Libero Volley Ascoli, progetto con la Fainplast per aiutare le famiglie in difficoltà

Redazione Picenotime

26 Novembre 2018

“Schiacciamo la difficoltà, quando pallavolo fa rima con solidarietà”. E’ questo il titolo dell’iniziativa promossa dall’Asd Libero Volley, la società ascolana che dal 1984 rappresenta un punto di riferimento, nel Piceno, per la pallavolo femminile, avendo ottenuto anche per questa stagione il certificato di qualità per quanto riguarda l’attività giovanile. Il progetto è stato ideato con la volontà di dare l’opportunità di fare sport anche alle bambine o alle ragazze del territorio le cui famiglie stanno vivendo un periodo di grave difficoltà dal punto di vista economico e che, per questo motivo, non possono permettersi di sostenere le spese necessarie per la pratica della pallavolo. La Libero Volley, dunque, consentirà a circa 15 ragazze di entrare a far parte della società, inserendole nel vivaio, in maniera assolutamente gratuita. 

A segnalare alla società gialloblù quali saranno le beneficiarie del progetto sarà la Caritas diocesana. Il progetto è stato finanziato dalla Fainplast. “La nostra azienda è sempre vicina al territorio e siamo felici di poter aiutare queste famiglie in difficoltà – ha spiegato ieri Roberta Faraotti della stessa Fainplast -. Siamo sempre molto attivi nel sociale e non potevamo tirarci indietro quando ci è stata sottoposta questa iniziativa e spero anche che si possa allargare il numero delle ragazze da poter aiutare”. 

Le ‘nuove arrivate’ parteciperanno a tutte le attività, dagli allenamenti alle partite ufficiali, venendo dunque inserite nelle squadre alle quali possono appartenere in base alla rispettiva età. Alla presentazione del progetto, oggi pomeriggio, hanno partecipato anche don Alessio Cavezzi, in qualità di coordinatore della Caritas diocesana, il vescovo Giovanni D’Ercole e l’assessore Massimiliano Brugni. Presenti anche il direttore tecnico della nazionale di beach volley femminile Andrea Raffaelli e l’ex palleggiatore della Lube Natale Monopoli, che si sono intrattenuti con le atlete della Libero Volley raccontando le proprie esperienze di vita e sportive. 


© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni