Fenati, Federazione Internazionale ufficializza ritiro licenza per il resto della stagione

Redazione Picenotime

21 Settembre 2018

Romano Fenati

E' arrivata l'ufficializzazione del ritiro della licenza internazionale della Federazione Internazionale di Motociclismo per Romano Fenati, reo della grave scorrettezza ai danni di Stefano Manzi nel corso della gara di Moto2 a Misano dello scorso 9 Settembre (CLICCA QUI PER COMUNICATO UFFICIALE FIM). 

Il 22enne pilota ascolano, accompagnato dal suo legale, è stato ricevuto il 18 Settembre dal presidente della FIM Vito Ippolito e dal vice direttore generale e direttore giuridico della FIM, Richard Perret, nella sede svizzera di Mies per spiegare di persona il suo gesto che ha dato origine a molte reazioni fra i media e i social.

Durante l'incontro, i rappresentanti della FIM hanno sottolineato la profonda preoccupazione della Federazione per la sicurezza di tutti i motociclisti e gli altri partecipanti alle competizioni motociclistiche, sottolineando l'importanza del fair play nello sport motociclistico. Pur riconoscendo che i piloti, in particolare quelli che raggiungono il livello più alto di questo sport, sono soggetti a molte pressioni sia dentro che fuori la pista, hanno ricordato a Fenati la profonda influenza che gli atleti di alto livello possono avere su tifosi e giovani, esortandolo a prendere coscienza della sua responsabilità per dare un esempio positivo in futuro.

Dopo la discussione, come fa notare Gazzetta.it, la Federazione Internazionale ha quindi deciso di ritirare la licenza FIM di Fenati fino alla fine dell'anno in corso, peggiorando - e in qualche modo sconfessando - l’operato dei propri giudici, il FIM MotoGP Stewards Panel, che a Misano gli avevano comminato uno squalifica di 2 Gran Premi. Adesso, per ottenere una nuova licenza FIM per la stagione 2019, Fenati dovrà sottostare alle condizioni stabilite nei regolamenti della Federazione Internazionale.


CLICCA QUI PER TUTTI I NOSTRI SERVIZI SUL CASO FENATI


© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni