Pallavolo Serie A2, la GoldenPlast Potenza Picena passa sul parquet della Roma Volley

Redazione Picenotime

26 Novembre 2018

Un approccio da incubo, un finale da sogno con 3 punti utili per la classifica e il terzo successo esterno stagionale. Nell’ottava giornata di andata del Girone Bianco, la GoldenPlast Potenza Picena ha espugnato in rimonta il PalaHoney domando la Roma Volley per 3 a 1 al termine di un match iniziato nel peggiore dei modi e senza più cambi al centro dal finale del secondo set dopo l’infortunio di Fabrizio Garofolo, sostituito egregiamente da Stefano Trillini. Sotto 1-0, gli uomini di Gianni Rosichini sono riusciti ad accaparrarsi la posta piena in una gara viziata in avvio da un eccesso di sicurezza, ma rimessa sui binari giusti con pazienza, personalità e determinazione.

L’ultima della classe ha sostenuto l’esame con i marchigiani dopo aver studiato bene la lezione, ma alla distanza non è riuscita a reggere l’intensità tenuta nella prima ora di gioco. Percorso inverso quello di Potenza Picena, presa per mano dal top scorer Paoletti (19 punti) nei momenti clou e rigenerata dalla resurrezione dei laterali nel cuore del match. Avvio in apnea per la buona battuta dei capitolini, poi crescita in tutti i reparti, con il prezioso contributo di Trillini al centro, decisivo in attacco e a muro.

Primo set negativo per Monopoli e compagni, sofferenti per il forcing al servizio degli uomini di Budani fino a cadere 25-16. Secondo set più equilibrato: Potenza Picena avanti sul 13-14 e sempre in controllo fino al 22-22 degli ospiti, per poi chiudere in volata con Di Silvestre (23-25) dopo l’uscita di scena di Garofolo per infortunio. Terzo set dominato dai potentini fino al 15-21 e rimesso in bilico da una serie al servizio di Sperotto fino al 19-21. Poi grande performance in volata di Pinali (20-25). Nel quarto set, dopo un equilibrio iniziale (9-9), dominio della GoldenPlast (11-18), parziale rimonta degli avversari (19-22) e impennata con chiusura di Pinali (19-25).

Domenica 2 dicembre alle 19.00 i biancazzurri giocheranno di nuovo in trasferta nella nona giornata di andata al PalaManerà di Mondovì contro l’imbattuta Synergy Arapi F.lli Mondovì.

Centrale Stefano Trillini: “Una vittoria molto importante dopo la beffa nel derby. Serviva questo successo, siamo partiti male, ma con la forza del gruppo ci siamo imposti”.

LA CRONACA

Potentini in campo con Monopoli in cabina di regia e Paoletti finalizzatore, al centro Larizza e Garofolo, laterali Di Silvestre e Pinali, libero D’Amico. Padroni di casa schierati con il palleggiatore Sperotto e l’opposto Tozzi, al centro Antonucci e Rau, in banda Rossi e Zappoli Guarienti, libero Titta.

I capitolini partono meglio al centro con Rau (5-2). I potentini rispondono con Paoletti e firmano l’aggancio col block di Garofolo (9-9). La ricezione a corrente alternata dei biancazzurri agevola il muro capitolino. Sul 14-10 Gozzo entra per Pinali, sul 15-10 Trillini sostituisce Garofolo. Grande pressione dei padroni di casa, che approfittano degli errori di una GoldenPlast meno concentrata del solito (22-14). Il team di Budani chiude 25-16 con Tozzi alla seconda palla set.

Nel secondo set, con Pinali di nuovo in campo dall’inizio, Potenza Picena trova il doppio vantaggio sull’infrazione dei romani (13-15). Monopoli punta forte sul proprio opposto (17-19). Sul 20-21 tra i padroni di casa entra Lasko, ma il punto è di Pinali (20-22). La Roma raggiunge il pareggio con l’ausilio del Video Check (22-22). Di Silvestre mette il pallone in campo (22-23) e Garofolo entra per Trillini andando subito a segno (22-24). Larizza stecca in battuta (23-24), mentre nell’azione successiva resta a terra Garofolo per uno scontro fortuito ed è costretto a uscire. Si rigioca il punto e Di Silvestre chiude con un mani out (23-25).

Nel terzo set cartellino verde al via per premiare Larizza che si accusa del tocco a muro (4-6). Avanti di 4 punti (9-13), Monopoli e compagni sfruttano il calo al servizio dei capitolini. GoldenPlast più disinvolta con Di Silvestre in crescita (12-18). Sul 15-21 Budani chiama i suoi giocatori a rapporto. Sperotto al servizio semina il panico e rimette in corsa il suo team (18-21) spingendo Rosichini al time out. Padroni di casa sempre più vicini (19-21). Nel momento più duro i biancazzurri si rianimano (19-24) e chiudono (20-25) con un grande Pinali.

Nel quarto set potentini avanti di 2 punti dopo un inizio a singhiozzo (9-11). Il calo di tensione dei padroni di casa e, contestualmente, il feeling acquisito strada facendo dai biancazzurri con le misure del PalaHoney riportano alla luce i valori indicati dalla classifica (11-18). Budani fa girare la squadra utilizzando Genna per Tozzi, ma gli uomini di Rosichini giocano con sicurezze rinnovate. La reazione del collettivo romano arriva nel finale (19-22), complici le leggerezze in fase offensiva. Paoletti ci mette una pezza (19-23). L’attacco out di Genna e il bolide in campo di Pinali (19-25) valgono i 3 punti.


TABELLINO

ROMA VOLLEY – GOLDENPLAST POTENZA PICENA 1-3 (25-16, 23-25, 20-25, 19-25)

ROMA: Lasko, Piattelli ne, Genna 3, Zappoli Guarienti 6, Sperotto 4, Antonucci 14, Rossi 15, (L) Titta, Rau 7, Tozzi 13, (L) Rizzi, Loreto, Borraccino, Pregnolato ne. All. Budani

POTENZA PICENA: Trillini 10, Cuti, Pinali 15, (L) D’Amico, Ferri, Gozzo, Di Silvestre 17, Larizza 6, Monopoli, Lavanga ne, Calistri, Paoletti 19, Garofolo 1. All. Rosichini

Arbitri: Proietti e Oranelli, entrambi di Perugia

Note: durata set 25’, 44’, 30’, 27’. Totale 2h 06. Roma: errori al servizio 13, ace 7, muri 7. Potenza Picena: errori al servizio 12, ace 3, muri 10.


© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni