Carabinieri Ascoli, 15 ordinanze custodia cautelare per stroncare banda dedita a furti auto

Redazione Picenotime

12 Ottobre 2018

Dalle prime luci dell’alba, ad Ascoli Piceno, San Benedetto del Tronto, Cerignola, Vasto e Foggia, decine di Carabinieri del Comando Provinciale di Ascoli Piceno, unitamente a quelli di Foggia, stanno eseguendo un’ordinanza di applicazione di misure cautelari in carcere e di sottoposizione all’obbligo di dimora, emessa dal GIP presso il Tribunale di Ascoli Piceno su richiesta della locale Procura della Repubblica, che ha concordato pienamente con le risultanze rapportate dall’Arma, nei confronti di quindici persone (quattordici italiani originari del foggiano e un romeno), ritenute, a vario titolo, responsabili di:

• associazione per delinquere finalizzata ai furti di autovetture ed alla ricettazione di parti di esse;

• concorso in furto e tentato furto aggravato e continuato di autovetture.

L’indagine ha avuto inizio nel novembre 2017 allorquando nella provincia di Ascoli Piceno vennero registrati numerosi furti di autovetture, caratterizzati da un medesimo “modus operandi”: 

• autovetture seminuove e di pregio;

• fascia oraria notturna; 

• utilizzo di “centraline riprogrammate”, scelte in base all’azienda produttrice dell’autovettura da asportare. 

L’impegno investigativo, sviluppato dal repertamento di impronte poi analizzate dai Carabinieri del Ris di Roma, ha consentito complessivamente di:

• trarre in arresto, in fase di riscontro alle attività tecniche, 3 indagati e di denunciarne 1 in stato di libertà, nonché  di recuperare 4 autovetture oggetto di furto;

• individuare i 15 componenti del sodalizio criminoso;

• accertare che i soggetti, suddivisi in “batterie”, settimanalmente partivano da Cerignola a gruppi di 3 o 4 persone a bordo di autovetture prese a noleggio, ovvero a bordo dell’autovettura di uno degli indagati, per raggiungere località rivierasche delle regioni Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Molise e Puglia, ove asportare autovetture anche di pregio utilizzando chiavi modificate e centraline scodificate da condurre nella zona di Cerignola per ricettarne i componenti;

• documentare la responsabilità del sodalizio nel furto e nel tentativo di furto di molte decine di autovetture;

• accertare che almeno uno degli indagati effettuava le “trasferte” per i furti di autovetture pur essendo sottoposto agli arresti domiciliari;

• raccogliere gravissimi indizi di reità nei confronti degli indagati ed accertare definitivamente la loro operatività nella consumazione di reati contestati, consentendo l’emissione della misura cautelare della custodia in carcere per 5 di loro, e dell’obbligo di dimora per gli altri 10.

L’esecuzione, nel corso della quale sono stati eseguiti 15 decreti di perquisizione locale e personale, è stata condotta con l’impiego complessivo di oltre 60 militari e un elicottero del 5° Nucleo Elicotteri Carabinieri di Pescara.

Ecco la nota ufficiale sulla vicenda del sindaco di San Benedetto del Tronto Pasqualino Piunti: "Vorrei esprimere a nome mio personale e della comunità sambenedettese intera il ringraziamento sentito all'Arma dei Carabinieri per essere riuscita a sgominare la banda di malfattori specializzati in furti di automobili avvenuti soprattutto sul litorale piceno. Questo tipo di reati può essere definito di minore entità solo da chi non ne riconosce i riflessi sulla percezione del livello di sicurezza tra la gente. Il ripetersi di questi episodi nel giro di poco tempo aveva generato un disorientamento che ora finalmente lascia spazio alla soddisfazione. L'auspicio è che ora la giustizia faccia il suo corso senza sconti affinché vengano riaffermati con decisione la forza autorevole dello Stato e la sua capacità di assicurare la serena convivenza".

Ecco il ringraziamento ufficiale del sindaco di Grottammare Enrico Piergallini all'Arma dei Carabinieri: "Grazie, da 16.000 persone. Con la voce di un’ intera città voglio ringraziare oggi l'arma dei Carabinieri per aver posto fine ad un incubo: la piaga dei furti d'auto a Grottammare e in tutta la Riviera. Le scorrerie di queste bande di italiani delinquenti avevano minato la fiducia dei cittadini sulla sicurezza del nostro territorio. Con questa operazione l'Arma ha ripristinato la legalità e la normalità, ponendo nuovamente un muro solido contro la penetrazione della criminalità organizzata. Al Tenente Colonnello Ciro Niglio, al Maggiore Pompeo Quagliozzi, al Capitano Marco Vanni e al Maresciallo Domenico Princigalli va soprattutto il mio ringraziamento per aver dimostrato nuovamente la forza e l'affidabilità dello Stato,  sollecitando i cittadini a non perdere la fiducia nelle Istituzioni della Repubblica. Il sistema funziona, infatti, se i cittadini rifiutano le ordalie e la giustizia fai da te, affidandosi invece alle forze dell'ordine. Ecco perchè ringrazio tutti coloro che hanno denunciato in questi mesi furti o movimenti sospetti ai Carabinieri, fidandosi di loro e consentendo all'Arma di mettere in pratica il modello vincente della 'Sicurezza partecipata'.

© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni