Carabinieri Ascoli, controlli serrati sul territorio. Sei arresti nel fine settimana

Redazione Picenotime

10 Dicembre 2018

Come anticipato nei giorni scorsi, sono proseguiti i servizi di presidio sul territorio posti in essere dal Comando Provinciale Carabinieri di Ascoli Piceno, al fine di mantenere la sicurezza dei cittadini in un periodo così particolare, come quello delle festività nel mese di Dicembre, iniziando dal ponte dell’Immacolata.

Ed anche in questo caso i risultati operativi sono stati più che lusinghieri.

Nel weekend appena concluso, infatti, l’Arma della provincia di Ascoli Piceno ha messo in campo un dispositivo per il controllo diuturno del territorio, forte di oltre 50 pattuglia automontate e quasi 110 militari, che hanno effettuato controlli alla circolazione stradale ed agli esercizi pubblici, anche per contrastare la guida di veicoli in condizioni di abuso delle bevande alcoliche, e servizi di perlustrazione sia nei centri abitati che nelle zone più decentrate, al fine di scoraggiare azioni predatorie soprattutto in danno delle abitazioni più isolate.

L’azione preventiva dei Carabinieri nel ponte dell’Immacolata, quindi, si è manifestata con il controllo di oltre 300 autoveicoli e quasi 450 persone, nonché con tre perquisizioni personali e veicolari, la contestazione di una decina di infrazioni alla circolazione stradale, il ritiro di alcuni documenti di guida e di circolazione ed il sequestro di un’autovettura.

Il servizio di controllo del territorio da parte dei Carabinieri è stato così incisivo e capillare che anche l’azione repressiva ha prodotto risultati molto soddisfacenti, poiché si proceduto all’arresto di ben 6 (sei) persone, alcune delle quali già note alla cronache giudiziarie per reati contro la persona, il patrimonio ed in materia di stupefacenti.   

In particolare i Carabinieri della Stazione di Acquasanta Terme hanno tratto in arresto P.D., 35enne del luogo, per evasione dagli arresti domiciliari. L’uomo infatti, nonostante fosse già sottoposto a misura cautelare domiciliare, veniva sorpreso dai militari nel centro di Ascoli Piceno, mentre visitava tranquillamente i mercatini di Natale noncurante degli obblighi cui era sottoposto.

I Carabinieri della Stazione di Ascoli Piceno, invece, hanno tratto in arresto due cittadini italiani, S.A, ascolano classe 1973 e M.C., campana classe 1974, pizzicati nei pressi della Stazione Ferroviaria in possesso di circa mezzo chilo di hashish. I due, infatti, nella giornata di sabato venivano sorpresi mentre caricavano sull’autovettura in uso al soggetto ascolano, il prezioso carico di stupefacenti destinato ad essere spacciato per animare le festività natalizie di qualche cliente. Ovviamente dopo l’arresto dei due pusher, la sostanza stupefacente è stata sequestrata per essere sottoposta alle analisi di laboratorio del caso.

I militari dell’Aliquota Radiomobile di Ascoli Piceno, invece, venivano coinvolti in un pericoloso inseguimento nelle vie di Monticelli, allo scopo di fermare F.A., ascolano classe 1974. L’uomo, già sottoposto al regime della libertà controllata dal Tribunale di Macerata, in palese spregio delle disposizioni della Magistratura che gli impedivano di uscire dal centro abitato e mettersi alla guida di veicoli perché sprovvisto di patente, all’atto del controllo intimato dai militari iniziava una pericolosa gimcana tra i semafori e le rotonde dell’ospedale. Solo la bravura e la pervicacia dei Carabinieri riuscivano a consentire di fermarlo senza causare incidenti o investimenti nonostante la guida spericolata del soggetto, e trarlo in arresto per resistenza a pubblico ufficiale. 

Sempre i militari dell’Aliquota Radiomobile di Ascoli Piceno, in ultimo, davano esecuzione a due ordini di custodia cautelare nei confronti di B.H., marocchino classe 1981 e L.B., rumeno classe 1990, già coinvolti nella rissa avvenuta in occasione del ponte per la festività dei morti, a novembre scorso. 

I due pregiudicati, nonostante le misure restrittive della libertà personale alle quali erano già sottoposti, ovvero il divieto di incontrare pregiudicati e di uscire nelle ore non lavorative, si rendevano protagonisti di numerose inosservanze puntualmente rilevate e documentate dai Carabinieri tal che la Magistratura, opportunamente informata, emetteva provvedimento di aggravio delle misure che hanno aperto, per entrambi, le porte del carcere di Marino del Tronto.

Il bellissimo risultato operativo conseguito dai militari, che conferma l’efficacia dell’iniziativa assunta dal Comando Provinciale Carabinieri di Ascoli Piceno, è uno sprone a continuare l’azione di presidio sul territorio ascolano in un periodo, come quello del mese di Dicembre, con tutte le sue festività, in cui la popolazione deve percepire maggiormente la vicinanza delle forze dell’ordine per il mantenimento della sua sicurezza.    



© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni