Castel di Lama, arrestati dopo aver tentato di asportare fontana acqua pubblica

Redazione Picenotime

13 Settembre 2018

Foto da Carabinieri Ascoli Piceno

Alle prime luci dell’alba di ieri, in piazza Scirola a Castel di Lama, i Carabinieri della Stazione di Castignano e di Castel di Lama, sono intervenuti con la massima tempestività, allertati dai cittadini al 112, cogliendo sul fatto un moldavo di 30 anni e un senegalese di 43 anni, domiciliati a Castel di Lama e con precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, mentre tentavano di asportare la pesante fontana dell’acqua pubblica in ferro. 

I due, bloccati e perquisiti, sono stati trovati in possesso di arnesi da scassi e abbigliamento, sottratto pochi minuti prima a San Benedetto del Tronto dagli spogliatoi di un campo di calcetto ad un ragazzo del posto. I due, portati in caserma ed identificati, sono stati arrestati per furto aggravato in concorso e posti agli arresti domiciliari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Nel pomeriggio di ieri, nell’ambito dei controlli agli arresti domiciliari messi in atto dai militari della Stazione di Castel di Lama, il senegalese non è stato trovato a casa per cui sono state avviate subito ricerche, venendo rintracciato alla fermata dell’autobus con la valigia piena di effetti personali mentre cercava di dileguarsi, allo scopo di sottrarsi al processo che si terrà nella giornata odierna. Al senegalese, come disposto dall’Autorità Giudiziaria, si sono spalancate a questo punto le porte del carcere di Marino del Tronto.

L’azione dei Carabinieri, attenta e aderente ai bisogni del territorio, continuerà in maniera energica per contrastare i reati predatori e non solo, sempre a tutela della cittadinanza. Tutti sono, pertanto, invitati a chiamare subito il 112 come nel caso odierno, ovvero recarsi  personalmente in caserma per esporre denunce o soprusi di ogni genere, nonché contattare telematicamente l’Arma anche attraverso il sito www.carabinieri.it.


© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni