Carmen Tommasi presenta Ascoli-Lecce: “4-3-1-2 marchio di fabbrica di Liverani. Polemiche su Chiricò”

Redazione Picenotime

11 Settembre 2018

Carmen Tommasi

Abbiamo affidato alla penna della giornalista Carmen Tommasi, redattrice del portale Piazzagiallorossa.it, la presentazione dalla sponda salentina del match tra Ascoli e Lecce in programma Sabato 15 Settembre alle ore 15:00 allo stadio "Del Duca" per la terza giornata di Serie B. 

Un campionato tranquillo per il neopromosso Lecce con l’obiettivo primario e dichiarato di “conservare” gelosamente la categoria, conquistata dopo sei anni di inferno in Lega Pro, e tutto quello che verrà dopo sarà ben accetto. Una rosa completamente stravolta rispetto alla scorsa stagione con tanti nuovi arrivi - come Vigorito, Fiamozzi, Lucioni, Meccariello, Calderoni, Petriccione, La Mantia, Pettinari, Falco e non solo - ed alcuni elementi della vecchia guardia rimasti nel Salento, come capitan Lepore, Cosenza, Mancosu e Arrigoni. Quest’ultimi due sono stati gli unici reduci dello scorso campionato a giocare titolari nelle prime due gare in cadetteria con il Benevento e con la Salernitana.

Il tecnico Fabio Liverani, infatti, munito di immenso coraggio ha schierato in entrambe le gare una formazione quasi tutta rinnovata, ovvero con 9 elementi tra i nuovi acquisti scesi in campo dal primo minuto. Sempre fedele al suo marchio di fabbrica, il corposo 4-3-1-2, con il centrocampista sardo Mancosu, due gol in due gare, adattato al ruolo di trequartista, e Falco-Pettinari nel tandem d’attacco. Nel frattempo, nell’ultima doppia seduta hanno lavorato in differenziato Arrigoni, Pettinari e Riccardi, con Palombi che si è allenato con il resto del gruppo e con Dubickas assente. 

Due soli punti in classifica per i giallorossi che stanno stretti alla società di Via Colonnello Costadura per come sono arrivati: a Benevento vincevano addirittura 3-0 per poi farsi rimontare sul 3-3 finale, mentre nella prima in casa contro i campani è finita 2-2, con il pareggio agguantato dagli ospiti in pieno recupero. Sono ben 5 i gol incassati dal portiere, ex Frosinone, Mauro Vigorito e cinque reti siglate: fase difensiva da rivedere, con alcune sbavature importanti che in Serie B non vengono, quasi mai, perdonate dagli avversari. 

Bisogna ancora crescere, ma a questo punto della stagione va bene così perché la squadra ha bisogno di conoscersi meglio per “oleare” alcuni meccanismi tattici che, comunque, sono sembrati già positivi nonostante la poca conoscenza tra i membri della rosa.

Una cosa è certa, questo Lecce ha sempre più il volto e il carattere del suo condottiero, dell’uomo della cavalcata verso la B, lo schivo e carismatico Fabio Liverani che, nel match contro la Salernitana, è stato contestato dalla Curva Nord per aver fatto entrare in campo nella ripresa l’”acerrimo” nemico Mino Chiricò, con il Via del Mare spaccato in due: tra chi applaudiva il calciatore e chi lo contestava. Ciò che conta, adesso, è il calcio giocato: “volare” ad Ascoli per i tre punti, i primi stagionali e per continuare a sognare un campionato emozionante e senza grossi rischi in classifica.


© Riproduzione riservata

Commenti (1)

Algoritmo 12 Settembre 2018 10:41

RIVOGLIO SUBITO BRIGHT ADDAE
LI IN MEZZO AL CAMPO!!!!!!!!!!!!!


Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni