Ascoli Calcio: un mercato di gennaio per tentare l'assalto ai playoff

Redazione Picenotime

03 Gennaio 2019

Si è chiuso con la grandissima vittoria in rimonta per 3-2 contro il Crotone il 2018 dell'Ascoli di Vivarini. E ora è già tempo di guardare al futuro e alla seconda metà del campionato. Reduci da ottimo girone d'andata, i marchigiani guardano al mercato di gennaio per rinforzare una rosa che ha un obiettivo ben chiaro in mente: conquistare i playoff.
Partiamo da qualche numero. I bianconeri dopo le prime diciotto giornate sono decimi in classifica in coabitazione con la Salernitana, hanno conquistato 24 punti e si trovano ad appena due lunghezze dalla zona playoff e a +7 da quella playout. Numeri così non si vedevano al Cino e Lillo del Duca da molti anni. Basti pensare che dal ritorno in cadetteria il miglior bottino era stato quello del 2016/2017, quando Alfredo Aglietti portò i suoi ragazzi al giro di boa con 22 punti. 
I 24 punti che hanno portato alla decima posizione e che hanno confermato le attuali quote di Unibet per la vittoria del campionato di Serie B e in cui l'Ascoli è inserito nelle squadre che lotteranno per la post-season, sono frutto di sei vittorie (contro Lecce, Carpi, Verona, Spezia e Crotone e Benevento), e sei pareggi (con Cosenza, Cremonese, Cittadella, Brescia, Salernitana e Pescara).
La difesa è stata il punto di forza della prima parte di stagione: 22 gol subiti, di cui 9 in casa e 13 in trasferta, fanno di quella marchigiana l'ottava retroguardia del campionato. Più a corrente alternata l'attacco con 20 marcature all'attivo e con Matteo Ardemagni e Riccardo Brosco a guidare la classifica marcatori interna a quota 4 reti. 
Obiettivo primario del mercato di gennaio, quindi, quello di cercare una punta per affiancare Ardemagni in zona gol. Vivarini ha chiesto alla dirigenza tre giocatori: un portiere, un jolly difensivo e un attaccante funzionale a un gioco fatto di compattezza e veloci ripartenze. 
Per la porta il rinforzo individuato è di altissimo profilo: sembra già avviata la trattativa per Simone Scuffet, portiere in forza all'Udinese. Partito da titolare, il classe 1996 di Udine ha perso il posto ai danni di Musso e si sarebbe convinto a cercare una nuova squadra in grado di garantirgli più minuti. Per portarlo ad Ascoli c'è da battere la concorrenza del Foggia.
In attacco sono tre le piste seguite. La prima, e forse la più praticabile, sembra quella che porta a Jerry Mbakogu, attaccante svincolato. Sul centravanti protagonista della prima storica promozione del Carpi e già autore di 39 reti in B, ci sono anche Pescara, Cosenza e Padova. 
Il secondo nome individuato è quello di Giuseppe De Luca. Classe 1991, di proprietà dell'Entella ma ora al Cluj in serie A rumena, l'attaccante sarebbe felice di tornare in Italia già a gennaio. Seconda punta brevilinea che fa della rapidità e del senso del gol le proprie caratteristiche principali, De Luca sarebbe perfetto per gli schemi di Vivarini e conosce benissimo il campionato di Serie B: lo scorso anno ha realizzato 7 reti con l'Entella. In precedenza, aveva vestito con ottimi risultati le maglie in B di Bari, Vicenza e Varese e quella dell'Atalanta in Serie A dove vanta un bottino di 6 gol in 35 presenze. 
Nelle ultime ore i bianconeri si sono inseriti anche nella corsa a Gianluca Scamacca. Di proprietà del Sassuolo, Scamacca è attualmente in prestito in Olanda al PEC Zwolle ma ha un grandissimo estimatore nel Patron Puccinelli. Che sia lui il più vicino a vestire la casacca dei marchigiani?
Intanto si lavora anche sul fronte delle uscite. Nei prossimi giorni il Brescia secondo in classifica potrebbe tentare l'affondo decisivo per Michele Cavion, uno dei centrocampisti emergenti del campionato e già autore di tre gol e altrettanti assist in stagione. Difficile che lasci il Piceno già a gennaio a meno di offerte irrinunciabili. 
Pronto alla partenza anche Tomasz Kupisz. Il terzino polacco ha giocato poco fin qui e potrebbe chiedere la cessione per trovare più spazio. Ci sono tre squadre su di lui: Spezia, Benevento e Cremonese.

© Riproduzione riservata

Commenti (7)

aldragon 03 Gennaio 2019 11:12

1. sfoltire la rosa (da 31 a 26)
2. portiere affidable (Scuffet ottimo, ma il Foggia lo ha richiesto già 20 gg fa - mantenere Bacci)
3. mantenere il gruppo e lo spogliatoio (ci sono volute almeno 5 giornate per vedere un po' di gioco)

Ovvero: niente "colpi" ma solidità, continuità motivazione dei titolari (rinnovi contrattuali, specialmente Addae)
Il resto è secondario ma gradirei un recupero in rosa di Mignanelli. L'unico suo problema fu l'entrata criminale che subì e un carattere un pò così ..., ma sulla sx non abbiamo altri oltre Elia.
Forza Ascoli, il 2019 è tuo!


Sarò sempre del settembre 03 Gennaio 2019 13:31

Un terzino sinistro è indispensabile


Andrea 03 Gennaio 2019 16:02

Tornasse Monachello non mi dispiacerebbe...


GIANCARLO 03 Gennaio 2019 18:30

Se vogliamo puntare ai play off Cavion deve restare


Luigi 1960 03 Gennaio 2019 19:25

Vendere Cavion sarebbe puro autolesionismo. Cavion è uno dei pochi in piena forma, che non ha mai subito infortuni, ha fatto tutta la preparazione, non è mai stato squalificato, ha già realizzato tre reti decisive, non ha mai creato problemi, insomma un ragazzo di qualità sia a livello umano e sia a livello tecnico. Venderlo ora a una concorrente dei piani alti a cui l'Ascoli ambisce significa darsi la zappa sui piedi. Se proprio lo si vuole vendere per realizzarci un introito allora sarebbe meglio aspettare la conclusione del campionato, quando la sua quotazione sarà sicuramente raddoppiata. Non penso che Cavion stia puntando i piedi per essere ceduto al Brescia.


Ascoli 78/79 03 Gennaio 2019 19:45

Personalmente, cederei: Mignanelli, Kupisz, uno tra De Santis (in prestito), Quaranta (in prestito) o Ingrosso, N'Gombo e Rosseti.
Dentro: un portiere forte (Scuffet, Bardi, Micai), due terzini (riserve, quindi anche giovani o di prospettiva), una seconda punta (potenziale titolare: Da Cruz e De Luca ottimi ma dal carattere non facile), un centravanti di peso (che non abbiamo: ottimo sarebbe Mbakogu). Con questi saremmo da play-off!


FeudoPiceno 03 Gennaio 2019 21:04

Niente scherzi, Cavion è un punto di forza.


Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni