Atletica leggera, sempre scatenati i talenti marchigiani al Palaindoor di Ancona

Redazione Picenotime

13 Gennaio 2019

Ermes Mercuri

Sempre più scatenati i giovani delle Marche in questo inizio di stagione ad Ancona. E il rettilineo del Palaindoor, rinnovato un paio di mesi fa, si conferma velocissimo. Un altro record regionale assoluto porta la firma di una sprinter: la 16enne Melissa Mogliani Tartabini che vola in 7”57 sui 60 metri. Non solo la portacolori dell’Atletica Recanati conquista il successo e toglie quattro centesimi al suo limite under 20 di 7”61, stabilito nello scorso weekend, ma riesce nell’impresa di pareggiare il primato delle “grandi”, quello di Valentina Natalucci ottenuto agli Assoluti indoor del 2014. La nuova freccia della velocità marchigiana, cresciuta sotto la guida del tecnico Alessandro Rovati, vive a Potenza Picena e studia al liceo scientifico di Civitanova. Grazie a questo exploit ora sale al quarto posto italiano under 18 di sempre, un decimo in più della migliore prestazione nazionale (7”47 della romana Chiara Gherardi nella scorsa stagione). Alle sue spalle Martina Aliventi (Collection Atl. Sambenedettese) in 7”76 e la sangiorgese Greta Rastelli (Team Atl. Marche), 7”79 in finale preceduto da 7”78 nel turno eliminatorio. In batteria la migliore era stata l’emiliana Zaynab Dosso (Fiamme Azzurre) con 7”45 ma poi in finale ha preferito fermarsi a scopo precauzionale, dopo un lieve fastidio avvertito nel riscaldamento.
Nei 400 metri Elisabetta Vandi (Atl. Avis Macerata) si afferma nettamente in 55”25, a un secondo dal personale, ventiquattro ore dopo il record regionale dei 200 con 24”24. Al maschile applausi per il 16enne capitolino Lorenzo Benati (Atl. Roma Acquacetosa), campione europeo under 18, con un notevole 48”53 da secondo posto nelle liste nazionali allievi alltime in sala, dietro soltanto al primato italiano di Edoardo Scotti (47”77 nel 2017). Tra gli altri risultati, la vittoria dell’ascolano Stefano Massimi (Sef Stamura Ancona) nei 1500 metri in 3’59”71 e il progresso dell’allievo Matteo Colletta (Sef Stamura Ancona) con 6”71 nel salto in lungo.
Grande partecipazione, in un weekend con oltre 1200 atleti-gara iscritti, e risultati significativi anche nel meeting giovanile. Nel salto in alto spicca la prodezza di Ermes Mercuri (Atl. Castelfidardo Criminesi) che batte il record marchigiano under 16 indoor con 1.84. Non era ancora nato quando Mattia Celentano aveva superato il precedente limite di 1.83 all’inizio del 2004 (11 gennaio), visto che il neoprimatista è nato il 28 ottobre di quell’anno. Cresciuto sotto la guida tecnica di Rossano Burini, alle prime esperienze con l’atletica nel 2018 si era subito messo in evidenza a livello nazionale con il sesto posto ai campionati italiani cadetti di Rieti.
 
RISULTATI COMPLETI
pomeriggio: http://www.fidal.it/risultati/2019/REG19247/Index.htm
mattina: http://www.fidal.it/risultati/2019/REG19246/Index.htm



© Riproduzione riservata

Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni