qualcuno......


mandello 12 Settembre 2018 11:52

sono daccordo con te giampy...ha sbagliato ed è stato punito anche troppo severamente..la cosa che nn sopporto è questo finto perbenismo. due anni fa valentino rossi ha fatto quasi peggio ...e tutti a difenderlo invece fenati lo fate passare per criminale.....cercate di essere coerenti.....FINTI PERBENISTI!


Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni