Padova, Zamuner dopo ritorno in panchina di Bisoli: “Vogliamo salvarci. A Gennaio via 11 giocatori”

Redazione Picenotime

28 Dicembre 2018

Giorgio Zamuner

Claudio Foscarini non è più l'allenatore del Padova. Dopo cinque sconfitte consecutive e l'ultimo posto in classifica con appena 11 punti il club biancoscudato ha deciso di richiamare in panchina Pierpaolo Bisoli, allontanato prima del match al "Del Duca" di Ascoli proprio per far posto all'ex tecnico del Cittadella. A fare il punto della situazione in casa veneta ci ha pensato oggi il direttore generale Giorgio Zamuner in una lunga conferenza stampa. 

“L’obiettivo prioritario già ribadito in estate è quello di mantenere la categoria - ha detto Zamuner, come riporta il sito ufficiale del Padova -. Vogliamo voltare pagina ripristinando un certo tipo di percorso che avevamo iniziato in principio del campionato. La rosa inizialmente doveva essere di 24 giocatori di movimento, alla fine ne sono arrivati 29. Sono stati fatti alcuni errori, a cominciare da me stesso, ringraziamo Foscarini per quello che ha fatto, ma purtroppo non siamo riusciti ad avere la svolta che volevamo. Il ritorno di Bisoli non è una questione economica, non ci siamo arresi e tutte le incomprensioni che ci sono state vanno archiviate. Ci sono stati errori non solo tecnici, ma anche morali nella costruzione del gruppo. Facendo 4-5 interventi a gennaio riteniamo di poter mantenere la categoria. Siamo andati dritti su Bisoli, non sono state prese in esame altre soluzioni. Ieri una mezza riflessione in merito era stata fatta, oggi abbiamo preso questa decisione. Le strategie le impone la società, come in qualsiasi squadra di calcio, ma l’attaccante di struttura sarà sempre una priorità, serviranno anche un regista, un difensore e forse anche un centrocampista di ruolo in più. Abbiamo ritenuto che fosse giusto fare così. Bisoli è diventato il capro espiatorio della situazione negativa che si era creata. Gli screzi in spogliatoio non ci sono stati. Pinzi si è fatto male, Guidone, Sarno e Della Rocca sono stati esclusi e rimangono fuori. Riccardo Serena si è fatto male al ginocchio e pare si tratti del menisco. Andranno via 10-11 giocatori e dovranno entrare 4-5 giocatori di qualità per rinforzare la squadra. I 10-11 giocatori che partiranno sono già stati individuati. Inizialmente sono stati fatti programmi condivisi da allenatore e società, oggi ci ritroviamo a non avere la certezza di mantenere la categoria come pensavamo. Sono stati fatti errori di valutazione tecnici e soprattutto morali. Le quattro priorità sono un centravanti di struttura, due centrocampisti e un difensore di qualità. Turone non rimarrà, su Groppi faremo una valutazione in un secondo momento. I collaboratori ci sono, Dal Moro, Chiodi e Zancopè. Foscarini non aveva i metodi adatti a questo gruppo. Questo è un gruppo che deve lavorare sempre sotto pressione, le cinque sconfitte testimoniano che il cambio non è servito. Due mesi fa la società ha detto il contrario? Il passo indietro lo deve fare la squadra, in Serie B si deve correre e lavorare tutti assieme. Le squadre al nostro pari livello fanno risultato perché sono compatte. Bisogna fare sacrifici, lottare, stare insieme. Lo sfogo degli ultras ha fatto percepire al gruppo una situazione di chiaro rischio retrocessione, se ci si mette insieme a lottare per lo stesso obiettivo. Se siamo ultimi è evidente che ho sbagliato anche io, i rinnovi di contratto sono stati fatti a giocatori sani e moralmente impeccabili. Io non mi posso certo togliere dalle responsabilità”



© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni