Guardia Costiera San Benedetto, terminata operazione nazionale ''Confine illegale''

Redazione Picenotime

28 Dicembre 2018

“Confine illegale”, questo il nome della maxi operazione messa in atto su tutto il territorio nazionale, dalla Guardia Costiera, da novembre fino ad oggi, nel periodo in cui aumenta la richiesta di prodotti ittici da consumare sulle nostre tavole, permettendo così di bloccare il commercio di tonnellate di pece non idoneo al consumo umano.

Nella Regione Marche, dalla costa all’entroterra, da Gabicce Mare a San Benedetto del Tronto, la Guardia Costiera ha messo in campo uomini e donne, impegnati in missioni svolte sia a mare che a  terra, dallo sbarco ai centri di grande distribuzione, ai vettori di trasporto, sino ai piccoli rivenditori e ristoratori, che hanno portato all’elevazione di n. 66 sanzioni amministrative, per un importo complessivo di 126.974 euro, rilevando quale violazione ricorrente la commercializzazione di prodotto ittico privo della prevista etichettatura  e/o della sua rintracciabilità, la pesca di prodotto ittico in quantità superiore a quella consentita, nonché l’esercizio di attività di pesca in luoghi e zone vietate. Tali attività hanno portato al sequestro di 2868 chili di prodotto ittico e varie attrezzature da pesca irregolari.

Il Ministro Gian Marco Centinaio, durante la conferenza stampa tenutasi lo scorso 20 dicembre a bordo di Nave Gregoretti – CP 920 – ormeggiata per l’occasione nel porto di Civitavecchia, ha affermato “chi non rispetta la legge viene controllato e se viene beccato paga. I controlli vengono effettuati per bloccare tutto quello che viene venduto come fresco e fresco non è. Teniamo alta la guardia perché stiamo permettendo agli italiani di consumare pesce in modo più sicuro e consapevole”.

Le attività di controllo proseguiranno per assicurare il rispetto delle norme in materia di tracciabilità e rintracciabilità del prodotto ittico, nonché il corretto esercizio delle attività di pesca, garantendo, al contempo, la salvaguardia della salute pubblica e la tutela delle risorse biologiche.


© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni