Lecce-Ascoli, incidente Scavone. Precisazione del club giallorosso: “Soccorsi tempestivi secondo protocollo”

Redazione Picenotime

02 Febbraio 2019

Foto da Uslecce.it

Il Lecce, attraverso una nota ufficiale pubblicata sul proprio sito, ha voluto precisare come si sono articolate le procedure di soccorso al centrocampista Manuel Scavone, che ha perso i sensi dopo appena 5 secondi nel corso del match di campionato contro l'Ascoli a causa di un violento scontro aereo con l'attaccante bianconero Giacomo Beretta (CLICCA QUI PER RIVEDERLO). 

"L’U.S. Lecce tiene a precisare che le azioni di soccorso a seguito dell’infortunio riportato dal calciatore Manuel Scavone sono state eseguite in maniera tempestiva e secondo protocollo. I primi ad intervenire sul terreno di gioco sono stati i sanitari del club giallorosso, Dott. Giuseppe Palaia, Dott. Giuseppe Congedo ed il massofisioterapista Graziano Fiorita. Immediatamente dopo si è attivata l’equipe di rianimazione presente a bordo campo, composta dal Dott. Antonio Tondo (cardiologo) e dal Dott. Maurizio Tiano (rianimatore) e dal personale paramedico.

In casi simili a quello occorso al centrocampista giallorosso, prima di trasferire il paziente in ambulanza, è necessaria la ripresa delle funzioni vitali. Come avvenuto ieri sera, una volta stabilizzate le funzioni vitali del soggetto coinvolto, si è proceduto al trasporto in ambulanza. L’U.S. Lecce ringrazia tutto il personale sanitario e paramedico intervenuto in modo tempestivo ed efficace".  


© Riproduzione riservata

Commenti (1)

Albardialbissola 02 Febbraio 2019 15:22

Per fortuna non è successo niente
Il problema non è stata la procedura seguita bensì i secondi persi per raggiungere con l ambulanza il giocatore in campo
È stato evidente che non vi era un passaggio diretto al campo...l ambulanza ha fatto tutto il giro del campo ed è entrata grazie ai giocatori che hanno spostato i cartelloni...invece di dire che è andato tutto bene come organizzazione farei mea culpa e ringrazierei che non è stato nulla di grave
Il caso di Morosini non ha insegnato nulla...come sempre fin quando non succede qualcosa....


Partecipa alla discussione

Tutti i campi sono obbligatori.

L’utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, volgari, diffamatori, o qualunque altro materiale in violazione di legge. Gli indirizzi email verranno registrati ma non saranno visibili pubblicamente nei commenti. Gli indirizzi IP verranno registrati.

PTIME

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni