Serie B, Tar Lazio conferma Collegio Garanzia Coni e respinge ricorsi Catania e Siena

Redazione Picenotime

10 Ottobre 2018

Pietro Lo Monaco, ad Catania

Il Tar del Lazio ha confermato oggi la decisione del Collegio di Garanzia del Coni dello scorso 11 Settembre sul tema dei ripescaggi. Il format del campionato di Serie B resta quindi a 19 squadre, respinte le richieste di Catania e Siena.

DISPOSITIVI UFFICIALE SU RICORSO CATANIA

Il Tar, premettendo che "nell'ambito della presente fase cautelare caratterizzata dalla sommarietà della cognizione, ai fini dell'accoglimento della domanda cautelare, devono sussistere cumulativamente i due presupposti normativamente previsti del fumus boni iuris e del periculum in mora, tanto che la mancanza di uno solo dei predetti requisiti preclude al giudice amministrativo l'adozione di una qualunque misura cautelare", ha ritenuto che "il ricorso non soddisfa più le necessarie condizioni di procedibilità in quanto la società istante non risulta che abbia ancora impugnato la decisione assunta dal Tribunale federale nazionale del 28 settembre con riferimento al format del campionato di Serie B". E "con riferimento invece al profilo del danno grave ed irreparabile (periculum in mora), vanno poi valutate le conseguenze che, alla luce dell'attuale situazione di fatto, un'eventuale decisione di accoglimento della domanda cautelare proposta con il ricorso in esame potrebbe provocare con riferimento a tutti gli interessi in gioco nella vicenda di che trattasi". Ad avviso dei giudici amministrativi, "proprio comparando gli opposti interessi (ovvero quello della ricorrente a partecipare al campionato di Serie B e quello delle parti resistenti a non compromettere il regolare svolgimento, non solo del campionato di Serie B, ma anche di quello di Lega Pro), sembra prevalere quello finalizzato a garantire il regolare svolgimento delle competizioni sportive, anche in ragione del fatto che i due campionati risultano ormai in corso di svolgimento da più giornate"; e che "peraltro, l'auspicata acquisizione del titolo a partecipare al campionato di Serie B, allo stato, non costituisce una conseguenza immediata dell'eventuale accoglimento nel merito delle domande proposte con il ricorso in esame".

Ecco come ha commentato l'amministratore delegato del Catania Pietro Lo Monaco ai microfoni di Gianlucadimarzio.com: “Io non ho più veramente parole, da ultimo la sentenza di oggi rappresenta un qualcosa di vergognoso, di inenarrabile, di indicibile. Cioè questi hanno scambiato la posizione del Siena con quella del Catania, che ha seguito correttamente tutto l’iter e quindi la pronuncia di ‘improcedibilità del ricorso’ o è un errore clamoroso o denota un altro fatto, gravissimo, che in tutta questa storia ci sia sotto un qualcosa di davvero pesante. Cioè questi signori hanno asserito il falso, hanno pronunciato una sentenza che non corrisponde alla realtà dei fatti perché il Catania ha seguito correttamente tutto l’iter processuale impugnando la sentenza del Tribunale Federale Nazionale. Pur di prendere tempo, pur di dilatare ulteriormente il tutto hanno asserito il falso. Ma vi rendete conto?”. 


DISPOSITIVO UFFICIALE SU RICORSO SIENA

Il Tar ha considerato che: "Il ricorso non soddisfa più le necessarie condizioni di procedibilità in quanto la società istante, all'odierna camera di consiglio, ha, da un lato, rinunciato all'unico motivo contenuto nell'impugnativa in esame e, dall'altro, ha chiesto, sempre in camera di consiglio, l'applicazione immediata del decreto legge n. 115 del 2018, l'adozione di una misura cautelare finalizzata ad allargare il format del campionato di Serie B a 22 squadre e l'accoglimento della propria domanda di 'ripescaggio' in quel campionato; che "oltre all'assenza di ogni ritualità prevista dal codice del processo amministrativo nella proposizione delle predette domande, la società ricorrente non risulta altresì che abbia ancora impugnato, la decisione assunta dal Tribunale federale nazionale del 28 settembre scorso con riferimento al format del campionato di Serie B"; che "con riferimento invece al profilo del danno grave ed irreparabile, vanno anche valutate le conseguenze che, alla luce dell'attuale situazione di fatto, un'eventuale decisione di accoglimento della domanda cautelare - laddove praticabile - potrebbe provocare con riferimento a tutti gli interessi in gioco nella vicenda di che trattasi". Ad avviso dei giudici, "proprio comparando gli opposti interessi (ovvero quello della ricorrente a partecipare al campionato di Serie B e quello delle parti resistenti a non compromettere il regolare svolgimento, non solo del campionato di B, ma anche di quello di Lega Pro), sembra prevalere quello finalizzato a garantire il regolare svolgimento delle competizioni sportive, anche in ragione del fatto che i due campionati risultano ormai in corso di svolgimento da più giornate".


© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni